Home » Internazionali »Politiche » UE: coordinamento e nuove tecnologie per ridurre le emissioni:

UE: coordinamento e nuove tecnologie per ridurre le emissioni

novembre 18, 2010 Internazionali, Politiche

Courtesy of dorli, Flickr.comCambiamenti climatici, politiche per diminuire le emissioni di carbonio, tecnologie energetiche sostenibili e cooperazione tra l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) e la Direzione Generale Energia della Commissione Europea. Questi i temi che hanno animato il Summit sullo Strategic Energy Technology Plan 2010 (SET-Plan), tenutosi a Bruxelles il 15 e 16 novembre.

Lanciato nel 2007 dalla Commissione Europea, il SET-Plan rappresenta il pilastro fondamentale in tema di rivoluzione delle tecnologie  sostenibili relative alle politiche climatiche ed energetiche dell’Unione Europea. Il suo obiettivo è quello di creare una piattaforma di coordinamento tra le politiche energetiche europee e la ricerca scientifica riguardante le energie rinnovabili, per elaborare piani comuni di riduzione delle emissioni di carbonio nei Paesi UE.

Il risultato, oggi, è la nascita di progetti di proposta, selezione e implementazione di nuove tecnologie energetiche sulla base di budget economici ben precisi. I settori di sviluppo tecnologico valorizzati ed incentivati nell’ambito degli obiettivi del SET-Plan possono essere racchiusi in sei iniziative fondamentali: promozione e facilitazione dell’utilizzo delle bioenergie nei processi di produzione industriale; costruzione di impianti industriali dotati della CO2 Capture&Storage (CCS) Technology, per minimizzare l’impatto di emissioni dovute all’utilizzo di combustibili fossili; promozione, attraverso strumenti finanziari, di tecnologie sempre più sicure per la costruzione delle nuove centrali nucleari; produzione di energia tramite la combustione di idrogeno; e infine le iniziative per incentivare lo sviluppo di altri due settori chiave delle energie rinnovabili: eolico fotovoltaico.

In occasione del Summit, gli esponenti della comunità politica, scientifica ed industriale dell’Unione Europea hanno fatto il punto sui risultati raggiunti nell’area UE circa le azioni concrete della politica di riduzione delle emissioni CO2.  Le conclusioni sono state soddisfacenti. Negli ultimi anni infatti la rivoluzione tecnologica energetica ha dato i suoi frutti. Di fatto sono aumentate le politiche industriali volte al risparmio energetico e all’utilizzo di tecnologie a bassa emissione di CO2. Grazie anche all’aumento dei finanziamenti pubblici, sono cresciuti notevolmente gli investimenti in fonti rinnovabili, soprattutto per quanto riguarda il settore eolico e fotovoltaico.  Molti Paesi stanno riconsiderando la produzione di energia tramite la costruzione di nuove centrali nucleari.

Il problema del cambiamento climatico legato all’emissione di quantità elevate di CO2 nell’atmosfera è però una questione globale e non solo europea. Si tratta di una problematica non confinabile in una dimensione geografica ristretta riguardante solo alcuni Paesi e limitate aree geografiche. L’intero pianeta ne soffre. Nonostante i risultati positivi raggiunti nei Paesi  dell’UE, le emissioni globali di CO2 dal 2000 al 2007 sono infatti salite ad un tasso medio annuo del 3% rispetto all’1,1% del decennio 1990-2000. Questi sono i dati che emergono dall’Energy Technology Perspective (ETP) 2010 della IEA.

La causa di questi trend negativi va ricercata soprattutto nella crisi economica e nella volontà delle economie emergenti, quali la Cina e l’India, di posizionarsi in maniera aggressiva sul mercato globale. La crisi economica e il conseguente aumento dei prezzi del gas e del petrolio, ha portato poi alla crescita di centrali energetiche alimentate a carbone. Paesi come Cina e India, caratterizzati da una popolazione in forte crescita e da economie in espansione, non hanno del resto come priorità, nelle proprie agende politiche, la questione climatica e la riduzione delle emissioni di CO2 nell’atmosfera.

A questo proposito, Bo Diczfalusy, direttore del Comitato Direttivo sulle Tecnologie e Politiche Energetiche Sostenibili della IEA, ha sottolineato, nel suo intervento, la necessità di una stretta collaborazione tra IEA e Unione Europea sui programmi di ricerca e sullo sviluppo e dimostrazione (RSD) delle tecnologie a bassa emissione di carbonio.

Lo scambio di know-how e di informazioni, un coordinamento su scala mondiale della ricerca scientifica e l’elaborazione di politiche e strategie globali, potrebbero essere la chiave  per la costruzione di una piattaforma tecnologica che contribuisca alla diminuzione delle emissioni di carbonio e in cui confluiscano gli strumenti e gli obiettivi dell‘ETP e del SET-Plan.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende