Home » Nazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Amianto: continua la strage silenziosa, ma i governi stanno a guardare:

Amianto: continua la strage silenziosa, ma i governi stanno a guardare

Un milione di persone all’anno, più o meno una ogni cinque minuti. Oggi ricorre la Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto, e mentre la strage silenziosa va avanti, l’Italia sta a guardare. Da noi asbesto vuol dire più di 4.000 decessi annui, oltre 34.000 siti ancora da bonificare, 32 milioni di tonnellate di amianto disseminate su tutto il territorio nazionale e un miliardo circa di metri quadrati di coperture sui tetti. A 22 anni dall’entrata in vigore della legge che ha proibito l’estrazione, la lavorazione e la commercializzazione dell’amianto nel nostro Paese, sono ancora molto diffuse tubature, serbatoi, pannelli ondulati in amianto, tutt’altro che inoffensivi. Alle 700 vittime causate ogni anno dal mesotelioma pleurico, il tumore-simbolo dell’esposizione all’asbesto, si aggiungono migliaia di malati e altre centinaia di decessi provocati da diverse patologie dovute sempre alla fibra killer, che colpiscono “sia tessuti e organi localizzati nel torace, sia tessuti situati in altri distretti diversi dall’apparato respiratorio. Questi possono essere: il cervello, la prostata, l’ovaio, e diversi tessuti emolinfopoietici (leucemie, linfomi)”, spiega Giancarlo Ugazio, già professore di Patologia generale all’Università di Torino, e una vita dedicata allo studio dell’incidenza dell’inquinamento sulla salute.

All’inizio del 2013 il governo Monti lanciò un Piano Nazionale Amianto, oggi sospeso per mancanza di copertura finanziaria. Una mancanza di attenzione che, dice Romana Blasotti, presidente dell’Associazione nazionale familiari delle vittime dell’amianto (AFEVA), da più di 30 anni in prima linea nella lotta alla strage e ai suoi colpevoli, “fa un grande dispiacere, perché mentre il Piano è fermo ci sono ancora tantissime vittime e malati. E di amianto ce n’è ancora moltissimo”. Mentre da una parte continua lo stillicidio, dall’altra tutto è in stand by: “Dalla conferenza nazionale sull’amianto promossa del governo a novembre 2012, dalla quale è scaturita la redazione del piano nazionale, che prende in considerazione i piani sanitario, ambientale e previdenziale, non si è più affrontato il problema in termini concreti. E purtroppo ancora nulla è stato fatto sul fronte del risanamento ambientale e dello smaltimento dei materiali contenenti amianto, dell’avvio di un’efficace sorveglianza sanitaria ed epidemiologica per gli esposti e della garanzia di risarcimento per le vittime”, denuncia Legambiente.

Per l’associazione  ambientalista è necessario avviare le bonifiche immediatamente, sia nei grandi siti industriali che in edifici pubblici e privati, rilanciando anche gli incentivi per la sostituzione delle coperture in cemento amianto con i pannelli fotovoltaici. Bisogna attrezzarsi con infrastrutture per lo smaltimento delle fibre. E allo stesso tempo occorre completare il censimento dei siti in cui intervenire, che procede a macchia di leopardo. Dal punto di vista della bonifica, Casale Monferrato, pur tra diverse criticità, è considerato un punto di riferimento in Europa. Lo stabilimento Eternit era il più grande del continente, qui la bonifica è iniziata prima che in altre zone d’Italia, sostenuta in passato da finanziamenti regionali e statali. Eppure, spiega Romana Blasotti, “ad oggi la bonifica non è ancora finita e non sappiamo quando finirà. Ogni volta che si fa un nuovo monitoraggio, si scopre sempre più amianto, senza considerare che molti continuano a non segnalarlo. Le scuole e gli ospedali sono stati bonificati, ma rimangono capannoni, edifici e tettoie private. In Piemonte si fa quello che si può, ma non è abbastanza. C’è chi vorrebbe fare di più e non può, e chi potrebbe e non vuole”. Trenta anni fa, “nel territorio di Casale morivano circa 32 persone all’anno, oggi una cinquantina. Casale ha 2.000 morti sulle spalle. Lavoriamo molto con le scuole, perché i ragazzi che porteranno avanti queste battaglie siano più bravi e più forti di quanto siamo stati noi”.

Accanto al bisogno urgente di interventi e finanziamenti pubblici per la bonifica, per l’AFEVA c’è però anche la necessità, non meno importante, che sia fatta giustizia. “Aspettiamo il pronunciamento della Cassazione, perché Stephan Schmidheiny sia condannato in via definitiva e possa fare il suo dovere verso i familiari delle vittime. Non è una questione di soldi, ma di giustizia”. Il recente pronunciamento della Suprema corte sul caso Thyssen invece preoccupa; la speranza è che non costituisca una specie di precedente: “Non mi aspettavo una sentenza a favore dei colpevoli. Chi ha causato la morte di queste persone, alla Thyssen così come all’Eternit, deve pagare”.

Di questi temi e del complesso rapporto salute-ambiente si parlerà a Torino, il 22 e 23 maggio 2014 nel 4° Workshop Nazionale IMAGE - Incontri sul Management della Green Economy, dedicato al tema “Medicina ambientale e salute: verso la smart health”. #workshopimage2014.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende