Home » Aziende »Pratiche »Pubblica Amministrazione » A Pontedera si sperimenta il primo veicolo ad ammoniaca:

A Pontedera si sperimenta il primo veicolo ad ammoniaca

Parla toscano il primo veicolo sperimentale ad ammoniaca: un mezzo per la raccolta porta a porta dei rifiuti che sarà presto utilizzato  a Pontedera, in Provincia di Pisa.

Il prototipo, un furgone con motore ibrido alimentato ad ammoniaca liquida, è stato presentato ufficialmente il 13 febbraio scorso, presso la sede di Pon-Tech, il Consorzio pontederese per la Ricerca Industriale ed il Trasferimento Tecnologico, che unisce soggetti pubblici e privati (tra cui Piaggio Spa). Pont-Tech è capofila del progetto “Savia” che, grazie ai fondi della Regione Toscana ha reso possibile una stretta sinergia tra soggetti pubblici e privati anche nella realizzazione del precedente prototipo ad idrogeno, attraverso una collaborazione con aziende ad alto contenuto tecnologico e di innovazione del territorio pisano (come Edi progetti, Acta Energy e Bigas Intrenational srl) e con enti come la Scuola Superiore di Studi e Perfezionamento Sant’Anna e l’Università di Pisa.

Dopo due anni di lavoro il nuovo veicolo è stato ultimato e si presenta come un autocarro da 35 quintali con una cilindrata di 1000 cc, adattato per poter funzionare con ammoniaca liquida che, arricchita con un 5% di idrogeno, è in grado di produrre energia elettrica per la trazione, grazie ad un generatore elettrico tradizionale unito a batterie di stoccaggio. Secondo gli esperti del progetto “Savia”, i costi di realizzazione non sarebbero più alti rispetto a quelli necessari per altri mezzi ibridi e, dunque, se, una volta messo su strada, il veicolo apparirà affidabile, potrebbero aprirsi interessanti prospettive di sviluppo e di mercato.

L’ammoniaca avrebbe infatti un prezzo simile a quello del Gpl, anche se attualmente in Italia è prodotta da una sola azienda, che ne immette in commercio circa 500 mila tonnellate all’anno. Tutto, però, a patto che si chiarisca anche quali procedure adottare per la regolare circolazione del veicolo, considerato che non esistono procedure per abilitare la messa su strada di mezzi di questo genere.

L’autocarro, che con un “pieno” di elettricità può percorrere circa 300 chilometri a una velocità di 70 chilometri all’ora, è dotato di un sistema detto “range extender” che, grazie ad un innovativo motore endotermico,  permette l’utilizzo dell’ammoniaca liquida arricchita da idrogeno (in fase di iniezione indiretta) per generare corrente elettrica e far muovere il veicolo ed alimentarne le batterie. L’idrogeno necessario alla combustione viene ricavato dalla decomposizione termica della stessa ammoniaca, grazie ad un apposito catalizzatore.

Le modalità di stoccaggio dell’idrogeno, a causa dell’elevatissimo volume specifico, sono sempre state considerate uno dei maggiori problemi per l’utilizzo a bordo di veicoli. Lo stoccaggio sotto forma di ammoniaca, invece, risolve almeno in parte il problema aumentando notevolmente la densità energetica per unità di volume e permette di stoccare l’ammoniaca liquida a temperatura ambiente, a circa 8 atmosfere. L’ammoniaca, infatti, da questo punto di vista ha caratteristiche analoghe al gpl. Il suo utilizzo , tuttavia, introduce problematiche legate alla sicurezza: l’ammoniaca, in determinate condizioni, può essere esplosiva. L’ammoniaca è inoltre un gas soffocante e irritante, le cui vie di penetrazione nell’organismo umano possono essere inalazione, ingestione e contatto. In concentrazione superiore a 400 ppm in volume, nell’aria, provoca azioni broncopolmonari acute, mentre, al di sotto di tale limite può provocare vari disturbi. La concentrazione massima ammissibile raccomandata nei luoghi di lavoro prevede 25 ppm.

Il sistema di monitoraggio per l’ ammoniaca è dunque fondamentale per la salvaguardia della sicurezza dei passeggeri all’interno dell’abitacolo (per evitare possibili esplosioni derivate da fughe o intossicazione) o al di fuori del veicolo (per segnalare possibili fughe durante il rifornimento) ed è stata prestata massima attenzione alla sicurezza e alle attività di rilevamento di eventuali fughe o concentrazioni eccessive di ammoniaca allo scarico. L’ammoniaca permetterebbe però di avere veicoli cosiddetti “ZEV”, ovvero “Zero Emission Vehicles” dato che la sua combustione restituisce come prodotti solo vapore acqueo ed azoto facilmente abbattibili con sistemi catalitici tradizionali.   

“Tutto è nato da un’iniziativa promossa dal Comune di Pontedera e dalla Provincia di Pisa, condivisa e finanziata dalla Regione Toscana – ha dichiarato  il Direttore di Pont-Tech Giuseppe Pozzana. Il protocollo d’intesa risale al 21 febbraio 2007 e da questo sono scaturiti i tre progetti in materia di mobilità a idrogeno, da cui deriva anche questo sull’ammoniaca”.

“Per questo primo prototipo – ha aggiunto Nicolò Doveri, General Manager E.D.I. Progetti e Sviluppo – abbiamo scelto di fare un veicolo di servizio. Rispetto ad altri ibridi, non ha costi di realizzazione superiori, con il vantaggio che un pieno ad “ammoniaca” costa la metà rispetto alla benzina: con 18 litri (tanto è capiente il serbatoio) si possono fare 100 km oltre ai 40 in cui il veicolo può andare a sola elettricità. Le prestazioni le abbiamo volutamente limitate visto il tipo di mezzo: va a 70 km/h se ad ammoniaca e a 40 km/h se ad elettricità e non produce polveri sottili, nessun idrocarburo o composti dello zolfo, né CO e CO2”.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fulgar: crescono le vendite del filato riciclato Q-Nova e del bio-based EVO

maggio 28, 2018

Fulgar: crescono le vendite del filato riciclato Q-Nova e del bio-based EVO

Secondo le più recenti ricerche di mercato cresce sempre più il numero di consumatori a caccia non solo di capi di abbigliamento “fashion” e performanti, ma anche “etici” e soprattutto ecosostenibili. Assicurare la piena tracciabilità dei propri capi e poter contare su partner di filiera affidabili e orientati all’innovazione e alla riduzione degli impatti ambientali, [...]

Sappada, primo Comune d’Italia a certificare la “gestione sostenibile della comunità”

maggio 28, 2018

Sappada, primo Comune d’Italia a certificare la “gestione sostenibile della comunità”

Il 10 maggio scorso al Comune di Sappada, in Friuli, è stata attribuita la prima certificazione ISO 37101 “Gestione sostenibile delle comunità”, uno standard nato per aiutare le Comunità ad attuare una strategia di sviluppo sostenibile includendo il contesto economico, sociale e ambientale. Il protocollo definisce, in sostanza, le azioni che una Comunità deve mettere in campo [...]

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende