Home » Green Economy »Nazionali »Politiche » Verso la stagione fredda: soluzioni e regole per l’efficienza energetica:

Verso la stagione fredda: soluzioni e regole per l’efficienza energetica

ottobre 10, 2017 Green Economy, Nazionali, Politiche

La stagione fredda, anche se quest’anno sembra tardare, è ormai alle porte e per chi deve ancora intervenire con ristrutturazioni, sostituzioni di impianti o manutenzione, è consigliabile velocizzare le scelte e affidare gli incarichi a ditte o artigiani specializzati. A partire dal 15 ottobre – a seconda delle zone climatiche del Paese – sarà infatti possibile accendere il riscaldamento.

Ma parlare solo di “termosifoni” sarebbe riduttivo. L’efficienza energetica, in ambito termico, è una disciplina che tocca diversi settori dell’impiantistica e misure di isolamento passivo, in forma integrata: si va dai pannelli solari alle caldaie a condensazione, dalle valvole termostatiche agli infissi a taglio termico.

Indipendentemente dalla fascia climatica di appartenenza, gli interventi di isolamento dell’involucro e la sostituzione dei serramenti sono il primo passo verso l’abbattimento delle emissioni nocive e dei costi – grazie anche agli incentivi fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici esistenti, che consentono una detrazione su Irpef e Ires del 65% della spesa sostenuta, spalmata in 10 anni. Si tratta di un passaggio logico, secondo un principio di buon senso, che suggerisce di cominciare l’opera di efficientamento tappando innanzitutto “i buchi”.

Lo step successivo è solitamente la sostituzione delle vecchie caldaie con prodotti più efficienti e avanzati dal punto di vista tecnologico. In alcuni casi i nuovi bollitori d’acqua a condensazione, integrabili con un sistema a pannelli solari o altre forme “combinate” per la produzione di riscaldamento e acqua calda sanitaria, possono risultare una scelta anche più ecologica della tradizionale caldaia.

Questi bollitori possono essere installati a parete o a terra, internamente o esternamente all’abitazione. All’impianto viene abbinato un piccolo pannello solare esterno, capace di comunicare con il bollitore e di fornirgli l’energia necessaria non solo per la produzione di acqua calda sanitaria, ma anche per il riscaldamento. Una soluzione in grado di garantire un considerevole risparmio annuo, che può ulteriormente aumentare quando la caldaia del bollitore sia a condensazione. Mentre un impianto di tipo classico disperde infatti nell’atmosfera, attraverso un camino, una grande quantità di ossidi di azoto e monossido di carbonio (e recupera solo una piccola parte del calore sensibile), un impianto a condensazione riesce a recuperare buona parte del vapore acqueo prodotto da quei fumi di scarico e a utilizzare il loro calore per preriscaldare l’acqua di ritorno dell’impianto.

Se la giornata è poco soleggiata e l’energia da fonte rinnovabile non è sufficiente, il bollitore passa poi, in modalità automatica, dal pannello solare alla rete elettrica – fermo restando che è possibile, anche in questo caso, sottoscrivere contratti di fornitura di “energia verde” certificata con garanzia d’origine, che assicurano una provenienza della produzione elettrica “a monte” da fonti rinnovabili.

Anche l’acquisto e l’installazione di questo tipo di impianti può beneficiare delle detrazioni fiscali per le riqualificazioni energetiche del 65%, in scadenza al 31 dicembre 2017. Nell’incertezza della proroga al 2018 è dunque consigliato approfittare dell’opportunità di risparmio.

A proposito di scadenze e obblighi di legge, è importante anche ricordare, in chiusura, quelli legati all’ambito specifico dei riscaldamenti. Oltre al già citato Decreto del Presidente della Repubblica n. 412 del 26 agosto 1993 (che determina le regole e i tempi di accensione degli impianti nelle sei “zone climatiche” d’Italia), i condomini dovrebbero infatti verificare il completamento dell’installazione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione delle calorie consumate (le cosiddette “valvole termostatiche”), il cui obbligo scadeva – senza ulteriori proroghe – il 30 giugno 2017. Infine è bene per tutti tenere a mente che, per legge, la temperatura interna agli edifici non può mai superare i 18 gradi centigradi, nelle attività industriali e artigianali, e i 20 gradi centigradi nelle abitazioni private, nelle scuole e negli uffici, con una tolleranza per entrambi i casi di 2 gradi centigradi.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende