Home » Eventi »Nazionali »Normative »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Appalti verdi per pubbliche amministrazioni sostenibili:

Appalti verdi per pubbliche amministrazioni sostenibili

courtesy of Sara Bjork (Flickr)E’ ormai entrato a far parte del senso comune il fatto che i nostri acquisti, siano essi di prodotti o di servizi, hanno necessariamente un impatto sul consumo o, viceversa, sul risparmio di energia. In particolare, esistono prodotti e servizi specificamente connotati in tal senso, come gli elettrodomestici, i mezzi di trasporto pubblici e privati eccetera; anche tutti gli altri, tuttavia, hanno sull’ambiente un impatto che, per quanto meno evidente, non è per nulla trascurabile.

Ciò che vale per i singoli cittadini, a maggior ragione vale per le pubbliche amministrazioni: esse hanno innanzitutto il ruolo di “dare il buon esempio”, come ha sottolineato l’Assessore all’Ambiente della Regione Piemonte Nicola de Ruggiero in apertura del workshop Appalti verdi e centrali di acquisto tenutosi questa mattina nell’ambito della Biennale dell’Eco-Efficienza. “Ho preso l’abitudine, recentemente, di tenere lezioni sui temi energetici ai ragazzi delle scuole: inevitabilmente, la prima delle domande che mi viene posta alla fine è sempre la stessa – E la nostra scuola?” Perché è evidente che troppo spesso gli edifici pubblici non siano esattamente buoni esempi di eco-efficienza, nonostante tutti gli sforzi compiuti negli ultimi anni “soprattutto nella provincia di Torino” – ha sottolineato con enfasi de Ruggiero.

L’impostazione del workshop è stata data fin dall’inizio dal moderatore Giuseppe Gamba di Kyoto Club: è importante, in materia di impatto ambientale nell’acquisto di prodotti e servizi, avere sempre presenti i dati quantitativi. “Dichiarare che la pubblica amministrazione X ha risparmiato il 30% di energia non è un dato quantitativo, perché non si capisce in rapporto a cosa; sarebbe auspicabile che le pubbliche amministrazioni comunicassero agli utenti i propri successi in termini più precisi – abbiamo salvato x alberi, abbiamo risparmiato y litri di petrolio, z quintali di CO2. E sarebbe ancora meglio che questi dati fossero esplicitamente inseriti nelle delibere”, per dare maggiori elementi di trasparenza al modo in cui le pubbliche amministrazioni integrano i criteri ambientali in tutte le fasi dei processi di acquisto.

Anche perché i cosiddetti “acquisti pubblici verdi”, o GPP (Green Public Procurement), sono ben regolati a livello europeo fin dal 2004, grazie a normative che riconoscono l’importanza dei criteri ambientali – consentendo addirittura che in certe circostanze possano prevalere rispetto a quelli di economicità.

Recentemente è stata istituita, inoltre, l’eco-etichetta Ecolabel Europeo: un marchio pubblico, volontario, le cui condizioni sono state stabilite con criteri scientifici e che tiene in conto l’intero ciclo di vita del prodotto a cui viene applicato, dall’estrazione delle materie prime sino allo smaltimento.

In Italia, tuttavia, il piano d’azione nazionale sul GPP del 2007 – che si pone come obiettivi una crescente efficienza e un risparmio nell’uso delle risorse, la riduzione dei quantitativi di rifiuti prodotti e dell’uso di sostanze pericolose per l’ambiente – avrebbe dovuto realizzarsi tramite la definizione di criteri ambientali individuati da Decreti Ministeriali.

“Decreti che non esistono perché non sono mai andati oltre la fase di bozza”, dice Vincenzo Maria Molinari dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Piemonte; “ad ogni modo, il concetto di acquisto pubblico verde offre grandi opportunità, dal momento che stimola l’innovazione, razionalizza la spesa pubblica, stimola la crescita di un mercato più verde”.

Tale carenza normativa ha fatto sì che, nel corso degli anni, gli operatori del settore abbiano dovuto “navigare a vista”. Anche per questo motivo, suggerisce Molinari, “è importante che le pubbliche amministrazioni di tutta Italia si impegnino nel campo di una formazione concreta e orientata al pragmatismo”, soprattutto considerando il fatto che il nostro Paese conta migliaia di Comuni e centinaia di altre amministrazioni pubbliche, ognuna con le proprie peculiarità.

C’è ancora molta strada da fare; anche a livello di eco etichettature, infatti, Ecolabel è molto poco diffusa – 12 cartiere in tutta l’Unione Europea, 20 produttori di lavatrici, tanto per citare qualche esempio numerico. Quando però, dall’1% del mercato di oggi, Ecolabel riuscisse a coprirne il 5%, si risparmierebbero oltre quindici miliardi di kilowattora annui in elettricità e quasi nove milioni di tonnellate di CO2. Sembra che ne valga la pena.

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende