Home » Aziende »Non-Profit »Pratiche » Aga Khan Award 2013: un “green hospital” tutto italiano in Sudan:

Aga Khan Award 2013: un “green hospital” tutto italiano in Sudan

ottobre 10, 2013 Aziende, Non-Profit, Pratiche

L’eccellenza progettuale italiana e la sua migliore applicazione etica sono state, ancora una volta, riconosciute e premiate a livello internazionale. E’ stato assegnato poche settimane fa allo studio di progettazione italiano Tamassociati il prestigioso Premio Internazionale di Architettura Aga Khan 2013, un riconoscimento ambito in tutto il mondo da chi si occupa di architettura e del suo impatto sulla qualità della vita. Il premio, conteso in questa edizione da oltre 400 candidature, ha riconosciuto l’ideazione, la costruzione e l’impatto eco-sociale del centro cardiochirurgico Salam a Khartoum (Sudan), commissionato dalla Ong Emergency.

Tamassociati è un precursore, a livello internazionale, dei principi della progettazione etica, sociale e sostenibile. Il centro ospedaliero Salam è un intervento progettuale di altissimo profilo tecnico e tecnologico, frutto del confronto continuo con collettività e comunità locali sui grandi temi dell’uso migliore e sostenibile delle risorse, della gestione degli spazi, del futuro del territorio e delle persone che dovranno vivere quel luogo, considerate sempre al centro della progettazione. Greenews.info – che nel 2014 dedicherà il 4° Workshop IMAGE al tema “Medicina ambientale e salute: verso la smart health” – ha intervistato l’architetto Raul Pantaleo, che si è occupato direttamente dell’intervento.

D) Arch. Pantaleo, alla base del vostro impegno come architetti c’è l’idea concreta di coniugare impegno civile e professione: il centro medico a Salam ne è un buon esempio…

R) I riconoscimenti a livello internazionale che hanno avuto i nostri recenti progetti, in particolare il progetto Salam con l’Aga Khan Award 2013, sono la testimonianza di un crescente desiderio di iniziare a ragionare su un futuro diverso: condiviso e condivisibile (qualche anno fa si diceva “possibile”). Forse s’inizia a comprendere che i diritti non sono una conquista ‒ una volta per tutte ‒ e gli anni recenti lo dimostrano; vanno coltivati, ricercati, rivendicati ogni giorno. In questo, forse, sta la novità di un ritrovato interesse nei temi etici di cui ci sentiamo partecipi. Un ospedale è un luogo fisico, ma anche un importante luogo simbolico; nel modo di viverlo, percepirlo, modificarlo, si realizza infatti quella comune identità e quell’idea di condivisione che caratterizza una collettività e ne garantisce la coesione. A partire da questa premessa il progetto di un ospedale, introducendo una trasformazione dello spazio fisico, costituisce anche un’occasione collettiva per riflettere su ruoli e valori condivisi e fondanti di una comunità, un’opportunità per affrontare domande centrali e strategiche come l’uso delle risorse, il futuro del territorio, la gestione degli spazi, il rapporto tra sud e nord del mondo.In quest’ottica l’architettura può essere considerata pienamente un “bene comune”.

D) Parlare di committenza nel caso del centro Salam allude ad un processo molto articolato rispetto ai consueti rapporti committente-progettista-impresa esecutrice. La coincidenza di visione sulle finalità ideali e pratiche ha generato un processo corale e partecipativo nella progettazione come nella realizzazione: come avete fatto a coordinare l’apporto degli “attori” attivi di Emergency in una situazione così particolare?

R) La nostra idea di partecipazione nasce dalla volontà di perseguire principi di giustizia ed equità sociale, partendo dalla convinzione che il coinvolgimento e la mobilitazione degli utenti nelle scelte che riguardano il proprio ambiente possano portare al miglioramento delle scelte stesse; questo perché gli utilizzatori sono portatori di conoscenze, percezioni e opinioni utili sia in fase di programmazione, sia in fase di progettazione, sia nella fase d’uso. Nella nostra esperienza di progettazione partecipata, non esiste né una tecnica prestabilita né una formula magica: si tratta in primo luogo di sviluppare una sostanziale capacità di ascolto, una capacità di entrare in risonanza con il luogo e le persone che ci circondano; in secondo luogo si tratta di condividere i propri strumenti tecnici così da permettere a tutti i soggetti coinvolti di comprendere, interagire, proporre. I progettisti devono sapere ascoltare e sintetizzare tutte le istanze che emergono, in modo da creare una sorta di “minimo comune denominatore” da cui fare derivare le conseguenti scelte progettuali. La qualità del progetto dipenderà dalla capacità di rispondere in modo creativo alla diversità dei punti di vista.

D) Quanto è stato difficile per il vostro Studio il confronto continuo con collettività e comunità locali?

R) Che si operi nel “primo” o nel “quarto” mondo, la differenza nell’approccio al progetto, inteso come luogo della condivisione e dei diritti, sta nel calibrare i mezzi e le risorse a nostra disposizione…

D) Come si può rendere un progetto di altissimo livello tecnico e tecnologico allo stesso tempo concorde con la gestione degli spazi, del futuro del territorio e delle persone che vivranno quel luogo?

R) Progettare strutture sanitarie d’eccellenza nel continente Africano ha significato in primo luogo immaginare la semplicità come una sintesi tra tecnologie moderne e tradizionali, capace di privilegiare buon senso, durevolezza e misura, in una strategia generale di riduzione del progetto ma senza perdere di vista l’idea di benessere. È stato un modo, anch’esso “semplice”, per rispondere a quelle esigenze di responsabilità ambientale, di socialità e di qualità. La sfida dei nostri progetti è stata quella di individuare un mix di tecnologie e soluzioni che permettessero il risparmio energetico non soltanto con l’applicazione di sistemi attivi e passivi, ma anche attraverso un utilizzo consapevole dell’edificio e l’adozione di comportamenti virtuosi. La semplicità come strategia è stata un modo per affrontare ogni decisione di natura tecnologica e impiantistica, che si riverberava in maniera sensibile sui costi finali dell’intervento e sugli oneri di manutenzione. Comportamenti volti al risparmio, sommati a una buona efficienza dell’edificio e a scelte energetiche appropriate, hanno permesso di raggiungere performance di eccellenza.

D) Quali sono i vostri prossimi impegni, dopo aver ricevuto un premio così prestigioso?

R) L’Africa, nelle sue mille contraddizioni, ha mostrato il valore del limite semplicemente riconoscendolo, distillando l’utile dall’inutile. Gli edifici che abbiamo progettato in questi anni sono tracce di un diverso orizzonte culturale; imperfetti, imprecisi, indefiniti; sono l’espressione di un’inesplorata modernità in costante equilibrio tra tradizione ed innovazione, tra nord e sud del mondo. La speranza è che il prossimo decennio sia il momento della maturità per l’architettura e per le genti che la abiteranno.

Valentina Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende