Home » Aziende »Idee »Pratiche »Recensioni » Annuario “TuttoBio 2015″: il settore si rinnova verso nuove forme di commercializzazione:

Annuario “TuttoBio 2015″: il settore si rinnova verso nuove forme di commercializzazione

marzo 19, 2015 Aziende, Idee, Pratiche, Recensioni

Un mercato dinamico, con una domanda che, maturando, si sposta anche sui prodotti non food e un’offerta in evoluzione, per rispondere alle domande di consumatori sempre più preparati ed esigenti. È questa l’immagine del settore biologico delineata da TuttoBio 2015, l’annuario curato da Achille Mingozzi e Rosa Maria Bertino che raccoglie 11.000 indirizzi di produttori, strutture ricettive e punti vendita reali e virtuali, giunto, quest’anno, alla ventunesima edizione. A vincere sono da una parte i cosmetici e i detergenti biologici certificati, dall’altra le nuove forme di commercializzazione (vedi il boom dei siti di e-commerce), mentre i modelli più tradizionali, che hanno segnato la crescita del biologico dall’inizio – dagli agriturismi ai mercatini, fino ai gruppi d’acquisto solidali – sembrano aver esaurito le proprie potenzialità, almeno momentaneamente.

Osservando i dati relativi al 2014, la maggiore percentuale di crescita si rileva per le bioprofumerie (+114%), passate da 49 a 105: “L’interesse per l’apertura di questo tipo di attività è elevato e attira soprattutto un pubblico giovane e femminile. E pur essendo negozi specializzati con una storia recente, si sono già formate le prime reti” di franchising, spiega il rapporto. Numeri ancora piccoli, è vero, ma che rendono l’idea di una domanda di prodotti biologici diversi da quelli alimentari in rapido aumento. Tendenza testimoniata anche dalla crescita di quasi il 50% degli e-commerce di cosmetici, passati dai 70 del 2013 ai 104 l’anno scorso. Nello stesso periodo, le aziende di cosmetici e detergenti certificati sono salite da 215 a 250.

Se i siti web di vendita di creme, profumi e detersivi bio hanno registrato performance positive, non vanno male neanche i negozi on line di alimenti organici, passati da 210 a 241 siti web dal 2013 al 2014, con un aumento del 15%. In parallelo, anche se su scala più bassa, si osserva la crescita di negozi (+6%): “La sfida sul territorio si sta giocando sulla piazza di Milano, dove hanno aperto i punti vendita pilota di nuove catene”, si legge nell’annuario. Si conferma inoltre “un’elevata incidenza delle varie forme di aggregazione, che raggiunge il 58% dei negozi”. Crescono anche i prodotti bio a marchio nei supermercati, passando da 1.742 referenze nel 2013 a 1.858 nel 2014. In lieve aumento i gruppi d’offerta: ai 25 rilevati nel 2013, l’anno scorso se ne sono aggiunti altri 4. Dinamiche segno di un’offerta in evoluzione, per rispondere a una domanda sempre più ampia, ma anche esigente e articolata. E un’evoluzione simile, già iniziata da alcuni anni, è ancora in corso nelle aziende agricole, dove all’aumento della vendita diretta (+2,5%) si accompagna un’ulteriore crescita delle fattorie didattiche (+4%), risultato di quella multifunzionalità sempre più comune nelle imprese agricole biologiche.

Altrettanto positivo è l’aumento dei locali di ristorazione, soprattutto se si considera la situazione generale del comparto convenzionale, che nel 2013 ha registrato una diminuzione di 9.000 unità. Bar, trattorie, bistrot e gastronomie biologiche sono aumentate nel 2014 del 16%, lo stesso tasso di crescita già registrato l’anno precedente. “Il segmento trainante è sicuramente quello vegetariano e vegano. Come dimostra l’avvio della catena Veggy Days, la prima rete in franchising di ristorazione biologica e vegana in Italia”, spiega l’annuario, in cui si rileva anche che “da tempo la ristorazione bio è in sala d’attesa per una regolamentazione europea o nazionale”. In leggera crescita anche le mense che servono prodotti biologici: nel 2014 se ne registrano 13 in più.

Sono invece in stand by i settori in cui il biologico ha messo prima le radici e che hanno spinto la sua crescita in passato. In lieve flessione gli agriturismi biologici (-1%), in diminuzione i mercatini (-4%), stabili i gruppi d’acquisto solidali, che dal 2004 al 2013 erano invece esplosi facendo segnare un +508%. Modelli organizzativi e forme di business che hanno fatto il loro tempo o forse, più probabilmente, ambiti da ripensare e reinventare, con molti spazi per un ulteriore sviluppo.

L’edizione numero 21 di TuttoBio, accompagnata dal rinnovamento del relativo sito web Biobank.it, è dedicata a quanti hanno scelto il biologico per iniziare una vita diversa: “Per alcuni la molla è il ritorno alla natura, come un bisogno essenziale, insopprimibile, che richiede però un cambio radicale di vita. (…) Per altri a muovere tutto sono le passioni, intese come talenti, coltivate negli anni, che si trasformano in una reale opportunità di lavoro”, scrivono nell’introduzione i curatori del volume, Mingozzi e Bertino. Ci sono la bella storia di Martina Olivieri, 33 anni, che ha lasciato un lavoro nel marketing a Parigi per sviluppare nelle Marche un progetto di produzione di superfood crudo, biologico e vegano, e quella altrettanto coraggiosa di Daniela Pascucci, industrial designer e oggi titolare di una biscotteria naturale nel ravennate. E ancora, ci sono la storia di Osvaldo De Falco, giovane manager tornato in Calabria per investire in un progetto di e-commerce 2.0 di agrumi biologici, e quella di Caspar Vrensen e Annemieke Kranendonk, che hanno lasciato l’Olanda e due lavori di consulenza e pubbliche relazioni per dedicarsi alla coltivazione di zafferano biologico nelle Marche.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende