Home » Aziende »Pratiche »Smart City » Bike sharing, tra stazioni fisse e free floating. Evoluzione di un fenomeno:

Bike sharing, tra stazioni fisse e free floating. Evoluzione di un fenomeno

giugno 6, 2019 Aziende, Pratiche, Smart City

Negli ultimi due anni abbiamo assistito, nelle principali città italiane, alla crescita esponenziale delle “bici facili”, quelle libere dagli stalli, abbandonate un po’ovunque al termine della corsa. Un’onda apparentemente potente e inizialmente ben accolta dalla amministrazioni locali, a cui però è seguita presto un’altrettanto forte risacca, che ha visto sparire nel nulla diverse società di bike sharing free floating: dopo il glorioso assalto iniziale solo più telai, gomme e sellini abbandonati sulle strade. Uno dei pochi operatori del free floating che resiste è Mobike. A Torino è l’unico sopravvissuto delle cinque tigri a due ruote che volevano modificare la mobilità cittadina. Un’era si chiude o forse si stabilizza. Vandalismi a parte, se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno, potremmo dire che è stata una stagione utile per porre il tema della mobilità a due ruote al centro del dibattito pubblico e definire meglio i possibili modelli di business.

Del fenomeno bike sharing – nella modalità “stanziale” vs. free floatingne abbiamo parlato con tre testimoni dallo sguardo prospettico diverso: Gianluca Pin direttore commerciale di TOBike (che festeggia oggi 9 anni di vita), Davide Lazzari responsabile Relazioni Istituzionali di Mobike e Simone Conte, attivista di Bike Pride Fiab Torino.

Pin non ha dubbi: “Il free floating non sempre è un business model innovativo, c’è chi ha fallito, chi è tornato in Cina, il fenomeno si è fermato in poche città – rispetto alla nostra presenza, sempre più capillare, anche nelle città medie”. Non è naturalmente tutto sbagliato: “il fenomeno ha permesso l’offerta di nuovi servizi e allo stesso tempo ha suscitato interesse sui servizi tradizionali. Ha acceso  i riflettori sull’offerta esistente. Gli ultimi 24 mesi sono stati molto interessanti da studiare”. “Ma il free floating in Europea non può funzionare – conclude Pin - va bene nelle megalopoli  che superano i 10 milioni di abitanti. In un metro quadro di suolo  cinese c’è un tale densità demografica…”.

Eppure Mobike è tuttora ben presente in diverse realtà italiane. Se le altre quattro società hanno fallito quest’operatore presenta numeri significativi: “A Torino siamo presenti da un anno e in questi 12 mesi abbiamo assicurato circa 1 milione di noleggi”. I torinesi pedalano quasi quanto nel Nord Europa, come confermano i circa 4.200 noleggi giornalieri con il bel tempo, un numero che cala a circa 2.000/2.500 con il brutto tempo. Il manager di Mobike è soddisfatto. Alla domanda sul perché gli altri hanno fallito risponde senza esitazioni: “Noi abbiamo un prodotto di qualità. La nostra bicicletta non ha i raggi, non si può estrarre la sella, ovvero è stata pensata per non essere vandalizzata. Stiamo andando bene, anche se vogliamo anche noi – come tutti gli altri operatori – avere un sostegno da parte delle amministrazioni, visto il contributo che diamo in termini ecologici con la riduzione delle emissioni. A Torino abbiamo ottimi rapporti istituzionali”.

Il direttore di TOBike ammette che il free floating, con tutte  quelle società, ha soddisfatto un’esigenza, quella degli  spostamenti occasionali e imprevedibili che noi non potevamo soddisfare. La nostra  filosofia è invece di cercare l’integrazione con il sistema del trasporto locale. I luoghi prescelti per le stazioni sono quelli ad alta frequenza”.

Simone Conte di Bike Pride (che domenica 9 giugno porterà nuovamente per strada migliaia di ciclisti) spezza una lancia a favore del modello “classico” del bike sharing: “Resto scettico sul free floating , non aiuta la mobilità sostenibile della città. Le bici restano sparpagliate e  non sono molto efficienti, hanno una pedalata molto lenta. Una serie di elementi che non depongono a favore di questo sistema, che secondo me necessita di regole”. Ma anche il modello a stazione fissa ha qualche problema, dal punto di vista degli utenti più esigenti: “Serve una maggiore redistribuzione nella distribuzione, ovvero la mattina tutti si spostano dalla periferia al centro e la periferia resta poi sguarnita di mezzi per una parte della giornata. Io proporrei una redistribuzione delle bici in periferia per colmare  questa mancanza del servizio negli orari di punta”.

C’è distanza, in definitiva, tra i due modelli, “ma si sperimenta una buona convivenza”, fanno capire gli intervistati. Il cittadino, alla fine, può scegliere tra due servizi di bike sharing. “Noi pensiamo - incalza Pin - di essere più convenienti. A chi si abbona offriamo i primi 30 minuti gratuiti, 2 ore nel week end e pensiamo, in alcune città, di arrivare alla prima ora gratis”.

Oggi Tobike spegne le prime 9 candeline di attività nel capoluogo sabaudo: “festeggiamo con l’immissione di ulteriori biciclette, che presto circoleranno in città e che andranno a rafforzare la flotta attualmente disponibile, e le 26 nuove stazioni che saranno attivate entro l’estate”. E poi la lodevole iniziativa [TO]HANDBIKE dove “per la prima volta in una città italiana è attivo un servizio di bike sharing pensato per persone con disabilità”. La festa proseguirà fino al 9 giugno, con iniziative e promozioni come una forte scontistica sugli abbonamenti per continuare il percorso iniziato del 2010, che “ha permesso di registrare oltre 38.000.000 km percorsi a pedali con un numero di prelievi stimato intorno ai nove milioni, un bel contributo alla riduzione delle emissioni inquinanti!”.

La vera sfida, comunque, non è tra bike sharing fisso o mobile, ma nell’integrazione con il sistema di trasporto pubblico: “Stiamo sperimentando un progetto che mette insieme bici e autobus”. Il primo passo di un processo che vedrà  non più diversi abbonamenti, ma uno unico per la mobilità – sostiene il manager di TObike. “Un paniere dove dentro ci possono stare bici, autobus, taxi, treno, auto…”.  Stesso discorso per Lazzari di Mobike. Insomma invece di acquistare auto, moto, scooter, bici, monopattino…con un abbonamento e una App abbiamo già oggi una soluzione in tasca ogni volta che ci dobbiamo spostare.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende