Home » Nazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Amianto: continua la strage silenziosa, ma i governi stanno a guardare:

Amianto: continua la strage silenziosa, ma i governi stanno a guardare

Un milione di persone all’anno, più o meno una ogni cinque minuti. Oggi ricorre la Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto, e mentre la strage silenziosa va avanti, l’Italia sta a guardare. Da noi asbesto vuol dire più di 4.000 decessi annui, oltre 34.000 siti ancora da bonificare, 32 milioni di tonnellate di amianto disseminate su tutto il territorio nazionale e un miliardo circa di metri quadrati di coperture sui tetti. A 22 anni dall’entrata in vigore della legge che ha proibito l’estrazione, la lavorazione e la commercializzazione dell’amianto nel nostro Paese, sono ancora molto diffuse tubature, serbatoi, pannelli ondulati in amianto, tutt’altro che inoffensivi. Alle 700 vittime causate ogni anno dal mesotelioma pleurico, il tumore-simbolo dell’esposizione all’asbesto, si aggiungono migliaia di malati e altre centinaia di decessi provocati da diverse patologie dovute sempre alla fibra killer, che colpiscono “sia tessuti e organi localizzati nel torace, sia tessuti situati in altri distretti diversi dall’apparato respiratorio. Questi possono essere: il cervello, la prostata, l’ovaio, e diversi tessuti emolinfopoietici (leucemie, linfomi)”, spiega Giancarlo Ugazio, già professore di Patologia generale all’Università di Torino, e una vita dedicata allo studio dell’incidenza dell’inquinamento sulla salute.

All’inizio del 2013 il governo Monti lanciò un Piano Nazionale Amianto, oggi sospeso per mancanza di copertura finanziaria. Una mancanza di attenzione che, dice Romana Blasotti, presidente dell’Associazione nazionale familiari delle vittime dell’amianto (AFEVA), da più di 30 anni in prima linea nella lotta alla strage e ai suoi colpevoli, “fa un grande dispiacere, perché mentre il Piano è fermo ci sono ancora tantissime vittime e malati. E di amianto ce n’è ancora moltissimo”. Mentre da una parte continua lo stillicidio, dall’altra tutto è in stand by: “Dalla conferenza nazionale sull’amianto promossa del governo a novembre 2012, dalla quale è scaturita la redazione del piano nazionale, che prende in considerazione i piani sanitario, ambientale e previdenziale, non si è più affrontato il problema in termini concreti. E purtroppo ancora nulla è stato fatto sul fronte del risanamento ambientale e dello smaltimento dei materiali contenenti amianto, dell’avvio di un’efficace sorveglianza sanitaria ed epidemiologica per gli esposti e della garanzia di risarcimento per le vittime”, denuncia Legambiente.

Per l’associazione  ambientalista è necessario avviare le bonifiche immediatamente, sia nei grandi siti industriali che in edifici pubblici e privati, rilanciando anche gli incentivi per la sostituzione delle coperture in cemento amianto con i pannelli fotovoltaici. Bisogna attrezzarsi con infrastrutture per lo smaltimento delle fibre. E allo stesso tempo occorre completare il censimento dei siti in cui intervenire, che procede a macchia di leopardo. Dal punto di vista della bonifica, Casale Monferrato, pur tra diverse criticità, è considerato un punto di riferimento in Europa. Lo stabilimento Eternit era il più grande del continente, qui la bonifica è iniziata prima che in altre zone d’Italia, sostenuta in passato da finanziamenti regionali e statali. Eppure, spiega Romana Blasotti, “ad oggi la bonifica non è ancora finita e non sappiamo quando finirà. Ogni volta che si fa un nuovo monitoraggio, si scopre sempre più amianto, senza considerare che molti continuano a non segnalarlo. Le scuole e gli ospedali sono stati bonificati, ma rimangono capannoni, edifici e tettoie private. In Piemonte si fa quello che si può, ma non è abbastanza. C’è chi vorrebbe fare di più e non può, e chi potrebbe e non vuole”. Trenta anni fa, “nel territorio di Casale morivano circa 32 persone all’anno, oggi una cinquantina. Casale ha 2.000 morti sulle spalle. Lavoriamo molto con le scuole, perché i ragazzi che porteranno avanti queste battaglie siano più bravi e più forti di quanto siamo stati noi”.

Accanto al bisogno urgente di interventi e finanziamenti pubblici per la bonifica, per l’AFEVA c’è però anche la necessità, non meno importante, che sia fatta giustizia. “Aspettiamo il pronunciamento della Cassazione, perché Stephan Schmidheiny sia condannato in via definitiva e possa fare il suo dovere verso i familiari delle vittime. Non è una questione di soldi, ma di giustizia”. Il recente pronunciamento della Suprema corte sul caso Thyssen invece preoccupa; la speranza è che non costituisca una specie di precedente: “Non mi aspettavo una sentenza a favore dei colpevoli. Chi ha causato la morte di queste persone, alla Thyssen così come all’Eternit, deve pagare”.

Di questi temi e del complesso rapporto salute-ambiente si parlerà a Torino, il 22 e 23 maggio 2014 nel 4° Workshop Nazionale IMAGE - Incontri sul Management della Green Economy, dedicato al tema “Medicina ambientale e salute: verso la smart health”. #workshopimage2014.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende