Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » Bologna città GAIA. Obiettivo 3.000 alberi per il verde pubblico:

Bologna città GAIA. Obiettivo 3.000 alberi per il verde pubblico

Il migliore è l’olmo. Ma anche sambuco e melo. Sono tra le specie di alberi selezionate a Bologna da Gaia (Green Areas Inner city Agreement), , un progetto co-finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Life+ e incluso tra le migliori buone pratiche delle amministrazioni del Vecchio Continente, tanto che la Commissione Europea lo ha eletto “Best of the best projects” su materie ambientali.

“Un progetto davvero evergreen” dichiara con un gioco di parole Roberto Kerkoc, consigliere delegato all’Energia e Ambiente di Unindustria Bologna, perchè Gaia, che si propone di rinfoltire le zone verdi dei centri urbani grazie ad accordi tra ente locale ed imprese del territorio, in un’ottica di responsabilità sociale d’impresa, a Bologna non si concluderà alla sua scadenza ufficiale (30 aprile 2013). ”Gaia va avanti – chiosa infatti Patrizia Gabellini, assessore all’Urbanistica e Ambiente - chiudiamo l’esperienza del progetto europeo ma d’ora in poi diventerà uno strumento dell’amministrazione. La forestazione prosegue e cercheremo di diffonderla a tutti i Comuni dell’area metropolitana”.

Oltre mille gli alberi piantati finora a Bologna grazie a Gaia, che si sommano ai 90mila già presenti nel capoluogo felsineo, centro urbano che vanta un 8% di superficie di verde pubblico e circa altrettanto di verde privato (quest’ultimo non censito ma rilevato da foto aree). Avviato nel 2011, il progetto si basa sull’idea di compensare l’impatto delle attività di un soggetto, misurato in termini di carbon footprint, quindi in quantità di anidride carbonica emessa, con un quantitativo di alberature da piantare in loco, per salvaguardare l’equilibrio del medesimo territorio.
Oltre il finanziamento europeo, pari al 50% del progetto, e alla fornitura di know-how e personale da parte della pubblica amministrazione, ammonta a 60mila euro la quota finora sostenuta dalle venti aziende partecipanti. Tra queste, nomi noti del tessuto economico locale e nazionale, come Coop Adriatica, Enel, Gd, La Perla, Aeroporto Marconi, Hera (la holding ex municipalizzata che gestisce gas, energia e rifiuti, ben oltre i confini cittadini), Unipol, Bologna Fiere, Interporto, Granarolo. Ma altri fondi sono in arrivo, sempre dal settore privato. Una partnership pubblico-privato in cui le imprese, supportate dalle Amministrazioni, calcolano la quantità di emissioni prodotte dalle singole attività e quindi la quantità di piante da acquistare per neutralizzare la Co2 emessa. “Le imprese si sono mosse lungo due binari – spiega Marisa Parmigiani, segretario generale di Impronta Etica – alcune hanno compensato le attività che svolgono, come l’uso dei computer, gli incontri con i soci, il bilancio sociale. Altre le attività legate al business, come la costruzione di una nuova sede. Chi aveva minori risorse, ha scelto i toner consumati in ufficio”. La Fiera di Bologna, per esempio, ha scelto di “compensare” l’inquinamento prodotto dal Cersaie e Lineapelle; l’Unipol le emissioni della filiale di via Rizzoli, altre aziende hanno neutralizzato quelle della flotta aziendale.
Ciascun albero – 200 euro il costo medio di quelli bolognesi - é in grado di assorbire, in 30 anni, da 3-5 chili fino a tre tonnellate di Co2. Questo scostamento si spiega perchè “le specie non sono tutte uguali”, come spiega l’assessore Gabellini “rispetto al ruolo che hanno, alcune hanno più capacità di resistenza, di pulire l’aria e di vivere in certi ambienti. Ma alcune piante sono anche portatrici di allergie. E’ importante quindi la conoscenza botanica dei tanti e diversi aspetti”. Proprio su questo versante è stato fondamentale il contributo di Ibimet, che ha orientato la scelta dei diversi tipi di piante. “Le ricerche sul clima delle città, sviluppate nel nord Europa da anni e solo di recente qui da noi – racconta Raschi – spiegano molti fenomeni, come il cambiamento climatico globale e quello locale della bolla di calore. Anche il progetto Gaia ha prodotto informazioni scientifiche valide, conoscenze nuove. E’ ricerca applicata. Come la misura della fotosintesi, un tempo sottovalutata, che ha portato ad applicativi oggi utili per la collettività”.
Olmo, sambuco, melo, ciliegio, frassino, acero campestre, tiglio, acero americano, albero dorato della pioggia: queste le specie individuate come le più efficaci in termini di sottrazione di Co2 e longevità della pianta, per cui ripagano maggiormente la spesa sostenuta.
Se le imprese scelgono cosa vogliono compensare, attraverso un programma di calcolo fornito dal Comune, quest’ultimo decide le aree per la piantumazione. Deve trattarsi infatti di zone prive di vincoli di pianificazione e nelle quali l’intervento di riforestazione non contrasti a livello paesaggistico. Quindici alberi intanto fanno ombra nel cortile della sede storica del Comune, che affaccia su Piazza Maggiore, nel cuore del centro storico ricco di portici ma povero di verde; oltre 700 alberi sono previsti per l’area industriale delle Roveri, altri per i parchi dei quartieri Savena, Saragozza, Reno e Navile. L’obiettivo iniziale di Gaia era infatti quota 3000 piante, target ora lontano – anche Gaia sconta la crisi e la scarsa capacità d’investimento delle aziende – ma che il Comune conta di centrare nei prossimi anni. Intanto il primo, più importante seme ha già dato frutto: sull’esempio di Bologna, altre città hanno manifestato interesse per questa pratica. E il Comune di Bologna proporrà quindi agli altri enti della provincia come replicare i protocolli per definire le modalità di adesione delle imprese al progetto. “I cambiamenti più importanti sono quelli culturali, anche di cultura aziendale” sottolinea Parmigiani.
Cristina Gentile
Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende