Home » Aziende »Idee » Cambiamenti climatici: gli italiani sono i più preoccupati d’Europa:

Cambiamenti climatici: gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

maggio 22, 2013 Aziende, Idee

Tornado nel Midwest, tsunami in Asia, alluvioni devastanti in varie parti d’Italia. Troppi i disastri nel mondo. Negli ultimi sessant’anni sono stati pari a 250 miliardi di euro i danni subiti dall’Italia a causa delle calamità naturali. Il dato emerge dall’indagine Axa-Ipsos “La governance dei beni pubblici globali: oggi per il domani. Le sfide del cambiamento climatico per il settore privato”, secondo la quale gli italiani sono i più preoccupati d’Europa per il rischio climatico. Non solo perché devono fare i conti anno dopo anno con stagioni “che non sono più quelle di una volta”, ma perché constatano anno dopo anno gli effetti del clima che muta.

Dal 1944 ad oggi il Paese ha speso 3,5 miliardi l’anno, per riparare i danni da catastrofi naturali. In base alla ricerca quasi nove italiani su 10 sono convinti che il clima sia cambiato negli ultimi 20 anni e il 92% è preoccupato per le conseguenze del cambiamento climatico, il livello più alto d’Europa. La consapevolezza è maggiore tra le donne (92%) che tra gli uomini (87%). Più di 8 italiani su 10 sono inoltre convinti che il cambiamento climatico sia principalmente il risultato di attività umane, una percentuali superiore a quelle degli altri Paesi economicamente maturi (Usa, Giappone e Europa sono in media al 78%) e più vicina ai Paesi emergenti (Indonesia, Turchia e Messico al 91%). I più scettici sono gli statunitensi: il 42% ritiene che i cambiamenti climatici siano da imputare a fattori naturali.

Si diffonde poi tra gli italiani la percezione che il cambiamento climatico stia già  incidendo sulle proprie vite. Per il 42% ha già ricadute sul proprio benessere personale (contro una media globale del 30%), per il 40% sulla propria salute (contro una media del 21%) e il 37% sulla dieta (contro il 21%). I fattori che generano più ansia sono l’aumento delle temperature medie (88%), la siccità (87%) e il livello delle precipitazioni responsabili di inondazioni (86%). Più della media globale, d’altro canto, gli italiani pensano che la responsabilità del cambiamento climatico sia collettiva ed imputabile in particolare ai Paesi sviluppati (93%) e alle aziende energetiche e manifatturiere in particolare. Sono però anche ottimisti sulle possibilità di trovare soluzioni innovative per ridurre l’impatto del cambiamento climatico (93% contro l’88% della media globale).

“Il crescente livello di preoccupazione sul cambiamento climatico è un segnale per gli assicuratori, ma le risposte devono essere comuni, in una logica di partnership virtuosa tra pubblico-privato e società”, spiega Andrea Rossi, ad di Axa Assicurazioni. “Non dobbiamo dimenticarci che i cambiamenti climatici sono lenti, ma inesorabili: temperature aumentate di 1,7 gradi, cambiamento delle precipitazioni, il ritiro dei ghiacciai e lo spostamento degli ecosistemi che interagiscono e modificano l’agricoltura agendo quindi sull’economia globale”, spiega Valentina Bosetti, Università Bocconi, ricercatrice del Centro Euro-Mediterraneo per i cambiamenti climatici. “Se le nostre economie continuano a produrre ricchezza seguendo gli schemi del passato, le emissioni annuali di gas serra sono destinate a raddoppiare”, rincara la dose la Bosetti. Sostenibilità e crescita, quindi, sono i due temi chiave: una gestione ambientale sostenibile è condizione essenziale per una crescita economica duratura.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

giugno 5, 2018

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia [...]

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

giugno 4, 2018

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

La nuova Piattaforma per il monitoraggio degli impianti fotovoltaici di grande taglia rappresenta un primo passo del GSE per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di 72 TWh di produzione fotovoltaica al 2030. Per proiettare il Paese verso la decarbonizzazione e garantire uno sviluppo che sia davvero sostenibile, sarà infatti importante non solo realizzare nuovi impianti FER, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende