Home » Aziende »Pratiche »Pubblica Amministrazione » A Pontedera si sperimenta il primo veicolo ad ammoniaca:

A Pontedera si sperimenta il primo veicolo ad ammoniaca

Parla toscano il primo veicolo sperimentale ad ammoniaca: un mezzo per la raccolta porta a porta dei rifiuti che sarà presto utilizzato  a Pontedera, in Provincia di Pisa.

Il prototipo, un furgone con motore ibrido alimentato ad ammoniaca liquida, è stato presentato ufficialmente il 13 febbraio scorso, presso la sede di Pon-Tech, il Consorzio pontederese per la Ricerca Industriale ed il Trasferimento Tecnologico, che unisce soggetti pubblici e privati (tra cui Piaggio Spa). Pont-Tech è capofila del progetto “Savia” che, grazie ai fondi della Regione Toscana ha reso possibile una stretta sinergia tra soggetti pubblici e privati anche nella realizzazione del precedente prototipo ad idrogeno, attraverso una collaborazione con aziende ad alto contenuto tecnologico e di innovazione del territorio pisano (come Edi progetti, Acta Energy e Bigas Intrenational srl) e con enti come la Scuola Superiore di Studi e Perfezionamento Sant’Anna e l’Università di Pisa.

Dopo due anni di lavoro il nuovo veicolo è stato ultimato e si presenta come un autocarro da 35 quintali con una cilindrata di 1000 cc, adattato per poter funzionare con ammoniaca liquida che, arricchita con un 5% di idrogeno, è in grado di produrre energia elettrica per la trazione, grazie ad un generatore elettrico tradizionale unito a batterie di stoccaggio. Secondo gli esperti del progetto “Savia”, i costi di realizzazione non sarebbero più alti rispetto a quelli necessari per altri mezzi ibridi e, dunque, se, una volta messo su strada, il veicolo apparirà affidabile, potrebbero aprirsi interessanti prospettive di sviluppo e di mercato.

L’ammoniaca avrebbe infatti un prezzo simile a quello del Gpl, anche se attualmente in Italia è prodotta da una sola azienda, che ne immette in commercio circa 500 mila tonnellate all’anno. Tutto, però, a patto che si chiarisca anche quali procedure adottare per la regolare circolazione del veicolo, considerato che non esistono procedure per abilitare la messa su strada di mezzi di questo genere.

L’autocarro, che con un “pieno” di elettricità può percorrere circa 300 chilometri a una velocità di 70 chilometri all’ora, è dotato di un sistema detto “range extender” che, grazie ad un innovativo motore endotermico,  permette l’utilizzo dell’ammoniaca liquida arricchita da idrogeno (in fase di iniezione indiretta) per generare corrente elettrica e far muovere il veicolo ed alimentarne le batterie. L’idrogeno necessario alla combustione viene ricavato dalla decomposizione termica della stessa ammoniaca, grazie ad un apposito catalizzatore.

Le modalità di stoccaggio dell’idrogeno, a causa dell’elevatissimo volume specifico, sono sempre state considerate uno dei maggiori problemi per l’utilizzo a bordo di veicoli. Lo stoccaggio sotto forma di ammoniaca, invece, risolve almeno in parte il problema aumentando notevolmente la densità energetica per unità di volume e permette di stoccare l’ammoniaca liquida a temperatura ambiente, a circa 8 atmosfere. L’ammoniaca, infatti, da questo punto di vista ha caratteristiche analoghe al gpl. Il suo utilizzo , tuttavia, introduce problematiche legate alla sicurezza: l’ammoniaca, in determinate condizioni, può essere esplosiva. L’ammoniaca è inoltre un gas soffocante e irritante, le cui vie di penetrazione nell’organismo umano possono essere inalazione, ingestione e contatto. In concentrazione superiore a 400 ppm in volume, nell’aria, provoca azioni broncopolmonari acute, mentre, al di sotto di tale limite può provocare vari disturbi. La concentrazione massima ammissibile raccomandata nei luoghi di lavoro prevede 25 ppm.

Il sistema di monitoraggio per l’ ammoniaca è dunque fondamentale per la salvaguardia della sicurezza dei passeggeri all’interno dell’abitacolo (per evitare possibili esplosioni derivate da fughe o intossicazione) o al di fuori del veicolo (per segnalare possibili fughe durante il rifornimento) ed è stata prestata massima attenzione alla sicurezza e alle attività di rilevamento di eventuali fughe o concentrazioni eccessive di ammoniaca allo scarico. L’ammoniaca permetterebbe però di avere veicoli cosiddetti “ZEV”, ovvero “Zero Emission Vehicles” dato che la sua combustione restituisce come prodotti solo vapore acqueo ed azoto facilmente abbattibili con sistemi catalitici tradizionali.   

“Tutto è nato da un’iniziativa promossa dal Comune di Pontedera e dalla Provincia di Pisa, condivisa e finanziata dalla Regione Toscana – ha dichiarato  il Direttore di Pont-Tech Giuseppe Pozzana. Il protocollo d’intesa risale al 21 febbraio 2007 e da questo sono scaturiti i tre progetti in materia di mobilità a idrogeno, da cui deriva anche questo sull’ammoniaca”.

“Per questo primo prototipo – ha aggiunto Nicolò Doveri, General Manager E.D.I. Progetti e Sviluppo – abbiamo scelto di fare un veicolo di servizio. Rispetto ad altri ibridi, non ha costi di realizzazione superiori, con il vantaggio che un pieno ad “ammoniaca” costa la metà rispetto alla benzina: con 18 litri (tanto è capiente il serbatoio) si possono fare 100 km oltre ai 40 in cui il veicolo può andare a sola elettricità. Le prestazioni le abbiamo volutamente limitate visto il tipo di mezzo: va a 70 km/h se ad ammoniaca e a 40 km/h se ad elettricità e non produce polveri sottili, nessun idrocarburo o composti dello zolfo, né CO e CO2”.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende