Home » Aziende »Idee » Cambiamenti climatici: gli italiani sono i più preoccupati d’Europa:

Cambiamenti climatici: gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

maggio 22, 2013 Aziende, Idee

Tornado nel Midwest, tsunami in Asia, alluvioni devastanti in varie parti d’Italia. Troppi i disastri nel mondo. Negli ultimi sessant’anni sono stati pari a 250 miliardi di euro i danni subiti dall’Italia a causa delle calamità naturali. Il dato emerge dall’indagine Axa-Ipsos “La governance dei beni pubblici globali: oggi per il domani. Le sfide del cambiamento climatico per il settore privato”, secondo la quale gli italiani sono i più preoccupati d’Europa per il rischio climatico. Non solo perché devono fare i conti anno dopo anno con stagioni “che non sono più quelle di una volta”, ma perché constatano anno dopo anno gli effetti del clima che muta.

Dal 1944 ad oggi il Paese ha speso 3,5 miliardi l’anno, per riparare i danni da catastrofi naturali. In base alla ricerca quasi nove italiani su 10 sono convinti che il clima sia cambiato negli ultimi 20 anni e il 92% è preoccupato per le conseguenze del cambiamento climatico, il livello più alto d’Europa. La consapevolezza è maggiore tra le donne (92%) che tra gli uomini (87%). Più di 8 italiani su 10 sono inoltre convinti che il cambiamento climatico sia principalmente il risultato di attività umane, una percentuali superiore a quelle degli altri Paesi economicamente maturi (Usa, Giappone e Europa sono in media al 78%) e più vicina ai Paesi emergenti (Indonesia, Turchia e Messico al 91%). I più scettici sono gli statunitensi: il 42% ritiene che i cambiamenti climatici siano da imputare a fattori naturali.

Si diffonde poi tra gli italiani la percezione che il cambiamento climatico stia già  incidendo sulle proprie vite. Per il 42% ha già ricadute sul proprio benessere personale (contro una media globale del 30%), per il 40% sulla propria salute (contro una media del 21%) e il 37% sulla dieta (contro il 21%). I fattori che generano più ansia sono l’aumento delle temperature medie (88%), la siccità (87%) e il livello delle precipitazioni responsabili di inondazioni (86%). Più della media globale, d’altro canto, gli italiani pensano che la responsabilità del cambiamento climatico sia collettiva ed imputabile in particolare ai Paesi sviluppati (93%) e alle aziende energetiche e manifatturiere in particolare. Sono però anche ottimisti sulle possibilità di trovare soluzioni innovative per ridurre l’impatto del cambiamento climatico (93% contro l’88% della media globale).

“Il crescente livello di preoccupazione sul cambiamento climatico è un segnale per gli assicuratori, ma le risposte devono essere comuni, in una logica di partnership virtuosa tra pubblico-privato e società”, spiega Andrea Rossi, ad di Axa Assicurazioni. “Non dobbiamo dimenticarci che i cambiamenti climatici sono lenti, ma inesorabili: temperature aumentate di 1,7 gradi, cambiamento delle precipitazioni, il ritiro dei ghiacciai e lo spostamento degli ecosistemi che interagiscono e modificano l’agricoltura agendo quindi sull’economia globale”, spiega Valentina Bosetti, Università Bocconi, ricercatrice del Centro Euro-Mediterraneo per i cambiamenti climatici. “Se le nostre economie continuano a produrre ricchezza seguendo gli schemi del passato, le emissioni annuali di gas serra sono destinate a raddoppiare”, rincara la dose la Bosetti. Sostenibilità e crescita, quindi, sono i due temi chiave: una gestione ambientale sostenibile è condizione essenziale per una crescita economica duratura.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende