Home » Aziende »Pratiche » Certificare la sostenibilità d’impresa. Le nuove sfide di DNV-GL sotto la guida da Remi Eriksen:

Certificare la sostenibilità d’impresa. Le nuove sfide di DNV-GL sotto la guida da Remi Eriksen

giugno 19, 2015 Aziende, Pratiche

La fiducia è alla base della sostenibilità, è il collante che lega aziende, enti certificatori e consumatori. E’ questo il messaggio di Remi Eriksen, il nuovo CEO della DNV-GL (gruppo nato dalla fusione di DNV Group con Germanischer Lloyd), che racconta a Greenews.info le sfide e  i nuovi obiettivi alla guida della compagnia, uno dei colossi internazionali della certificazione e della consulenza. Eriksen, che vanta una lunga esperienza nel settore oil&gas ed energia rinnovabile, subentrerà ufficialmente a Henrik O. Madsen il 1 Agosto 2015. DNV-GL è tra le massime protagoniste mondiali in ambito di certificazione d’impresa, con più di 70.000 certificati emessi in 187 paesi, con lo scopo di garantire la sicurezza, la qualità e la sostenibilità ambientale. Questi “professionisti della sostenibilità”, si fanno garanti, in sostanza, delle buone pratiche delle imprese, lavorando con aziende di qualsiasi settore e guidandole in un percorso di efficienza e sostenibilità in cui la salvaguardia dell’ambiente non è in contrapposizione al fare business ma ne è parte integrante.

D) Eriksen, l’area delle certificazioni dei sistemi aziendali, Business Assurance, ha sede proprio in Italia, a Milano, come mai questa scelta?

R) La DNV-GL ha una lunga tradizione di certificazioni in Italia, che è stata una dei nostri primi partners, la prima a sposare la nostra mission e ad accogliere i nostri standard di sostenibilità, con numerosissime aziende piccole e medie desiderose di testimoniare le loro pratiche sostenibili. DNV-GL ha certificato oltre 80.000 aziende, di cui il 20% in Italia. Quando l’azienda si è espansa al mercato delle certificazioni internazionali, la scelta di basare i nostri uffici in Italia è stata naturale.

D) Come si possono certificare aziende di diversa natura e dimensione, operanti in paesi con proprie leggi e standard?

R) La DNV-GL opera in più di 100 paesi al mondo fornendo servizi ad aziende multinazionali e regionali. Le azioni svolte a livello locale sono inserite in un più ampio contesto di network globale. È una situazione molto favorevole per entrambe le realtà.

D) Ha menzionato l’internazionalità del progetto, come cambia la certificazione di sostenibilità tra paesi sviluppati e in via di sviluppo?

R) La volontà di fare business in modo sostenibile è uguale ovunque lavoriamo, soprattutto nell’industria agroalimentare e navale. Per quanto riguarda i paesi in via di sviluppo, le condizioni di partenza sono diverse ma condividiamo con loro quel che abbiamo imparato dal percorso dei paesi più sviluppati e le certificazioni di green business aprono la porta dei mercati internazionali, supportando le economie dei paesi più poveri nel breve e lungo periodo. È come crescere i figli, alcuni errori devono commetterli in prima persona per imparare ma sono anche desiderosi di conoscere e la DNV-GL ha una lunga storia di pratiche sostenibili che può offrire, ma non impone.

D) Oltre alla volontà di cambiare e di agire in modo più sostenibile, è importante che le aziende siano supportate dalla giusta struttura legislativa, come affrontate la mancanza di legge appropriate?

R) La DNV-GL non è un organo politico, i risultati scientifici sono le fondamenta del nostro agire su cui sviluppiamo i nostri criteri di valutazione e suggeriamo le azioni necessarie alle aziende per diventare più sostenibili. Per quanto possibile cerchiamo di influenzare i criteri di sostenibilità internazionali così che il campo di gioco sia equo per tutti. Se invece la struttura legislativa non è adeguata, cerchiamo di facilitarne la creazione, utilizziamo le leggi internazionali come base e proponiamo adattamenti locali, ma soprattutto cerchiamo di semplificare e standardizzare i processi dei settori industriali così da renderli replicabili in ogni azienda.

D) La sostenibilità è un concetto composito, qual è la vostra definizione?

R) La sostenibilità non si può definire in un unico modo, ma se le decisioni prese dalle aziende di qualunque paese hanno alla base la volontà di essere valide e vantaggiose anche tra 50 anni, questo caratterizza un business “sostenibile”.

D) E’questo che DNV-GL definisce il Tomorrow’s Value Rating?

R) Esatto, e in Italia ci sono aziende leader in questo settore come Illy, la prima azienda a ricevere nel 2011 la certificazione di sostenibilità di filiera “Green Coffee Responsible Supply Chain”.

D) Come risponde all’affermazione che solo le piccole produzioni artigianali possano essere sostenibili, soprattutto per quanto riguarda l’industria agroalimentare?

R) Nel futuro vedremo un maggiore consumo di prodotti locali, alimentari e non, per evitare l’inquinamento e la DNV-GL tiene in alta considerazione la filiera, che rappresenta uno dei campi analizzati durante la valutazione di impatto ambientale. Nell’industria agroalimentare valorizziamo la filiera breve in quanto più sostenibile e utilizziamo standard internazionali e locali. Basandoci sulle verità scientifiche e sulla nostra lunga tradizione ed esperienza come punto di partenza, sviluppiamo standard adatti alle condizioni locali nel rispetto delle leggi internazionali.

D) Ma quanto costa in termini economici e d’impegno, rendere un’azienda più sostenibile? Il consumatore finale è pronto a dare un valore anche monetario a questo sforzo?

R) Certificare e promuovere la sostenibilità può essere costoso, con cifre diverse a seconda delle dimensioni e caratteristiche delle aziende ma l’83% delle piccole aziende considera la sostenibilità un elemento fondamentale del loro successo e della qualità del loro prodotto (secondo il Global Corporate Sustainability Report 2013 delle Nazioni Unite). Per quanto riguarda il valore che diamo all’ambiente, a me piace molto il concetto di “amministrazione consapevole”: agire per lasciare qualcosa di più e di meglio di quel che si è trovato vuol dire portare avanti un business di successo e sostenibile. Prendersi cura dell’ambiente mentre si fanno soldi e divertirsi nel farlo è possibile.

D) Ci sono moltissime certificazioni di sostenibilità che riguardano diversi aspetti di una realtà poliedrica, non si rischia di esagerare? Questo mare di certificazioni non finisce per confondere il consumatore invece che aiutarlo a fare una scelta consapevole?

R) Al contrario, i consumatori sono sempre più attenti e domandano prodotti più etici, la spinta alla sostenibilità viene oggi più dai consumatori che non dai governi. I cambiamenti sono e devono essere promossi da iniziative locali che contribuiscono alla sostenibilità globale. Ciò nonostante c’è la necessità di una parte terza degna di fiducia e in grado di trovare il giusto equilibrio tra business ed etica sociale e in questo la nostra azienda risplende e il pubblico si fida delle nostre valutazioni.

D) A cosa si deve questa fiducia? Cosa fate per mantenerla?

R) Il nostro punto di forza sono le persone, come le scegliamo e come le formiamo, la nostra politica quotidiana e come collaboriamo tra di noi e con i nostri partners e clienti esterni, la qualità del nostro lavoro è la cosa più rilevante e quella che infonde fiducia. L’immagine più importante della nostra compagnia sono gli individui e le relazioni.

D) Cosa cambierà alla DNG-GL sotto la sua guida e cosa invece è colonna portante della compagnia e rimarrà inalterato?

R) Il nostro scopo, la nostra visione e i nostri valori rimarranno, hanno caratterizzato la compagnia per più di 150 anni e continueranno a farlo. La nostra mission è la salvaguardia della vita, della proprietà e dell’ambiente  per un futuro sostenibile. Gli investimenti in ricerca e sviluppo di nuove tecnologie ammonteranno al 5% del fatturato a beneficio interno ed esterno alla compagnia. Crediamo fortemente nel coinvolgere i nostri clienti, renderli partecipi delle ricerche e condividere con loro i risultati così che questo 5% diventi in realtà molto di più grazie a un effetto a cascata.

D) In qualità di nuovo CEO della DNV-GL, quali obiettivi si è prefissato di raggiungere?

R) Il mio incarico come CEO inizierà ufficialmente il primo di agosto, data in cui sarà presentato il nuovo piano strategico ma in sostanza vogliamo diventare una “data smart company” incrementando la digitalizzazione per rendere i dati e risultati ottenuti fruibili in modo veloce ed efficace. Fare sistema e rete attraverso la connettività sarà un altro punto molto importante per migliorare e crescere come compagnia, questo permetterà di rendere partecipativa la nostra politica e di individuare i nuovi servizi che potremmo offrire. Abbiamo moltissimi clienti i quali utilizzano e forniscono una gran quantità di dati in forme diverse; rappresentano un mare di opportunità e noi vogliamo sfruttarli al meglio.

D) In conclusione, cosa consiglierebbe a un’azienda che voglia seguire un percorso di sostenibilità?

R) Le aziende di maggior successo sono quelle che incorporano la sostenibilità all’interno del piano gestionale e in cui questa diventa criterio fondamentale nella scelta degli investimenti andando oltre le parole e agendo in modo molto concreto. Anche la tecnologia ha un ruolo cruciale e bisogna essere pionieri nel suo utilizzo e sviluppo, una regola generale dice che raddoppiando le tecnologie usate per la produzione di bene, i costi diminuiscono del 10-14%. Al potenziale CEO di un’azienda consiglierei di essere coraggioso e di condurre invece di aspettare e seguire!

Valeria Senigaglia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende