Home » Aziende »Pratiche » Biosur: la trasformazione sostenibile dei distretti passa dalle concerie:

Biosur: la trasformazione sostenibile dei distretti passa dalle concerie

maggio 27, 2013 Aziende, Pratiche

Eliminare gli odori degli scarichi industriali della lavorazione del cuoio nel distretto conciario toscano di Ponte a Egola, vicino a Firenze, dove vengono raccolti gli effluvi di circa cento aziende. È l’obiettivo del progetto triennale co-finanziato dall’Unione europea  Life+ “Biosur” (Rotating bioreactors for sustainable hydrogen sulphide removal) per la rimozione biologica dell’idrogeno solforato, che coinvolge come partner il Consorzio Cuoiodepur, il dipartimento di Biologia dell’università di Pisa, il dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’università di Firenze e Italprogetti Engineering spa.

L’impianto di depurazione nel quale verrà sperimentata la nuova tecnologia è quello gestito dal consorzio stesso nel comune di San Miniato.  “Si tratta di un processo che consentirà il passaggio dalla rimozione di sostanze inquinanti con reagenti chimici costosi e con un impatto ambientale alto, a un  utilizzo di microrganismi già presenti nell’impianto che sono in grado di rimuovere l’idrossido solforato”, spiega Gualtiero Mori, project manager della Cuoiodepur e coordinatore e responsabile del procedimento nell’impianto. Il carattere innovativo della tecnologia consiste nella peculiare tipologia di reattore, ovvero un “bioreattore a letto mobile rotante” in grado di realizzare elevati rendimenti, unico nel suo genere e che richiama per certi aspetti il modello del bottale, reattore tipico delle lavorazioni conciarie.

Ciò che tutti i partner di questo progetto dovranno valutare è “l’affidabilità dell’innovazione rispetto ad altri progetti, capire cioè se è maggiormente usufruibile anche per il distretto e qualora la tecnologia fosse capace di portare benefici, anche la possibilità di esportarla in altri settori industriali dove l’idrossido solforato è presente a livelli alti, come quello cartario”, prosegue il project manager. Non solo in Italia: “Abbiamo preso accordi per andare in Spagna e cercheremo di promuovere i risultati anche in altre zone d’Europa”, laddove sono presenti altri distretti conciari – oltre a Spagna e Italia anche Portogallo e Turchia – in cui gli l’idrossido di sodio si elimina con un processo chimico.

“E’ la prima volta che questo tipo di sperimentazione viene fatta su scala reale, quindi con un reattore vero e proprio. Lo scopo del progetto è sostituire la tecnologia con una più sostenibile”, aggiunge Claudia Vannini, responsabile scientifica per il dipartimento di Biologia dell’università di Pisa del progetto Biosur. “La tecnologia usata oggi nel distretto delle concerie usa dei reattori che utilizzano molto idrossido di sodio e ossigeno, sostanze che costano molto e che per essere prodotte hanno bisogno di un importante dispendio energetico”, prosegue. Per ragioni storiche, principalmente legate a problemi relativi alla sicurezza e alla presenza di cattivi odori, l’approccio al trattamento delle acque reflue nei grandi distretti conciari come quello toscano prevede la rimozione del solfuro mediante ossidazione a solfato, attraverso il dosaggio di ossigeno nel primo step della filiera di trattamento dei reflui. Con la tecnologia messa a punto dal progetto Biosur, cambia tutto. “Si tratta di un nuovo processo di trattamento biologico con microrganismi che fanno reazioni. L’efficienza è molto alta con costi più bassi anche per l’ambiente”. Perché oltre ai benefici economici – l’idrossido di sodio e l’ossigeno sono sostanze molto costose – c’è anche un beneficio ambientale: “Gli impianti di vecchio stampo utilizzano grandi quantitativi di acqua , ora si attuerebbe una sorta di riciclo. Inoltre, meno idrossido di sodio vuol dire anche meno emissioni di anidride carbonica”.

In questi giorni si sta finendo la fase di progettazione, si sta monitorando il livello di zolfo negli impianti e la start up è prevista tra luglio e agosto: “Con settembre – aggiunge Mori – finiremo la fase dei test e pensiamo di avere i primi risultati della fase preliminare tra la fine dell’anno e l’inizio del 2014”.

Marta Rossi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende