Home » Aziende »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Cheese 2009 fa scuola:

Cheese 2009 fa scuola

Cheese 2009, Courtesy of Europe Euphoria.comAll’interno della Settimana Europea per la Riduzione di Rifiuti si è svolto, giovedì 26 novembre, presso il Teatro Politeama “Boglione” di Bra, il convegno dal titolo “Cheese 2009: le forme del latte”, incentrato sull’analisi dell’evento internazionale dedicato al formaggio organizzato, con cadenza biennale, da Slow food.

Se la città di Bra ha da pochi giorni guadagnato il riconoscimento nazionale di Comune a 5 Stelle grazie alle politiche di sensibilizzazione e di sostegno alle “buone pratiche locali” (realizzate attraverso un articolato progetto che investe la gestione del territorio, l’impronta ecologica della macchina comunale, i rifiuti, la mobilità sostenibile e i nuovi stili di vita), Cheese si inserisce perfettamente in questo filone, con una manifestazione che ha saputo promuovere un più corretto e consapevole comportamento verso l’ambiente sia da parte degli espositori che dei consumatori.

Dal convegno – a cui hanno preso parte, di fronte a un numeroso pubblico di cittadini e scuole superiori, il sindaco, Bruna Sibille, l’ assessore all’ambiente della provincia di Cuneo, Luca Colombatto, il Segretario nazionale di Slow Food, Silvio Barbero, il responsabile di area Novamont, Albero Castellanza, e il presidente del Consorzio albese-braidese servizio rifiuti (Coabster), Anna Bechis – è emerso che grazie al lavoro coordinato dell’amministrazione comunale, delle aziende produttrici di bioplastiche, delle imprese di raccolta e smaltimento dei rifiuti e, soprattutto, dei volontari che hanno presidiato le 39 postazioni di raccolta differenziata è stato possibile riutilizzare ben il 51% dei rifiuti prodotti.

Ciò significa che su 100 kg di rifiuti raccolti, più della metà hanno trovato un nuovo impiego con un risparmio, in termini di emissioni di CO2, pari a quello che avrebbero prodotto 350 automobili percorrendo la distanza di 100 km.

“La realizzazione di un evento a impatto zero non è semplice”, spiega Maria Luisa Cappellino di Slow Food, “ma è una questione di coerenza. La nostra associazione promuove il cibo buono, sano e pulito, il che significa che oltre alla garanzia del gusto dobbiamo fornire anche quella del rispetto dell’ambiente in cui il cibo è stato prodotto e consumato. Nell’organizzare una fiera di queste dimensioni [l’ultima edizione di Cheese ha registrato oltre 160.000 presenze, n.d.R.] occorre considerare le conseguenze della manifestazione, ciò che resta alla fine dell’evento e dunque occorre attuare tutte le misure necessarie affinchè ciò che resta possa essere recuperato e riutilizzato”.

Occorre cioè trovare un metodo. “La principale linea guida”, spiega Cappellino, ”è stata il buon senso. Abbiamo cominciato a pensare che gli scarti possono essere una risorsa, invece che un problema. Che avremmo dovuto promuovere relazioni e cercare la cooperazione di altri enti (pubblici e non) che si occupano concretamente dello smaltimento dei rifiuti. Che il materiale utilizzato per l’evento doveva essere biodegradabile al 100% e dunque, una volta ridotto a rifiuto, invece di inquinare sarebbe dovuto servire come nutrimento per la Terra. Tutte queste considerazioni ci hanno portato a contattare l’amministrazione del Comune di Bra, l’azienda leader nella produzione di mater-bi, Novamont, il Coabster, l’impianto di compostaggio ubicato presso Acea Pinerolese Industriale – realtà con e grazie alle quali Cheese 2009 è stato possibile”.

I risultati sono stati notevoli. Ma come ci ricorda Roberto Cavallo, membro del consiglio direttivo dell’ACRR (Associazione Comuni e Regioni per il Recupero e la Gestione Sostenibile delle Risorse) e moderatore del convegno, migliorabili. “Affinché le nostre città smettano di assomigliare a tante Leonia” ammonisce citando Calvino “è necessario uno sforzo da parte di tutti, ogni giorno. E’ necessario un cambiamento radicale di mentalità supportato dalle best practices dei comuni in cui viviamo, in modo da poter raggiungere in un futuro non troppo lontano quel 65% di recupero dei rifiuti che la nostra legge prevede già oggi”.

Elena Marcon

calvino-01

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende