Home » Aziende »Pratiche »Pubblica Amministrazione »Smart City » A Genova si insegna la “green logistic”. Intervista a Walter Vassallo:

A Genova si insegna la “green logistic”. Intervista a Walter Vassallo

La logistica, l’intermodalità e le catene di approvvigionamento sono, sempre più, oggetto di progetti che ne analizzano la sostenibilità, rivelando il ruolo strategico che questi settori potrebbero avere nella diffusione di un sistema di mobilità delle merci a minor impatto ambientale. L’economia portuale e la sua integrazione, ad esempio, è uno dei nodi fondamentali del sistema logistico, ma spesso i suoi operatori non conoscono bene le tematiche della ”green logistic“. “La globalizzazione, i cambiamenti climatici, le direttive europee, i rapidi cambiamenti e i nuovi concetti strategici ed operativi legati alla logistica,  l’innovazione e le nuove tecnologie, sono solo alcuni elementi che stanno cambiando il mondo dei trasporti e il nostro modo di muovere cargo door to door”, spiega Walter Vassallo, esperto di politiche e progetti europei, che a Genova - una delle città italiane più impegnate nella trasformazione in smart city – sta seguendo il progetto di formazione professionale sulla logistica marittima sostenibile X-Posse.

D) Dottor Vassallo, come nasce il progetto e quali sono gli obiettivi?

R) Innanzitutto va ricordato che la formazione professionale gioca un ruolo decisivo per la Commissione Europea e il lavoro del progetto che stiamo portando avanti va proprio in questa direzione. X-Posse è un progetto europeo in parte finanziato dal programma Marco Polo. Molti dei corsi attuali sono ancora focalizzati sulle singole modalità di trasporto e l’impatto ambientale positivo di talune soluzioni non è ancora largamente compreso dalle forze di mercato. Il materiale formativo sviluppato dal Progetto X-Posse tende a colmare questi gap. I trasporti, e i porti in particolare, stanno diventando economie sempre di più basate sulla conoscenza. Per continuare ad essere competitivi, garantire che il trasporto abbia uno sviluppo sostenibile in futuro e che le soluzioni logistiche siano adeguate e redditizie, è quindi di fondamentale importanza investire nell’istruzione e nella formazione.

D) Chi sono e quali sono le peculiarità degli altri partner coinvolti?

R) che include università, centri di ricerca, associazioni e società attive nel campo dei trasporti. Il coordinatore è l’Università HSBA di Amburgo. Tra gli altri spiccano l’Associazione Marittima per la Ricerca e l’Innovazione (MARI) – con esperienza in campo progettuale europeo – che agisce come cluster focalizzato nel settore dei trasporti, ambiente e tecnologie; Innovamar, coordinatore della Piattaforma Marittima Spagnola; il Porto di Gijon; l’Università La Sapienza di Roma; il CFLI; l’ente di formazione dell’Autorità portuale di Venezia; il gruppo I3 di Bruxelles con maturata esperienza in progetti europei; CYMEPA l’associazione cipriota per la protezione dell’ambiente marino; ELVICTOR con base in Grecia, uno dei fornitori di equipaggio leader a livello mondiale.

D) L’intermodalità, termine ormai entrato nel lessico comune dei mobility manager e di chi si occupa di mobilità alternativa, nella sua esperienza è un concetto che può essere applicato anche alle merci?

R) E’ un concetto che non anche, ma soprattutto trova grande rilevanza nel settore merci. E ormai da decenni parola chiave in qualsiasi contesto di policy a livello europeo. Ma come molte altre parole di uso comune, non sempre si conosce appieno e si riesce a contestualizzare, perché intrinsecamente legato ad un mondo, quello del trasporto, altamente complesso e variegato e fortemente condizionato da fattori esterni in perenne cambiamento. E’ dagli anni ’90 che si sono posti i riflettori verso la necessità di realizzare l’intermodalità. Essa implica l’uso di almeno due diverse modalità di trasporto in forma integrata, in un contesto di delivery merci “da porta a porta”. L’intermodalità non si limita quindi alla promozione del trasferimento dalla strada verso altri modi di trasporto, ma si distingue anche per lo sviluppo sostenibile e il miglioramento della catena di trasporto attraverso l’utilizzo ottimale dei diversi modi in combinazione. Il trasporto intermodale, come movimento merci senza rotture di carico, da origine a destinazione, attraverso l’utilizzo di due o più modalità trasportistiche, è una componente sempre più importante nel settore del trasporti merci.

D) Quali sono, a livello europeo, le buone pratiche di green logistic più rappresentative in questo momento?

R) Ci sono molti esempi di best practices. A livello macro cito i casi di Barcellona e Valencia con importanti attività logistiche a supporto del porto e caratteristiche infrastrutturali, tecnologiche e di capitale umano che riescono a creare valore aggiunto sia per l’indotto, che per la comunità che ruota intorno al settore trasporto. Queste due realtà sono ben integrate con la rete Europa, con una conseguente e soddisfacente produttività di movimentazione, a beneficio dell’intero sistema.

D) In queste settimane, nell’ambito di X-Posse, sta tenendo il corso (gratuito) “Trasporto sostenibile: una roadmap per affrontare le sfide globali” presso la fondazione Oltremare. Quali contenuti vengono affrontati?

R) Ho voluto fortemente coinvolgere la fondazione Oltremare per l’organizzazione di questo corso perché credo sia necessario “portare l’Europa in città”, soprattutto laddove ci sono soggetti che hanno una sensibilità maggiore verso alcune tematiche. Il corso analizzerà i legami tra ambiente, economia e competitività, offrendo un framework concettuale alla gestione strategica sostenibile, definendo meglio il quadro normativo internazionale ed europeo nel campo delle emissioni e della gestione ambientale, delineando i principali trend mondiali in tema di ambiente ed energia ed esplorando, infine, i riflessi di tutte queste attività su trasporto e logistica.

Alessio Sciurpa

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende