Home » Aziende »Pratiche » Case-vacanza: una formula vincente per fare esperienza di ecosostenibilità:

Case-vacanza: una formula vincente per fare esperienza di ecosostenibilità

febbraio 11, 2013 Aziende, Pratiche

Una casa con vista mozzafiato, un’aria pulita in mezzo a tanto verde, la dimensione familiare e intima aperta all’ospite, alla condivisione, alla curiosità di altre esperienze e vite. È questa Casa Aiva – che appunto significa Acqua, come la preziosa fonte presente nella proprietà, ma anche, nell’acronimo, Aria pulita (siamo a 505 m. s.l.m.), Incanto di un panorama che si estende da Torino fino al cuneese; Vacanza all’insegna del relax, a contatto con la natura e in un ambiente sostenibile; e, ancora, Agricoltura, con i prodotti della vigna, del frutteto e dell’orto: una vera e propria casa-vacanze tra le colline di San Secondo e Prarostino, nel pinerolese, che due ragazzi hanno concepito e aperto circa tre anni fa, per cambiare vita e lavoro.

“Abitavamo già fuori Torino – ci racconta Barbara – padrona di casa e mamma di due bambini – ma cercavamo un luogo che ci affascinasse e che ci permettesse di unire la tranquillità e il contatto con la natura alla vicinanza di scuola e servizi, soprattutto per i nostri figli. Dal primo momento in cui abbiamo visto questa grande casa, ce ne siamo innamorati per la meraviglia della sua posizione, del paesaggio e della natura che la circondano”.

Ma questa non è la storia, ormai sempre più comune, di una famiglia che sceglie di lasciare la città e ristrutturare un cascinale in campagna. “Grazie alle grandi dimensioni della casa – prosegue Barbara – abbiamo potuto ricavare un appartamento in più, rispondendo ad un sogno che da tanto tempo avevamo nel cassetto: io lavoro come consulente turistica da oltre dieci anni, ma da tempo desideravo fare qualcosa di più pratico, che mi permettesse di far conoscere il nostro bellissimo territorio e le risorse della regione, di contribuire a valorizzarlo e renderlo vivo”. Nasce così l’idea di una casa-vacanze aperta, che ospita famiglie e offre loro la possibilità di trascorrere alcuni giorni qui come base per visite culturali in città, in montagna o in campagna; ma anche e soprattutto di vivere e conoscere il territorio nella sua essenza, nel suo cibo, nei suoi frutti e prodotti (anche artigianali), facendo sport, passeggiate, e attività all’aria aperta, sempre in contatto e nel rispetto della natura.

Un’attenzione forte, è riservata, ça va sans dire, alla sostenibilità ambientale. “Questa casa ci ha dato la possibilità di mettere in pratica i valori dell’ecosostenibilità a cui ci eravamo avvicinati quando vivevamo a Rivalta, attraverso un Gruppo di Acquisto Solidale e un comitato di cittadinanza attiva, e così, da riflessioni più grandi è maturata la scelta di ristrutturare e arredare la cascina in modo intelligente: la casa oggi è dotata di pannelli solari per la produzione di acqua calda, fotovoltaici per l’energia elettrica, di un sistema di riscaldamento solare per l’acqua della piscina e della doccia esterna, di un cappotto termico per l’isolamento, di una vasca per la raccolta dell’acqua pluviale. Ma non ci siamo fermati ‘all’esterno’, è anche stata arredata completamente con i mobili della Biogriva di Pinerolo, in materiali naturali garantiti per la salute dell’uomo e dell’ambiente (pietra di Perosa e legno massello certificato). Con Franco e Roberta di Biogriva c’è stata un’intesa immediata, una convergenza di sensibilità e da subito abbiamo condiviso lo spirito del progetto”.

Un’operazione win-win a tutti gli effetti, tipica dello spirito più autentico della green economy: il produttore ottiene visibilità qualificata (grazie ai numerosi ospiti italiani e stranieri che soggiornano nella casa-vacanze) e i padroni di casa hanno potuto arredare i locali in maniera coerente e a condizioni agevolate. “La collaborazione è venuta spontanea – prosegue ancora Barbara – ci hanno suggerito di realizzare l’arredamento su misura in legno massello certificato PEFC trattato al naturale, solo con olii e cere, in essenze diverse per ogni ambiente della casa. La cucina è in abete, il bagno in castagno e la camera da letto in cirmolo, materiale riconosciuto per le sue proprietà rilassanti e il piacevole aroma, che rende l’ambiente davvero confortevole e molto apprezzato dagli ospiti. Riteniamo che questa sia un’opportunità in più per i nostri ospiti, che possono così unire il piacere del contatto con la natura esterna ai benefici di un arredamento bio-compatibile all’interno”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende