Home » Campioni d'Italia »Pratiche »Pubblica Amministrazione »Rubriche » Acea Pinerolese: quando il pubblico funziona:

Acea Pinerolese: quando il pubblico funziona

Molti di noi – ma purtroppo anche molti stranieri – hanno ancora negli occhi le immagini dei rifiuti ammassati per le vie di Napoli nei giorni di Pasqua. Possibile, avranno pensato i severi turisti tedeschi e americani di passaggio sopra i bus Sightseeing, che gli italiani proprio non riescano a gestirsi i rifiuti?

In realtà qualcuno che li sa gestire correttamente c’è anche nel nostro Paese, ma non sempre gli amministratori pubblici ne sono a conoscenza. O almeno quelli italiani, visto che a San Francisco, in  Cina, in Spagna e in Giappone pare se ne siano accorti e abbiano deciso di inviare le rispettive delegazioni nella ridente località olimpica di Pinerolo, a studiare un modello che funziona. Un modello, udite, udite, 100% pubblico, che gira anche dei dividendi ai 47 Comuni che ne sono azionisti.

Stiamo parlando della Acea Pinerolese Industriale S.p.A., che dopo anni di lavoro in sordina, nella migliore tradizione dell’understatement piemontese, ha deciso di uscire allo scoperto e ha presentato, il 21 aprile scorso, i propri piani di sviluppo aziendale, alle ex-Officine OGR di Torino, dove sono in corso alcune delle più belle mostre per celebrare il genio italico nel 150° anniverario dell’Unità.

Acea Pinerolese è una multiutility che “gestisce una pluralità di servizi per Comuni, aziende e cittadini”: dal comparto idrico, con la gestione del ciclo integrato delle acque, al settore energetico (con la distribuzione del gas metano e la produzione di calore), alla raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti, fiore all’occhiello dell’azienda, che serve 150.000 cittadini nella cintura sud-ovest di Torino.  La società, interamente a capitale pubblico e con un’età media di 42 anni tra i 338 dipendenti , ha raggiunto nel 2009 una produzione di oltre 64 milioni di euro e ha distribuito ai Comuni azionisti, nello stesso anno, una quota di utile netto pari a 233.450 euro, nuovamente in crescita nel 2010.

Il segreto del successo, che attira la curiosità professionale degli operatori stranieri, sta nel Polo Ecologico Integrato, un innovativo sistema di impianti interconnessi per il trattamento anaerobico della Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani, con una capacità annua di 50.000 tonnellate.  La cosiddetta FORSU pesa per il 30% dei rifiuti domestici e benché “organica” è tra quelle che genera maggiori problemi in discarica, attraverso la dispersione in atmosfera del biogas, generato dalla fermentazione, e per le perdite di percolato dai teloni che dovrebbero impermeabilizzare il fondo delle discariche, ma il più delle volte finiscono per cedere il pericoloso liquido alle falde acquifere.

La tecnologia brevettata da Acea e sviluppata dall’azienda italiana combinando il meglio di analoghi modelli svedesi e finlandesi, consente di evitare questi danni ambientali. La fermentazione dei rifiuti organici avviene infatti in appositi digestori a tenuta stagna, senza fastidiosi odori per la popolazione locale né dispersione di liquidi inquinanti. Il biogas, prodotto dalla “digestione” in assenza di ossigeno operata dai batteri, viene incanalato per la produzione di energia elettrica e termica, trasmessa al vicino centro commerciale, mentre i residui, in meno di 20 giorni, diventano un compost di eccezionale qualità, senza residui di plastica o vetro (come spesso accade), che invece di dover essere regalato per coprire le discariche, viene venduto sul mercato con un buon incasso ed è anche stato scelto dalle Nazioni Unite per un progetto di contrasto alla desertificazione in Marocco.

Se Acea Pinerolese è un caso pubblico quasi unico, in Italia, per tecnologia e efficienza nel trattamento dei rifiuti organici, anche nella gestione delle acque si colloca comunque a livelli di eccellenza. Ma, in questo caso - ci tengono a precisare gli amministratori in vista del Referendum del 12-13 giugno – l’azienda condivide fortunatamente il primato con numerose altre municipalizzate. Acea, ci spiega infatti l’amministratore delegato, l’ingegner Francesco Carcioffo, riesce a gestire con ottimi risultati (a detta dei cittadini) le acque reflue e potabili di 61 comuni montani (in un contesto territoriale, dunque, particolarmente difficile) con meno di 1 impiegato per Comune nel proprio operativo. Come potrebbe il privato fare meglio? La questione non è dunque, secondo Carcioffo, acqua pubblica vs. acqua privata, ma efficienza contro inefficienza – pubblica o privata.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende