Home » Internazionali »Politiche » TTIP Leaks: Greenpeace apre il vaso di Pandora del Trattato USA-UE:

TTIP Leaks: Greenpeace apre il vaso di Pandora del Trattato USA-UE

maggio 3, 2016 Internazionali, Politiche

Una nuova bufera si è abbattuta sull’Unione Europea. Greenpeace Olanda ha pubblicato ieri, sul sito www.ttip-leaks.org, 248 pagine dei testi negoziali del TTIP, il trattato commerciale di libero scambio in discussione tra Stati Uniti e UE, che interessa quasi un miliardo di consumatori.

“È ora di far luce sul TTIP – ha dichiarato Federica Ferrario, Responsabile Campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace Italia - Con questi negoziati segreti rischiamo di perdere i progressi acquisiti con grandi sacrifici nella tutela ambientale e nella salute pubblica. Questi documenti svelano che la società civile aveva ragione a essere preoccupata”. “Sapevamo che la posizione dell’UE non era bella – ha aggiunto la Ferrario – ora possiamo vedere che la posizione degli Stati Uniti è addirittura peggio. Un compromesso tra i due sarebbe inaccettabile.”

Greenpeace ha chiarito che la diffusione dei documenti ha lo scopo di garantire la necessaria trasparenza e promuovere un dibattito informato su un trattato di cui troppo poco si discute pubblicamente. Grazie a questa “fuga” di files ora, ribadisce l’associazione ambientalista, per la prima volta i cittadini europei possono confrontare le posizioni negoziali dell’UE e degli USA e intervenire sulle posizioni dei rispettivi Paesi.

Il punto fondamentale è la tutela del “principio di precauzione“, conquista di civiltà per i cittadini europei (inclusa nella normativa comunitaria), che non sembrerebbe altrettanto determinante dall’altra parte dell’Oceano e nei pensieri dei negoziatori di entrambe le parti. Il “principio di precauzione”, per intenderci, è quello che oggi offre, a 500 milioni di europei, una certa protezione (sebbene non assoluta) dagli OGM e della carne trattata con ormoni, giusto per fare due esempi particolarmente noti.

Pronta la replica della Commissaria UE al Commercio Cecilia Malmström, che ha dichiarato :”L’allarme di oggi mi sembra una tempesta in un bicchiere d’acqua: ci sono troppi malintesi“. Quello che secondo Greenpeace sarebbe un “testo consolidato”, non è in alcun modo, secondo la Commissaria, “il risultato”, del negoziato, ma solo “l’insieme delle posizioni dei due lati negoziali“. “Nessun accordo commerciale ad opera della UE abbasserà mai il nostro livello di tutela dei consumatori, o della sicurezza alimentare, o dell’ambiente“, ha concluso Malmström, che però non ha convinto Greenpeace. “I documenti segreti resi noti oggi non fanno menzione del principio di precauzione sancito dall’Unione Europea – spiega Federica Ferrario - Il riferimento al principio di precauzione di cui parla Malmström è contenuto in un position paper dell’UE che non è parte dei capitoli del TTIP che sono stati pubblicati da Greenpeace Olanda”.

I documenti pubblicati, secondo la ONG, mostrerebbero, al contrario, la profonda influenza delle lobby industriali sui negoziatori. “Si dice in più punti – prosegue Ferrario – che i negoziatori consultano regolarmente l’industria e sono pronti a farsi portavoce delle loro posizioni. Malmström può anche promettere che non abbasserà gli standard di tutela per consumatori e ambiente, ma l’evidenza è un’altra: in diversi punti gli Stati Uniti propongono di abbassare gli standard europei, ma in questi documenti non ci sono proposte della UE per controbilanciare tali pressioni. La Commissione Europea pubblichi i documenti restanti e dimostri il contrario.”

In particolare, secondo Greenpeace, quattro aspetti della protezione dell’ambiente e dei consumatori, sarebbero seriamente preoccupanti: l’omissione della regola delle Eccezioni Generali (stabilita quasi 70 anni fa negli accordi GATT del WTO, l’Organizzazione Mondiale per il Commercio), che permette agli stati di regolare il commercio “per proteggere la vita o la salute umana, animale o delle piante” o per “la conservazione delle risorse naturali esauribili”; la mancanza di qualsiasi riferimento all’Accordo di Parigi sul clima e all’importanza del commercio per conseguire gli obiettivi di contenimento delle temperature globali; l’ingerenza dell’industria e delle multinazionali, che hanno avuto pieno accesso ai documenti negoziali fin dalle prime battute, mentre l’opinione pubblica è stata tenuta totalmente all’oscuro sui contenuti; e infine il già citato “principio di precauzione“, mai menzionato nei capitoli sulla “Cooperazione Regolamentare”, né in nessuno degli altri 12 capitoli. La richiesta degli Stati Uniti, del resto, sarebbe quella di adottare un approccio “basato sui rischi” che si propone di gestire le sostanze pericolose piuttosto che evitarle. Un’impostazione che, secondo Greenpeace, “mina le capacità del legislatore di definire misure preventive, per esempio rispetto a sostanze controverse come le sostanze chimiche note quali interferenti endocrine”.

“Chi ha cura delle questioni ambientali, del benessere degli animali, dei diritti dei lavoratori o della privacy su internet dovrebbe essere preoccupato per quel che c’è in questi documenti” – continua Ferrario. “Si confermano le forti obiezioni della società civile e di milioni di persone che in tutto il mondo hanno protestato contro il TTIP, che non è altro che un grande trasferimento di poteri democratici dai cittadini al grande business. Chiediamo a tutti i rappresentanti eletti, alla società civile, ai cittadini di leggere questi documenti e di impegnarsi in un dibattito approfondito”.

A questo proposito Greenpeace Italia ha indetto, per sabato 7 maggio, un grande appuntamento nazionale a Roma, “per tutelare – scrivono gli organizzatori – i diritti e i beni comuni e costruire un altro modello sociale ed economico, equo e democratico”.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende