Home » Internazionali »Politiche » Yes, we CANcun:

Yes, we CANcun

dicembre 9, 2010 Internazionali, Politiche

Christiana Figueres e Ban Ki Moon,Courtesy of Flickr.comA Cancun la seconda e ultima settimana di negoziazioni sul clima apre scenari inediti, mentre trapela la speranza che si possa arrivare a decisivi passi avanti per un accordo su un trattato di riduzione delle emissioni di CO2. O almeno di arrivare a compromessi su alcuni nodi cruciali. I testi negoziali sono ancora aperti, con molte opzioni e incognite e alcuni Paesi mostrano (seppur tardivamente) le loro buone intenzioni.

Il colpo di scena arriva dalla Cina, che martedì ha annunciato di poter accettare impegni volontari ma vincolanti di riduzione delle emissioni di gas serra; a patto, chiaramente, che anche gli altri Paesi firmino analoghi impegni con obiettivi ambiziosi e che si arrivi a un accordo sui finanziamenti e sui trasferimenti di tecnologie pulite. Sembra, quella della Cina, la risposta alle dichiarazioni del Giappone della settimana scorsa, che aveva addirittura negato il suo appoggio a un prolungamento del Protocollo di Kyoto perché alcuni dei maggiori Paesi non ne fanno parte. Oggi la Cina ha fatto lievemente retromarcia, chiarendo che le loro riduzioni avranno carattere solamente volontario. Siamo ai tatticismi politici.

D’altra parte la Cina ha già annunciato di voler arrivare al 15% di produzione di energia da fonti non fossili entro il 2020 e sta considerando la possibilità di introdurre uno schema nazionale di riduzione delle emissioni industriali simile all’Emission Trading Scheme europeo.

Gli Stati Uniti per il momento tacciono, ribadendo la blanda offerta di ridurre le proprie emissioni del 17% rispetto al 2005 (ovvero solo del 5% rispetto al 1990, anno base del Protocollo di Kyoto). La dichiarazione ufficiale statunitense, comunque, arriverà nella giornata di oggi. Infatti, questa è anche la settimana con le “sessioni di alto livello”, ovvero le dichiarazioni ufficiali degli Stati, con la partecipazione di ministri e capi di Stato. Per l’Italia sarà presente il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, che pure interverrà in mattinata.

Giusto prima di partire, la Prestigiacomo ha annunciato che l’Italia ha finalmente provveduto ad onorare l’impegno di 200 milioni di euro previsti per il fast start degli aiuti ai Paesi in via di sviluppo per far fronte ai cambiamenti climatici. La morosità dell’Italia era stata fatta notare da alcune organizzazioni non governative internazionali e dalla stampa. Nel suo blog da Cancun, Andrea Cinquina,  che segue la delegazione italiana per la campagna tcktcktck , riporta come l’Europa stia portando avanti il suo impegno di convogliare finanziamenti per 7,2 miliardi di Euro, impegno preso a Copenhagen per il triennio 2010-2012: i membri dell’Unione Europea avevano già totalizzato quota 2,2 miliardi di Euro. Mancava solo l’Italia: “La cosa non passa inosservata e durante la conferenza stampa interviene un giornalista straniero che domanda al negoziatore belga, presidente di turno dell’UE, il perché l’Italia non abbia ancora adempiuto i suoi obblighi” riporta Andrea Cinquina, che prosegue “Già ero li pronto a vergognarmi per il mio paese, ma la diplomazia dei negoziatori dell’Unione evita un’altra brutta figura all’Italia: Peter Wittoeck (il delegato belga) ricorda infatti come questi dati risalgano al 17 di novembre, evidenziando come in realtà c’è ancora del tempo disponibile affinché paesi come l’Italia possano contribuire al fondo del fast start.” Ancora una volta ci siamo salvati in “zona Cesarini”.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende