Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » Zone 30: una ricetta per città più sicure e meno inquinate? Il commento di Laqup:

Zone 30: una ricetta per città più sicure e meno inquinate? Il commento di Laqup

Pubblichiamo un breve intervento dell’Associazione LAQUP (Laboratorio Ambiente Qualità Urbana e Partecipazione) di Torino, che richiama l’attenzione sul tema delle “Zone 30“, riemerso, a livello nazionale, a seguito di un recente decreto del Ministero dell’Ambiente che invita a presentare, entro il 10 gennaio 2017, progetti di mobilità sostenibile nel quadro del “Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro”.  ”Il bando del Ministero – ci spiega Mario Bellinzona, di LAQUP – può essere l’occasione per riportare l’attenzione sul tema, anche se nel paragrafo Definizioni del bando la definizione di Zona 30 è molto lontana da quanto indicato dall’Osservatorio Città Sostenibili del Politecnico di Torino nelle linee guida regionali…”.

Zone 30. Non se ne sente più parlare (non che se ne sia parlato molto), una zona in città (a Torino, NdR) è stata anche realizzata, poi niente più.

Nel quartiere di San Salvario avevamo preso cinque anni fa una iniziativa (Laqup e Donne per la Difesa della Società Civile) per informare i cittadini sulle conseguenze delle Zone 30: forte diminuzione del rischio di incidentalità, ma anche meno rumore e meno inquinamento atmosferico, dovuto al minor passaggio di automobili, scoraggiate dal limite di velocità. Una Zona e non semplicemente una via in cui si è messo il limite di velocità dei 30km/h. Con tutte le caratteristiche fisiche che portano al rispetto “naturale” del limite della velocità.

Erano state raccolte più di 500 firme per rendere la parte del quartiere tra Corso Vittorio e Corso Dante, e tra via Nizza e Corso Massimo d’Azeglio una vera Zona 30, con le porte, magari i parcheggi disegnati in un altro modo così da realizzare una chicane: le strade dell’area si prestano facilmente  a far parte di una Zona 30, essendo a senso unico e quasi tutte senza diritto di precedenza, quindi abbastanza lente. Ma non se ne è fatto niente.

Praticamente in tutta l’Europa le Zone 30 si sono diffuse dal centro alla periferia, contribuendo all’immagine di una città più tranquilla e più gradevole. Da noi praticamente niente: fedeli al principio che se hai l’automobile vai veloce. Se no, che senso ha usarla? Appunto.

Adesso è uscito un bando ministeriale che invita a realizzare interventi a favore della mobilità sostenibile, fra i quali le Zone 30. Sarà la volta buona?

Associazione Laqup

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende