Home » Aziende »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Cheese 2009 fa scuola:

Cheese 2009 fa scuola

Cheese 2009, Courtesy of Europe Euphoria.comAll’interno della Settimana Europea per la Riduzione di Rifiuti si è svolto, giovedì 26 novembre, presso il Teatro Politeama “Boglione” di Bra, il convegno dal titolo “Cheese 2009: le forme del latte”, incentrato sull’analisi dell’evento internazionale dedicato al formaggio organizzato, con cadenza biennale, da Slow food.

Se la città di Bra ha da pochi giorni guadagnato il riconoscimento nazionale di Comune a 5 Stelle grazie alle politiche di sensibilizzazione e di sostegno alle “buone pratiche locali” (realizzate attraverso un articolato progetto che investe la gestione del territorio, l’impronta ecologica della macchina comunale, i rifiuti, la mobilità sostenibile e i nuovi stili di vita), Cheese si inserisce perfettamente in questo filone, con una manifestazione che ha saputo promuovere un più corretto e consapevole comportamento verso l’ambiente sia da parte degli espositori che dei consumatori.

Dal convegno – a cui hanno preso parte, di fronte a un numeroso pubblico di cittadini e scuole superiori, il sindaco, Bruna Sibille, l’ assessore all’ambiente della provincia di Cuneo, Luca Colombatto, il Segretario nazionale di Slow Food, Silvio Barbero, il responsabile di area Novamont, Albero Castellanza, e il presidente del Consorzio albese-braidese servizio rifiuti (Coabster), Anna Bechis – è emerso che grazie al lavoro coordinato dell’amministrazione comunale, delle aziende produttrici di bioplastiche, delle imprese di raccolta e smaltimento dei rifiuti e, soprattutto, dei volontari che hanno presidiato le 39 postazioni di raccolta differenziata è stato possibile riutilizzare ben il 51% dei rifiuti prodotti.

Ciò significa che su 100 kg di rifiuti raccolti, più della metà hanno trovato un nuovo impiego con un risparmio, in termini di emissioni di CO2, pari a quello che avrebbero prodotto 350 automobili percorrendo la distanza di 100 km.

“La realizzazione di un evento a impatto zero non è semplice”, spiega Maria Luisa Cappellino di Slow Food, “ma è una questione di coerenza. La nostra associazione promuove il cibo buono, sano e pulito, il che significa che oltre alla garanzia del gusto dobbiamo fornire anche quella del rispetto dell’ambiente in cui il cibo è stato prodotto e consumato. Nell’organizzare una fiera di queste dimensioni [l’ultima edizione di Cheese ha registrato oltre 160.000 presenze, n.d.R.] occorre considerare le conseguenze della manifestazione, ciò che resta alla fine dell’evento e dunque occorre attuare tutte le misure necessarie affinchè ciò che resta possa essere recuperato e riutilizzato”.

Occorre cioè trovare un metodo. “La principale linea guida”, spiega Cappellino, ”è stata il buon senso. Abbiamo cominciato a pensare che gli scarti possono essere una risorsa, invece che un problema. Che avremmo dovuto promuovere relazioni e cercare la cooperazione di altri enti (pubblici e non) che si occupano concretamente dello smaltimento dei rifiuti. Che il materiale utilizzato per l’evento doveva essere biodegradabile al 100% e dunque, una volta ridotto a rifiuto, invece di inquinare sarebbe dovuto servire come nutrimento per la Terra. Tutte queste considerazioni ci hanno portato a contattare l’amministrazione del Comune di Bra, l’azienda leader nella produzione di mater-bi, Novamont, il Coabster, l’impianto di compostaggio ubicato presso Acea Pinerolese Industriale – realtà con e grazie alle quali Cheese 2009 è stato possibile”.

I risultati sono stati notevoli. Ma come ci ricorda Roberto Cavallo, membro del consiglio direttivo dell’ACRR (Associazione Comuni e Regioni per il Recupero e la Gestione Sostenibile delle Risorse) e moderatore del convegno, migliorabili. “Affinché le nostre città smettano di assomigliare a tante Leonia” ammonisce citando Calvino “è necessario uno sforzo da parte di tutti, ogni giorno. E’ necessario un cambiamento radicale di mentalità supportato dalle best practices dei comuni in cui viviamo, in modo da poter raggiungere in un futuro non troppo lontano quel 65% di recupero dei rifiuti che la nostra legge prevede già oggi”.

Elena Marcon

calvino-01

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende