Home » Eventi »Nazionali »Normative »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Appalti verdi per pubbliche amministrazioni sostenibili:

Appalti verdi per pubbliche amministrazioni sostenibili

courtesy of Sara Bjork (Flickr)E’ ormai entrato a far parte del senso comune il fatto che i nostri acquisti, siano essi di prodotti o di servizi, hanno necessariamente un impatto sul consumo o, viceversa, sul risparmio di energia. In particolare, esistono prodotti e servizi specificamente connotati in tal senso, come gli elettrodomestici, i mezzi di trasporto pubblici e privati eccetera; anche tutti gli altri, tuttavia, hanno sull’ambiente un impatto che, per quanto meno evidente, non è per nulla trascurabile.

Ciò che vale per i singoli cittadini, a maggior ragione vale per le pubbliche amministrazioni: esse hanno innanzitutto il ruolo di “dare il buon esempio”, come ha sottolineato l’Assessore all’Ambiente della Regione Piemonte Nicola de Ruggiero in apertura del workshop Appalti verdi e centrali di acquisto tenutosi questa mattina nell’ambito della Biennale dell’Eco-Efficienza. “Ho preso l’abitudine, recentemente, di tenere lezioni sui temi energetici ai ragazzi delle scuole: inevitabilmente, la prima delle domande che mi viene posta alla fine è sempre la stessa – E la nostra scuola?” Perché è evidente che troppo spesso gli edifici pubblici non siano esattamente buoni esempi di eco-efficienza, nonostante tutti gli sforzi compiuti negli ultimi anni “soprattutto nella provincia di Torino” – ha sottolineato con enfasi de Ruggiero.

L’impostazione del workshop è stata data fin dall’inizio dal moderatore Giuseppe Gamba di Kyoto Club: è importante, in materia di impatto ambientale nell’acquisto di prodotti e servizi, avere sempre presenti i dati quantitativi. “Dichiarare che la pubblica amministrazione X ha risparmiato il 30% di energia non è un dato quantitativo, perché non si capisce in rapporto a cosa; sarebbe auspicabile che le pubbliche amministrazioni comunicassero agli utenti i propri successi in termini più precisi – abbiamo salvato x alberi, abbiamo risparmiato y litri di petrolio, z quintali di CO2. E sarebbe ancora meglio che questi dati fossero esplicitamente inseriti nelle delibere”, per dare maggiori elementi di trasparenza al modo in cui le pubbliche amministrazioni integrano i criteri ambientali in tutte le fasi dei processi di acquisto.

Anche perché i cosiddetti “acquisti pubblici verdi”, o GPP (Green Public Procurement), sono ben regolati a livello europeo fin dal 2004, grazie a normative che riconoscono l’importanza dei criteri ambientali – consentendo addirittura che in certe circostanze possano prevalere rispetto a quelli di economicità.

Recentemente è stata istituita, inoltre, l’eco-etichetta Ecolabel Europeo: un marchio pubblico, volontario, le cui condizioni sono state stabilite con criteri scientifici e che tiene in conto l’intero ciclo di vita del prodotto a cui viene applicato, dall’estrazione delle materie prime sino allo smaltimento.

In Italia, tuttavia, il piano d’azione nazionale sul GPP del 2007 – che si pone come obiettivi una crescente efficienza e un risparmio nell’uso delle risorse, la riduzione dei quantitativi di rifiuti prodotti e dell’uso di sostanze pericolose per l’ambiente – avrebbe dovuto realizzarsi tramite la definizione di criteri ambientali individuati da Decreti Ministeriali.

“Decreti che non esistono perché non sono mai andati oltre la fase di bozza”, dice Vincenzo Maria Molinari dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Piemonte; “ad ogni modo, il concetto di acquisto pubblico verde offre grandi opportunità, dal momento che stimola l’innovazione, razionalizza la spesa pubblica, stimola la crescita di un mercato più verde”.

Tale carenza normativa ha fatto sì che, nel corso degli anni, gli operatori del settore abbiano dovuto “navigare a vista”. Anche per questo motivo, suggerisce Molinari, “è importante che le pubbliche amministrazioni di tutta Italia si impegnino nel campo di una formazione concreta e orientata al pragmatismo”, soprattutto considerando il fatto che il nostro Paese conta migliaia di Comuni e centinaia di altre amministrazioni pubbliche, ognuna con le proprie peculiarità.

C’è ancora molta strada da fare; anche a livello di eco etichettature, infatti, Ecolabel è molto poco diffusa – 12 cartiere in tutta l’Unione Europea, 20 produttori di lavatrici, tanto per citare qualche esempio numerico. Quando però, dall’1% del mercato di oggi, Ecolabel riuscisse a coprirne il 5%, si risparmierebbero oltre quindici miliardi di kilowattora annui in elettricità e quasi nove milioni di tonnellate di CO2. Sembra che ne valga la pena.

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende