Home » Aziende »Idee »Prodotti » Design per la sostenibilità:

Design per la sostenibilità

ottobre 9, 2009 Aziende, Idee, Prodotti

Courtesy of wheredidyoubuythat.com (flickr)Nel contesto del Congresso Nazionale di Bioedilizia, organizzato da Environment Park a Torino, si è svolto, giovedì 8 ottobre, il forum ”Eco-design“, moderato da Laura Milani, direttore dello IAAD (Istituto d’Arte Applicata e Design), e incentrato sull’idea che il design della sostenibilità debba essere il prodotto di un dialogo tra diverse discipline.

Un’interazione ben rappresentata dai relatori presenti. I fratelli Davide e Gabriele Adriano (Adriano Design) hanno fornito una curiosa case history con la linea “Takaje”. In collaborazione con la storica azienda del Canavese Tre Spade, i due designer hanno infatti ideato un prodotto che, per mezzo di una semplice valvola, permette di trasformare qualsiasi barattolo in un sottovuoto. Si tratta, nella loro definizione, di un design “simbiotico” dove il nuovo oggetto restituisce la vita ad un altro che diversamente finirebbe tra i rifiuti.

La praticità è al centro anche dell’idea di Gianluca Soldi, creatore di Ovetto. L’esigenza di coniugare design, solidarietà sociale e funzionalità prende forma in un cassonetto per la raccolta differenziata a misura d’uomo. La forma compatta, i colori degli scomparti che riprendono quelli dei cassonetti, trasforma Ovetto in un mezzo educativo che, grazie all’aspetto gradevole, rende divertente la raccolta differenziata.

Come sottolinea Roberta Novelli, docente di Design dei processi sostenibili allo IAAD, il famoso passaggio dal consumatore al consum-attore ha spinto la progettazione sostenibile ad andare al di là dell’utilizzo dei meri materiali. Prodotti come Ovetto e Takaje sono il risultato di un’indagine multidisciplinare che ha conferito ai prodotti un valore aggiunto: la tecnologia incontra l’estetica e l’etica per disconoscere, una volta per tutte, la filosofia dell’usa e getta.

Il trend dell’eco-friendly viaggia però su un binario pericoloso. Marco Cappellini, Presidente di CAPPELLINI Design & Consulting (MATREC), ricorda con un’illuminante vignetta che spesso il miglior modo di adeguarsi al green thinking è semplicemente quello di ridurre i consumi. Come dire: meglio produrre rifiuti eco o produrre meno rifiuti?

La diatriba è quanto mai attuale in un momento in cui il temuto consumattore, muovendosi alla ricerca di prodotti “verdi”, incontra la risposta delle aziende, ormai consapevoli del facile profitto.  L’eco vende, piace e conferisce un’immagine positiva anche ai prodotti banali. Secondo studi come Terra Choice, tuttavia, sono sempre di più le imprese che si fregiano impropriamente di un marchio ambientale: si tratta dell’ormai noto greenwashing, fenomeno che sembra poter essere arginato solamente da normative chiare che non lascino spazio all’eco-marketing di facciata.

La prospettiva fornita da Nicola Perullo, docente di estetica all’università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, ripresenta la triade design-prodotto-sostenibilità sotto una nuova luce. Perullo sottolinea come i designer tendano molto spesso a considerare l’elemento cibo come un oggetto tra i molti, dimenticando quanto questo giochi un ruolo del tutto particolare. Quello che potremmo chiamare con un neologismo l’eco-food-design, tanto per cominciare, non richiede tecnologie: il nuovo trend vede protagoniste la carota, l’uovo, l’insalata che, dal produttore, arrivano sulla tavola fresche della bellezza del prodotto genuino. Resta l’annosa questione: meglio un biologico importato o un convenzionale sotto casa? Verrebbe da dire: “meglio il biologico sotto casa”.

Il workshop si chiude con l’intervento di Gianluca Buzzegoli, responsabile Marketing di Fonti Vinadio, che presenta la nuova Bio Bottle di Sant’Anna, realizzata con gli scarti di mais. Un claim accattivante (“L’unica al mondo che sparisce in 80 giorni”), promette, tappo a parte, una bottiglia completamente riciclabile chimicamente. Un prodotto dunque doppiamente green, se dallo smaltimento si ricavano nuove bottiglie. Il costo di produzione resta tuttavia ancora un inconveniente.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende