Home » Aziende »Pratiche »Pubblica Amministrazione » A Milano e Brescia il primo progetto pilota verso l’auto elettrica di massa:

A Milano e Brescia il primo progetto pilota verso l’auto elettrica di massa

Letizia Moratti nell'auto elettrica guidata dal presidente Renault Jacques Bousquet, Courtesy of Renault ItaliaSi è tenuta ieri a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, la conferenza stampa di presentazione del progetto pilota E-Mobility, per la sperimentazione e la successiva diffusione, su larga scala, di un sistema di mobilità elettrica -pubblica e privata – ad impatto zero.

Alla presenza del Sindaco di Milano Letizia Moratti e dell’Assessore all’Ambiente Paolo Massari, Jacques Bousquet, Presidente di Renault Italia, e Giuliano Zuccoli, Presidente del Consiglio di Gestione della multiutility A2A, hanno ufficializzato la sigla dell’accordo definitivo, che dà il via al primo progetto pilota, in Europa, per una rete di rifornimento delle auto elettriche.

Entro la fine del 2010 A2A, grazie ad accordi con enti pubblici e privati (che metteranno a disposizione box, parcheggi aziendali e condominiali), installerà 270 punti di ricarica, 200 dei quali a Milano e 70 a Brescia, mentre Renault-Nissan inizierà a far circolare, nelle due città, i primi 60 veicoli alimentati con batterie al litio, che offrono un’autonomia di 160 km.

“Oggi Milano segna una tappa importante nella lotta allo smog”, ha commentato il sindaco Letizia Moratti, “che rende la nostra città all’avanguardia in Europa, visto che la nostra rete di rifornimento sarà pronta prima della messa in commercio su scala seriale delle auto elettriche. Questi veicoli sono a impatto zero e la loro filiera di produzione permette un dimezzamento delle emissioni di Co2 rispetto a quelle tradizionali.”

Meno smog e meno rumore“, ha aggiunto l’assessore Massari, ricordando come la silenziosità di queste auto possa cambiare anche l’ambiente sonoro urbano, restituendo ai cittadini sensazioni ormai dimenticate nel caos quotidiano della città.

Il Confronto delle emissioni "dal pozzo alla ruota" di autovetture con motore termico ed elettrico sul ciclo di omologazione europeo (NEDC)

Il Confronto delle emissioni "dal pozzo alla ruota" di autovetture con motore termico ed elettrico sul ciclo di omologazione europeo (NEDC)

L’impatto complessivo dei veicoli elettrici, a livello di emissioni, dipenderà ovviamente dalle fonti di produzione dell’energia necessaria a ricerciare le batterie. Ma contrariamente a tutte le altre tecnologie (termiche e ibride), quella elettrica è l’unica che consente l’opzione a zero emissioni – nel caso in cui l’energia sia prodotta da fonti rinnovabili. Va comunque tenuto conto che i veicoli elettrici sono, in ogni caso, meno inquinanti (in termini di gas serra) rispetto alle equivalenti auto tradizionali, come evidenzia il confronto di emissioni “dal pozzo alla ruota” sul ciclo di omologazione standard europeo (si veda il grafico).  

Renault Kangoo Z.E.

Renault Kangoo Z.E.

La sperimentazione, che durerà un anno, fino a giugno 2011, si avvarrà di due modelli della gamma Renault Zero Emission: il Kangoo Express Z.E., furgoncino per uso professionale e la berlina Fluence Z.E. - entrambi in commercio dal prossimo anno. In questo modo sarà testata anche l’offerta commerciale, basata, per il momento, su un canone di circa 500 euro per l’utilizzo e la manutenzione dell’auto e un abbonamento flat - sul modello delle tariffe telefoniche - per la ricarica della batteria nei punti di rifornimento.

Questo innovativo modello di business consentirà, nella successiva fase di commercializzazione dei veicoli, di contenere i prezzi delle auto, dovuti in larga parte proprio al costo della batteria, che verrà offerta in leasing, garantendo la sostituzione senza costi aggiuntivi per il cliente. Saranno possibili 3 tipi di ricarica:  quella completa, da 6-8 ore, attraverso le apposite colonnine o una presa simile alle tradizionali da 220 V; una ricarica rapida da effettuarsi presso le colonnine da 400 V, in 20-30 minuti, oppure, in alternativa, la sostituzione (nota come “quick drop”, già testata in Israele) della durata di 3-5 minuti.

Abbiamo rivolto alcune domande a Jacques Bousquet, per capire meglio le potenzialità di questa evoluzione, in cui l’alleanza Renalut-Nissan sembra giocare un ruolo di avanguardia.

D) Il vostro concept è quello di ridurre l’impatto su tutta la filiera produttiva (e quindi non solo nelle emissioni finali). Come avviene l’approvvigionamento del litio necessario per le batterie?

R) Abbiamo sviluppato una joint venture con NEC per la produzione di batterie, che avverrà in una prima fase in Giappone e poi in Europa – in Francia, in Inghilterra e in Portogallo. Il litio è una risorsa che esiste in quantità abbondante in natura: quando verranno prodotte 1 milione di batterie questo comporterà un utilizzo di meno del 2/3 % delle risorse mondiali di litio. Non direi quindi che possa costituire un problema.  

D) Alcuni modelli delle vostre auto elettriche, al contrario di quanto si potrebbe pensare, arrivano anche a 140 km./h di velocità. E’ un modo per conciliare la ricerca di prestazioni e il piacere di guida con il rispetto dell’ambiente?        

R) Assolutamente sì. Questo progetto ha l’ambizione di non dover scendere ad alcun compromesso, né sul design, né sulle prestazioni, né sulla sicurezza. A noi tutti piacciono auto belle da guardare, piacevoli da guidare e sicure. All’interno dell’alleanza Renault-Nissan la sicurezza, come noto, è un asset aziendale e non intendiamo rinunciarci in alcun modo. Stiamo parlando di un’auto vera e propria a tutti gli effetti. Il cliente che domani acquisterà un’auto elettrica dovrà trovarsi perfettamente a suo agio. Questa è la condizione chiave di successo. Ma soprattutto, l’auto elettrica non dovrà costrare di più di un’auto tradizionale, altrimenti rimarrebbe una soluzione di nicchia.

D) A questo proposito: essendo l’autonomia delle batterie piuttosto limitata, l’auto elettrica non rischia di dover essere per forza una seconda auto, che si presta molto bene al contesto urbano ma crea problemi per i tragitti più lunghi? Con il rischio di faticare a diffondersi come soluzione di massa… 

R) Oggi sappiamo che in Europa l’80% dei tragitti quotidiani in auto avviene sotto la soglia dei 60 km. Con un’autonomia di 160 km. possiamo dunque già soddisfare le esigenze dell’80% degli utenti - una fascia enorme. E’più un fatto psicologico, perchè siamo abituati ad avere auto con un serbatoio che consenta di fare anche 1.000 km.

D) Quando prevede che la rete di distribuzione sarà così capillare da consentire lo spostamento in tranquillità da una città all’altra, senza paura di restare scarichi?

R) Dipenderà molto dalle singole scelte degli enti pubblici – delle città e delle Regioni. Come avete sentito tra pochi mesi avremo già una diffusione capillare a Milano e a Brescia. Ma si tratta di scelte delle singole amministrazioni. In Italia (come in Germania) è una questione particolarmente complessa, perché la gestione della mobilità e dei trasporti è delegata alle regioni, diversamente da altri paesi, come la Francia, dove questi progetti vengono gestiti a livello centrale consentendo una copertura più veloce a livello nazionale. 

Andrea Gandiglio  

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende