Home » Aziende »Idee »Pratiche »Recensioni » Annuario “TuttoBio 2015″: il settore si rinnova verso nuove forme di commercializzazione:

Annuario “TuttoBio 2015″: il settore si rinnova verso nuove forme di commercializzazione

marzo 19, 2015 Aziende, Idee, Pratiche, Recensioni

Un mercato dinamico, con una domanda che, maturando, si sposta anche sui prodotti non food e un’offerta in evoluzione, per rispondere alle domande di consumatori sempre più preparati ed esigenti. È questa l’immagine del settore biologico delineata da TuttoBio 2015, l’annuario curato da Achille Mingozzi e Rosa Maria Bertino che raccoglie 11.000 indirizzi di produttori, strutture ricettive e punti vendita reali e virtuali, giunto, quest’anno, alla ventunesima edizione. A vincere sono da una parte i cosmetici e i detergenti biologici certificati, dall’altra le nuove forme di commercializzazione (vedi il boom dei siti di e-commerce), mentre i modelli più tradizionali, che hanno segnato la crescita del biologico dall’inizio – dagli agriturismi ai mercatini, fino ai gruppi d’acquisto solidali – sembrano aver esaurito le proprie potenzialità, almeno momentaneamente.

Osservando i dati relativi al 2014, la maggiore percentuale di crescita si rileva per le bioprofumerie (+114%), passate da 49 a 105: “L’interesse per l’apertura di questo tipo di attività è elevato e attira soprattutto un pubblico giovane e femminile. E pur essendo negozi specializzati con una storia recente, si sono già formate le prime reti” di franchising, spiega il rapporto. Numeri ancora piccoli, è vero, ma che rendono l’idea di una domanda di prodotti biologici diversi da quelli alimentari in rapido aumento. Tendenza testimoniata anche dalla crescita di quasi il 50% degli e-commerce di cosmetici, passati dai 70 del 2013 ai 104 l’anno scorso. Nello stesso periodo, le aziende di cosmetici e detergenti certificati sono salite da 215 a 250.

Se i siti web di vendita di creme, profumi e detersivi bio hanno registrato performance positive, non vanno male neanche i negozi on line di alimenti organici, passati da 210 a 241 siti web dal 2013 al 2014, con un aumento del 15%. In parallelo, anche se su scala più bassa, si osserva la crescita di negozi (+6%): “La sfida sul territorio si sta giocando sulla piazza di Milano, dove hanno aperto i punti vendita pilota di nuove catene”, si legge nell’annuario. Si conferma inoltre “un’elevata incidenza delle varie forme di aggregazione, che raggiunge il 58% dei negozi”. Crescono anche i prodotti bio a marchio nei supermercati, passando da 1.742 referenze nel 2013 a 1.858 nel 2014. In lieve aumento i gruppi d’offerta: ai 25 rilevati nel 2013, l’anno scorso se ne sono aggiunti altri 4. Dinamiche segno di un’offerta in evoluzione, per rispondere a una domanda sempre più ampia, ma anche esigente e articolata. E un’evoluzione simile, già iniziata da alcuni anni, è ancora in corso nelle aziende agricole, dove all’aumento della vendita diretta (+2,5%) si accompagna un’ulteriore crescita delle fattorie didattiche (+4%), risultato di quella multifunzionalità sempre più comune nelle imprese agricole biologiche.

Altrettanto positivo è l’aumento dei locali di ristorazione, soprattutto se si considera la situazione generale del comparto convenzionale, che nel 2013 ha registrato una diminuzione di 9.000 unità. Bar, trattorie, bistrot e gastronomie biologiche sono aumentate nel 2014 del 16%, lo stesso tasso di crescita già registrato l’anno precedente. “Il segmento trainante è sicuramente quello vegetariano e vegano. Come dimostra l’avvio della catena Veggy Days, la prima rete in franchising di ristorazione biologica e vegana in Italia”, spiega l’annuario, in cui si rileva anche che “da tempo la ristorazione bio è in sala d’attesa per una regolamentazione europea o nazionale”. In leggera crescita anche le mense che servono prodotti biologici: nel 2014 se ne registrano 13 in più.

Sono invece in stand by i settori in cui il biologico ha messo prima le radici e che hanno spinto la sua crescita in passato. In lieve flessione gli agriturismi biologici (-1%), in diminuzione i mercatini (-4%), stabili i gruppi d’acquisto solidali, che dal 2004 al 2013 erano invece esplosi facendo segnare un +508%. Modelli organizzativi e forme di business che hanno fatto il loro tempo o forse, più probabilmente, ambiti da ripensare e reinventare, con molti spazi per un ulteriore sviluppo.

L’edizione numero 21 di TuttoBio, accompagnata dal rinnovamento del relativo sito web Biobank.it, è dedicata a quanti hanno scelto il biologico per iniziare una vita diversa: “Per alcuni la molla è il ritorno alla natura, come un bisogno essenziale, insopprimibile, che richiede però un cambio radicale di vita. (…) Per altri a muovere tutto sono le passioni, intese come talenti, coltivate negli anni, che si trasformano in una reale opportunità di lavoro”, scrivono nell’introduzione i curatori del volume, Mingozzi e Bertino. Ci sono la bella storia di Martina Olivieri, 33 anni, che ha lasciato un lavoro nel marketing a Parigi per sviluppare nelle Marche un progetto di produzione di superfood crudo, biologico e vegano, e quella altrettanto coraggiosa di Daniela Pascucci, industrial designer e oggi titolare di una biscotteria naturale nel ravennate. E ancora, ci sono la storia di Osvaldo De Falco, giovane manager tornato in Calabria per investire in un progetto di e-commerce 2.0 di agrumi biologici, e quella di Caspar Vrensen e Annemieke Kranendonk, che hanno lasciato l’Olanda e due lavori di consulenza e pubbliche relazioni per dedicarsi alla coltivazione di zafferano biologico nelle Marche.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende