Home » Internazionali »Politiche » UE: coordinamento e nuove tecnologie per ridurre le emissioni:

UE: coordinamento e nuove tecnologie per ridurre le emissioni

novembre 18, 2010 Internazionali, Politiche

Courtesy of dorli, Flickr.comCambiamenti climatici, politiche per diminuire le emissioni di carbonio, tecnologie energetiche sostenibili e cooperazione tra l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) e la Direzione Generale Energia della Commissione Europea. Questi i temi che hanno animato il Summit sullo Strategic Energy Technology Plan 2010 (SET-Plan), tenutosi a Bruxelles il 15 e 16 novembre.

Lanciato nel 2007 dalla Commissione Europea, il SET-Plan rappresenta il pilastro fondamentale in tema di rivoluzione delle tecnologie  sostenibili relative alle politiche climatiche ed energetiche dell’Unione Europea. Il suo obiettivo è quello di creare una piattaforma di coordinamento tra le politiche energetiche europee e la ricerca scientifica riguardante le energie rinnovabili, per elaborare piani comuni di riduzione delle emissioni di carbonio nei Paesi UE.

Il risultato, oggi, è la nascita di progetti di proposta, selezione e implementazione di nuove tecnologie energetiche sulla base di budget economici ben precisi. I settori di sviluppo tecnologico valorizzati ed incentivati nell’ambito degli obiettivi del SET-Plan possono essere racchiusi in sei iniziative fondamentali: promozione e facilitazione dell’utilizzo delle bioenergie nei processi di produzione industriale; costruzione di impianti industriali dotati della CO2 Capture&Storage (CCS) Technology, per minimizzare l’impatto di emissioni dovute all’utilizzo di combustibili fossili; promozione, attraverso strumenti finanziari, di tecnologie sempre più sicure per la costruzione delle nuove centrali nucleari; produzione di energia tramite la combustione di idrogeno; e infine le iniziative per incentivare lo sviluppo di altri due settori chiave delle energie rinnovabili: eolico fotovoltaico.

In occasione del Summit, gli esponenti della comunità politica, scientifica ed industriale dell’Unione Europea hanno fatto il punto sui risultati raggiunti nell’area UE circa le azioni concrete della politica di riduzione delle emissioni CO2.  Le conclusioni sono state soddisfacenti. Negli ultimi anni infatti la rivoluzione tecnologica energetica ha dato i suoi frutti. Di fatto sono aumentate le politiche industriali volte al risparmio energetico e all’utilizzo di tecnologie a bassa emissione di CO2. Grazie anche all’aumento dei finanziamenti pubblici, sono cresciuti notevolmente gli investimenti in fonti rinnovabili, soprattutto per quanto riguarda il settore eolico e fotovoltaico.  Molti Paesi stanno riconsiderando la produzione di energia tramite la costruzione di nuove centrali nucleari.

Il problema del cambiamento climatico legato all’emissione di quantità elevate di CO2 nell’atmosfera è però una questione globale e non solo europea. Si tratta di una problematica non confinabile in una dimensione geografica ristretta riguardante solo alcuni Paesi e limitate aree geografiche. L’intero pianeta ne soffre. Nonostante i risultati positivi raggiunti nei Paesi  dell’UE, le emissioni globali di CO2 dal 2000 al 2007 sono infatti salite ad un tasso medio annuo del 3% rispetto all’1,1% del decennio 1990-2000. Questi sono i dati che emergono dall’Energy Technology Perspective (ETP) 2010 della IEA.

La causa di questi trend negativi va ricercata soprattutto nella crisi economica e nella volontà delle economie emergenti, quali la Cina e l’India, di posizionarsi in maniera aggressiva sul mercato globale. La crisi economica e il conseguente aumento dei prezzi del gas e del petrolio, ha portato poi alla crescita di centrali energetiche alimentate a carbone. Paesi come Cina e India, caratterizzati da una popolazione in forte crescita e da economie in espansione, non hanno del resto come priorità, nelle proprie agende politiche, la questione climatica e la riduzione delle emissioni di CO2 nell’atmosfera.

A questo proposito, Bo Diczfalusy, direttore del Comitato Direttivo sulle Tecnologie e Politiche Energetiche Sostenibili della IEA, ha sottolineato, nel suo intervento, la necessità di una stretta collaborazione tra IEA e Unione Europea sui programmi di ricerca e sullo sviluppo e dimostrazione (RSD) delle tecnologie a bassa emissione di carbonio.

Lo scambio di know-how e di informazioni, un coordinamento su scala mondiale della ricerca scientifica e l’elaborazione di politiche e strategie globali, potrebbero essere la chiave  per la costruzione di una piattaforma tecnologica che contribuisca alla diminuzione delle emissioni di carbonio e in cui confluiscano gli strumenti e gli obiettivi dell‘ETP e del SET-Plan.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende