Home » Internazionali »Politiche » UE: coordinamento e nuove tecnologie per ridurre le emissioni:

UE: coordinamento e nuove tecnologie per ridurre le emissioni

novembre 18, 2010 Internazionali, Politiche

Courtesy of dorli, Flickr.comCambiamenti climatici, politiche per diminuire le emissioni di carbonio, tecnologie energetiche sostenibili e cooperazione tra l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) e la Direzione Generale Energia della Commissione Europea. Questi i temi che hanno animato il Summit sullo Strategic Energy Technology Plan 2010 (SET-Plan), tenutosi a Bruxelles il 15 e 16 novembre.

Lanciato nel 2007 dalla Commissione Europea, il SET-Plan rappresenta il pilastro fondamentale in tema di rivoluzione delle tecnologie  sostenibili relative alle politiche climatiche ed energetiche dell’Unione Europea. Il suo obiettivo è quello di creare una piattaforma di coordinamento tra le politiche energetiche europee e la ricerca scientifica riguardante le energie rinnovabili, per elaborare piani comuni di riduzione delle emissioni di carbonio nei Paesi UE.

Il risultato, oggi, è la nascita di progetti di proposta, selezione e implementazione di nuove tecnologie energetiche sulla base di budget economici ben precisi. I settori di sviluppo tecnologico valorizzati ed incentivati nell’ambito degli obiettivi del SET-Plan possono essere racchiusi in sei iniziative fondamentali: promozione e facilitazione dell’utilizzo delle bioenergie nei processi di produzione industriale; costruzione di impianti industriali dotati della CO2 Capture&Storage (CCS) Technology, per minimizzare l’impatto di emissioni dovute all’utilizzo di combustibili fossili; promozione, attraverso strumenti finanziari, di tecnologie sempre più sicure per la costruzione delle nuove centrali nucleari; produzione di energia tramite la combustione di idrogeno; e infine le iniziative per incentivare lo sviluppo di altri due settori chiave delle energie rinnovabili: eolico fotovoltaico.

In occasione del Summit, gli esponenti della comunità politica, scientifica ed industriale dell’Unione Europea hanno fatto il punto sui risultati raggiunti nell’area UE circa le azioni concrete della politica di riduzione delle emissioni CO2.  Le conclusioni sono state soddisfacenti. Negli ultimi anni infatti la rivoluzione tecnologica energetica ha dato i suoi frutti. Di fatto sono aumentate le politiche industriali volte al risparmio energetico e all’utilizzo di tecnologie a bassa emissione di CO2. Grazie anche all’aumento dei finanziamenti pubblici, sono cresciuti notevolmente gli investimenti in fonti rinnovabili, soprattutto per quanto riguarda il settore eolico e fotovoltaico.  Molti Paesi stanno riconsiderando la produzione di energia tramite la costruzione di nuove centrali nucleari.

Il problema del cambiamento climatico legato all’emissione di quantità elevate di CO2 nell’atmosfera è però una questione globale e non solo europea. Si tratta di una problematica non confinabile in una dimensione geografica ristretta riguardante solo alcuni Paesi e limitate aree geografiche. L’intero pianeta ne soffre. Nonostante i risultati positivi raggiunti nei Paesi  dell’UE, le emissioni globali di CO2 dal 2000 al 2007 sono infatti salite ad un tasso medio annuo del 3% rispetto all’1,1% del decennio 1990-2000. Questi sono i dati che emergono dall’Energy Technology Perspective (ETP) 2010 della IEA.

La causa di questi trend negativi va ricercata soprattutto nella crisi economica e nella volontà delle economie emergenti, quali la Cina e l’India, di posizionarsi in maniera aggressiva sul mercato globale. La crisi economica e il conseguente aumento dei prezzi del gas e del petrolio, ha portato poi alla crescita di centrali energetiche alimentate a carbone. Paesi come Cina e India, caratterizzati da una popolazione in forte crescita e da economie in espansione, non hanno del resto come priorità, nelle proprie agende politiche, la questione climatica e la riduzione delle emissioni di CO2 nell’atmosfera.

A questo proposito, Bo Diczfalusy, direttore del Comitato Direttivo sulle Tecnologie e Politiche Energetiche Sostenibili della IEA, ha sottolineato, nel suo intervento, la necessità di una stretta collaborazione tra IEA e Unione Europea sui programmi di ricerca e sullo sviluppo e dimostrazione (RSD) delle tecnologie a bassa emissione di carbonio.

Lo scambio di know-how e di informazioni, un coordinamento su scala mondiale della ricerca scientifica e l’elaborazione di politiche e strategie globali, potrebbero essere la chiave  per la costruzione di una piattaforma tecnologica che contribuisca alla diminuzione delle emissioni di carbonio e in cui confluiscano gli strumenti e gli obiettivi dell‘ETP e del SET-Plan.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende