Home » Aziende »Pratiche »Pubblica Amministrazione »Smart City » A Genova si insegna la “green logistic”. Intervista a Walter Vassallo:

A Genova si insegna la “green logistic”. Intervista a Walter Vassallo

La logistica, l’intermodalità e le catene di approvvigionamento sono, sempre più, oggetto di progetti che ne analizzano la sostenibilità, rivelando il ruolo strategico che questi settori potrebbero avere nella diffusione di un sistema di mobilità delle merci a minor impatto ambientale. L’economia portuale e la sua integrazione, ad esempio, è uno dei nodi fondamentali del sistema logistico, ma spesso i suoi operatori non conoscono bene le tematiche della ”green logistic“. “La globalizzazione, i cambiamenti climatici, le direttive europee, i rapidi cambiamenti e i nuovi concetti strategici ed operativi legati alla logistica,  l’innovazione e le nuove tecnologie, sono solo alcuni elementi che stanno cambiando il mondo dei trasporti e il nostro modo di muovere cargo door to door”, spiega Walter Vassallo, esperto di politiche e progetti europei, che a Genova - una delle città italiane più impegnate nella trasformazione in smart city – sta seguendo il progetto di formazione professionale sulla logistica marittima sostenibile X-Posse.

D) Dottor Vassallo, come nasce il progetto e quali sono gli obiettivi?

R) Innanzitutto va ricordato che la formazione professionale gioca un ruolo decisivo per la Commissione Europea e il lavoro del progetto che stiamo portando avanti va proprio in questa direzione. X-Posse è un progetto europeo in parte finanziato dal programma Marco Polo. Molti dei corsi attuali sono ancora focalizzati sulle singole modalità di trasporto e l’impatto ambientale positivo di talune soluzioni non è ancora largamente compreso dalle forze di mercato. Il materiale formativo sviluppato dal Progetto X-Posse tende a colmare questi gap. I trasporti, e i porti in particolare, stanno diventando economie sempre di più basate sulla conoscenza. Per continuare ad essere competitivi, garantire che il trasporto abbia uno sviluppo sostenibile in futuro e che le soluzioni logistiche siano adeguate e redditizie, è quindi di fondamentale importanza investire nell’istruzione e nella formazione.

D) Chi sono e quali sono le peculiarità degli altri partner coinvolti?

R) che include università, centri di ricerca, associazioni e società attive nel campo dei trasporti. Il coordinatore è l’Università HSBA di Amburgo. Tra gli altri spiccano l’Associazione Marittima per la Ricerca e l’Innovazione (MARI) – con esperienza in campo progettuale europeo – che agisce come cluster focalizzato nel settore dei trasporti, ambiente e tecnologie; Innovamar, coordinatore della Piattaforma Marittima Spagnola; il Porto di Gijon; l’Università La Sapienza di Roma; il CFLI; l’ente di formazione dell’Autorità portuale di Venezia; il gruppo I3 di Bruxelles con maturata esperienza in progetti europei; CYMEPA l’associazione cipriota per la protezione dell’ambiente marino; ELVICTOR con base in Grecia, uno dei fornitori di equipaggio leader a livello mondiale.

D) L’intermodalità, termine ormai entrato nel lessico comune dei mobility manager e di chi si occupa di mobilità alternativa, nella sua esperienza è un concetto che può essere applicato anche alle merci?

R) E’ un concetto che non anche, ma soprattutto trova grande rilevanza nel settore merci. E ormai da decenni parola chiave in qualsiasi contesto di policy a livello europeo. Ma come molte altre parole di uso comune, non sempre si conosce appieno e si riesce a contestualizzare, perché intrinsecamente legato ad un mondo, quello del trasporto, altamente complesso e variegato e fortemente condizionato da fattori esterni in perenne cambiamento. E’ dagli anni ’90 che si sono posti i riflettori verso la necessità di realizzare l’intermodalità. Essa implica l’uso di almeno due diverse modalità di trasporto in forma integrata, in un contesto di delivery merci “da porta a porta”. L’intermodalità non si limita quindi alla promozione del trasferimento dalla strada verso altri modi di trasporto, ma si distingue anche per lo sviluppo sostenibile e il miglioramento della catena di trasporto attraverso l’utilizzo ottimale dei diversi modi in combinazione. Il trasporto intermodale, come movimento merci senza rotture di carico, da origine a destinazione, attraverso l’utilizzo di due o più modalità trasportistiche, è una componente sempre più importante nel settore del trasporti merci.

D) Quali sono, a livello europeo, le buone pratiche di green logistic più rappresentative in questo momento?

R) Ci sono molti esempi di best practices. A livello macro cito i casi di Barcellona e Valencia con importanti attività logistiche a supporto del porto e caratteristiche infrastrutturali, tecnologiche e di capitale umano che riescono a creare valore aggiunto sia per l’indotto, che per la comunità che ruota intorno al settore trasporto. Queste due realtà sono ben integrate con la rete Europa, con una conseguente e soddisfacente produttività di movimentazione, a beneficio dell’intero sistema.

D) In queste settimane, nell’ambito di X-Posse, sta tenendo il corso (gratuito) “Trasporto sostenibile: una roadmap per affrontare le sfide globali” presso la fondazione Oltremare. Quali contenuti vengono affrontati?

R) Ho voluto fortemente coinvolgere la fondazione Oltremare per l’organizzazione di questo corso perché credo sia necessario “portare l’Europa in città”, soprattutto laddove ci sono soggetti che hanno una sensibilità maggiore verso alcune tematiche. Il corso analizzerà i legami tra ambiente, economia e competitività, offrendo un framework concettuale alla gestione strategica sostenibile, definendo meglio il quadro normativo internazionale ed europeo nel campo delle emissioni e della gestione ambientale, delineando i principali trend mondiali in tema di ambiente ed energia ed esplorando, infine, i riflessi di tutte queste attività su trasporto e logistica.

Alessio Sciurpa

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

maggio 4, 2018

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

A giugno verrà approvato in via definitiva il pacchetto europeo sull’economia circolare e già oggi nasce il Circular Economy Network, l’osservatorio della circolarità in Italia creato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da un gruppo di 13 aziende e associazioni di impresa che vanno dai consorzi di riciclo alle industrie di bioplastiche, dalle acque [...]

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

maggio 4, 2018

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

Domenica 6 maggio 2018, al Parco del Valentino di Torino torna protagonista la bicicletta con due importanti eventi dedicati al mondo del ciclismo urbano: la IX edizione del “Bike Pride”, la tradizionale parata annuale di biciclette organizzata dall’Associazione Bike Pride Fiab Torino, e la V edizione del Brompton World Championship, un evento dedicato agli appassionati [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende