Home » Aziende »Idee »Prodotti » Design per la sostenibilità:

Design per la sostenibilità

ottobre 9, 2009 Aziende, Idee, Prodotti

Courtesy of wheredidyoubuythat.com (flickr)Nel contesto del Congresso Nazionale di Bioedilizia, organizzato da Environment Park a Torino, si è svolto, giovedì 8 ottobre, il forum ”Eco-design“, moderato da Laura Milani, direttore dello IAAD (Istituto d’Arte Applicata e Design), e incentrato sull’idea che il design della sostenibilità debba essere il prodotto di un dialogo tra diverse discipline.

Un’interazione ben rappresentata dai relatori presenti. I fratelli Davide e Gabriele Adriano (Adriano Design) hanno fornito una curiosa case history con la linea “Takaje”. In collaborazione con la storica azienda del Canavese Tre Spade, i due designer hanno infatti ideato un prodotto che, per mezzo di una semplice valvola, permette di trasformare qualsiasi barattolo in un sottovuoto. Si tratta, nella loro definizione, di un design “simbiotico” dove il nuovo oggetto restituisce la vita ad un altro che diversamente finirebbe tra i rifiuti.

La praticità è al centro anche dell’idea di Gianluca Soldi, creatore di Ovetto. L’esigenza di coniugare design, solidarietà sociale e funzionalità prende forma in un cassonetto per la raccolta differenziata a misura d’uomo. La forma compatta, i colori degli scomparti che riprendono quelli dei cassonetti, trasforma Ovetto in un mezzo educativo che, grazie all’aspetto gradevole, rende divertente la raccolta differenziata.

Come sottolinea Roberta Novelli, docente di Design dei processi sostenibili allo IAAD, il famoso passaggio dal consumatore al consum-attore ha spinto la progettazione sostenibile ad andare al di là dell’utilizzo dei meri materiali. Prodotti come Ovetto e Takaje sono il risultato di un’indagine multidisciplinare che ha conferito ai prodotti un valore aggiunto: la tecnologia incontra l’estetica e l’etica per disconoscere, una volta per tutte, la filosofia dell’usa e getta.

Il trend dell’eco-friendly viaggia però su un binario pericoloso. Marco Cappellini, Presidente di CAPPELLINI Design & Consulting (MATREC), ricorda con un’illuminante vignetta che spesso il miglior modo di adeguarsi al green thinking è semplicemente quello di ridurre i consumi. Come dire: meglio produrre rifiuti eco o produrre meno rifiuti?

La diatriba è quanto mai attuale in un momento in cui il temuto consumattore, muovendosi alla ricerca di prodotti “verdi”, incontra la risposta delle aziende, ormai consapevoli del facile profitto.  L’eco vende, piace e conferisce un’immagine positiva anche ai prodotti banali. Secondo studi come Terra Choice, tuttavia, sono sempre di più le imprese che si fregiano impropriamente di un marchio ambientale: si tratta dell’ormai noto greenwashing, fenomeno che sembra poter essere arginato solamente da normative chiare che non lascino spazio all’eco-marketing di facciata.

La prospettiva fornita da Nicola Perullo, docente di estetica all’università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, ripresenta la triade design-prodotto-sostenibilità sotto una nuova luce. Perullo sottolinea come i designer tendano molto spesso a considerare l’elemento cibo come un oggetto tra i molti, dimenticando quanto questo giochi un ruolo del tutto particolare. Quello che potremmo chiamare con un neologismo l’eco-food-design, tanto per cominciare, non richiede tecnologie: il nuovo trend vede protagoniste la carota, l’uovo, l’insalata che, dal produttore, arrivano sulla tavola fresche della bellezza del prodotto genuino. Resta l’annosa questione: meglio un biologico importato o un convenzionale sotto casa? Verrebbe da dire: “meglio il biologico sotto casa”.

Il workshop si chiude con l’intervento di Gianluca Buzzegoli, responsabile Marketing di Fonti Vinadio, che presenta la nuova Bio Bottle di Sant’Anna, realizzata con gli scarti di mais. Un claim accattivante (“L’unica al mondo che sparisce in 80 giorni”), promette, tappo a parte, una bottiglia completamente riciclabile chimicamente. Un prodotto dunque doppiamente green, se dallo smaltimento si ricavano nuove bottiglie. Il costo di produzione resta tuttavia ancora un inconveniente.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende