Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » Zone 30: una ricetta per città più sicure e meno inquinate? Il commento di Laqup:

Zone 30: una ricetta per città più sicure e meno inquinate? Il commento di Laqup

Pubblichiamo un breve intervento dell’Associazione LAQUP (Laboratorio Ambiente Qualità Urbana e Partecipazione) di Torino, che richiama l’attenzione sul tema delle “Zone 30“, riemerso, a livello nazionale, a seguito di un recente decreto del Ministero dell’Ambiente che invita a presentare, entro il 10 gennaio 2017, progetti di mobilità sostenibile nel quadro del “Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro”.  ”Il bando del Ministero – ci spiega Mario Bellinzona, di LAQUP – può essere l’occasione per riportare l’attenzione sul tema, anche se nel paragrafo Definizioni del bando la definizione di Zona 30 è molto lontana da quanto indicato dall’Osservatorio Città Sostenibili del Politecnico di Torino nelle linee guida regionali…”.

Zone 30. Non se ne sente più parlare (non che se ne sia parlato molto), una zona in città (a Torino, NdR) è stata anche realizzata, poi niente più.

Nel quartiere di San Salvario avevamo preso cinque anni fa una iniziativa (Laqup e Donne per la Difesa della Società Civile) per informare i cittadini sulle conseguenze delle Zone 30: forte diminuzione del rischio di incidentalità, ma anche meno rumore e meno inquinamento atmosferico, dovuto al minor passaggio di automobili, scoraggiate dal limite di velocità. Una Zona e non semplicemente una via in cui si è messo il limite di velocità dei 30km/h. Con tutte le caratteristiche fisiche che portano al rispetto “naturale” del limite della velocità.

Erano state raccolte più di 500 firme per rendere la parte del quartiere tra Corso Vittorio e Corso Dante, e tra via Nizza e Corso Massimo d’Azeglio una vera Zona 30, con le porte, magari i parcheggi disegnati in un altro modo così da realizzare una chicane: le strade dell’area si prestano facilmente  a far parte di una Zona 30, essendo a senso unico e quasi tutte senza diritto di precedenza, quindi abbastanza lente. Ma non se ne è fatto niente.

Praticamente in tutta l’Europa le Zone 30 si sono diffuse dal centro alla periferia, contribuendo all’immagine di una città più tranquilla e più gradevole. Da noi praticamente niente: fedeli al principio che se hai l’automobile vai veloce. Se no, che senso ha usarla? Appunto.

Adesso è uscito un bando ministeriale che invita a realizzare interventi a favore della mobilità sostenibile, fra i quali le Zone 30. Sarà la volta buona?

Associazione Laqup

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende