Home » Aziende »Campioni d'Italia »Pratiche »Rubriche » Biosearch: la bonifica ambientale con i microrganismi:

Biosearch: la bonifica ambientale con i microrganismi

Biorisanamento ambientale piuttosto che messa in sicurezza. Microrganismi al posto di barriere di contenimento, membrane in cemento temporanee o smaltimenti in discarica. Biosearch, azienda torinese segnalata nell’ambito del premio Sviluppo Sostenibile 2012 tra le migliori dieci imprese del settore rifiuti e risorse, da più di dieci anni studia e applica sistemi innovativi per la bonifica, più efficaci e competitivi di quelli tradizionali, e a zero impatto ambientale.

“Quando vengono immesse nell’ambiente sostanze inquinanti, ci sono sempre microrganismi e piante che reagiscono. Con i nostri sistemi, noi andiamo a stimolare e accelerare quei meccanismi naturali di difesa e attenuazione”, spiega Roberto Ricci, biologo e amministratore della società, nata nel 2001 nel parco scientifico torinese Environment Park. I campioni di acqua e di terreno inquinati vengono analizzati nel nostro laboratorio di microbiologia. Poi si passa a studiare le soluzioni, “sempre sito-specifiche e basate su un mix di sostanze atossiche e completamente biodegradabili che hanno la funzione di stimolare di volta in volta lo sviluppo dei particolari microrganismi già all’opera in ogni contesto. Trovata la giusta composizione, questa viene immessa nelle falde acquifere o nei terreni”. Il resto, lo fa l’ambiente.

I risultati, continua Ricci, sono molto positivi: “Nel giro di pochi mesi, si raggiungono i limiti di bonifica imposti dalla normativa, con una serie di vantaggi rispetto ai sistemi  di messa in sicurezza temporanea: costano l’80% in meno e sono risolutivi”. Questi benefici, però, non sono bastati a rendere le cose più semplici: “L’Italia è un Paese strano: qui si preferisce mantenere le emergenze piuttosto che risolverle, perché rende di più. Il 10% del nostro territorio è inquinato, ma solo lo 0,02% è stato risanato, spendendo 2 miliardi di euro. Di questa piccolissima fetta, circa il 70% ha previsto smaltimenti in discarica e il 30% azioni di messa in sicurezza. Le bonifiche vere e proprie sono state una percentuale infinitesimale, mentre il problema delle contaminazioni è stato solo spostato nello spazio e nel tempo, ma mai risolto. Si ripresenterà tra qualche anno o da un’altra parte”. Non aiuta neanche la normativa sull’argomento: “Leggi contorte che lasciano aperte troppe possibilità, complicando di fatto le cose”.

Dal 2001 a oggi, Biosearch ha condotto una ventina di interventi di bonifica, concentrati soprattutto in Piemonte, Lombardia e Veneto, per decontaminare terreni e falde inquinate da idrocarburi, metalli, solventi clorurati, gli additivi della benzina verde MTBE, e persino paraflu, il fluido di raffreddamento dei motori, fuoriuscito da una cisterna. Nel 2003, l’azienda ha partecipato al progetto del programma europeo Life FREEPCB, per il biorisanamento di un terreno agricolo nel bergamasco contaminato da policlorobifenili, sostanze altamente tossiche ed inquinanti usate fino a pochi decenni fa come additivi in vernici e pesticidi. “Indagini dei microrganismi autoctoni del suolo agrario hanno permesso la selezione dei ceppi potenzialmente più efficienti nel processo di degradazione dei PCBs”, si legge nel dossier finale del progetto, concluso nel 2006, che ha permesso il recupero produttivo di 30 ettari di terreno.

L’ultimo sistema messo a punto da Biosearch si concentra invece sulla bonifica di aree contaminate da cromo esavalente, utilizzato nei processi industriali di bagni galvanici e nelle concerie. L’area ex Salp di Rivarolo Canavese, in provincia di Torino, è stata risanata ed altri interventi sono in corso  nell’area industriale del Verdellino, vicino a Bergamo, dove diversi stabilimenti hanno contaminato un’intera falda. “Il cromo esavalente è molto tossico per gli esseri umani ed è tossico per i batteri. Per questo, alcuni microrganismi adottano meccanismi di difesa per detossificare il cromo VI, solubile e in grado di spostarsi per chilometri dalla sorgente di contaminazione, riducendolo a cromo III, insolubile e solido, quindi non più trasportato dall’acqua di falda”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende