Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione »Smart City » Comuni ricicloni 2012: la buona pratica che combatte la crisi:

Comuni ricicloni 2012: la buona pratica che combatte la crisi

Siamo oltre la sperimentazione. Ma ancora a qualche passo dall’obiettivo pieno. La mappa dei Comuni Ricicloni 2012, presentata a Roma da Legambiente, con la premiazione delle amministrazioni virtuose, ci consegna uno scenario di enti pubblici decisamente “avanti”, un gruppo intermedio orientato verso l’efficienza e un migliaio fermi all’anno zero.

In tutto, i Comuni “ricicloni” sono 1.123, circa uno su sette: 998 al Nord, 59 al Centro, 66 al Sud. Si tratta di quelli che hanno superato la soglia del 65% di raccolta differenziata, richiesta per legge, a partire da quest’anno (nel 2011 era pari al 60%). Ma se alla squadra di Comuni virtuosi, fa notare il vicedirettore di Legambiente, Andrea Poggio, “aggiungessimo i 365 che sono in regola con il tetto del 60% in vigore lo scorso anno, arriveremmo a quota 1.488”: un’amministrazione su cinque, pari al 18 per cento dei Comuni italiani, è dunque “in regola con la legge dello Stato”. Un risultato non eclatante, ma promettente. Da una parte c’è la crisi economica che ha determinato una diminuzione nella produzione dei rifiuti pari a circa il 4,4%, dall’altra, un processo virtuoso volto al contenimento dei rifiuti alla fonte. Che, gradualmente, si sta diffondendo in tutto lo Stivale.

La classifica stilata dall’associazione ambientalista tiene conto, oltre alla soglia minima di raccolta differenziata finalizzata al recupero – condizione per essere considerato “riciclone” – dell’Indice di Buona Gestione, che rappresenta l’insieme di azioni intraprese da una amministrazione per governare i rifiuti prodotti dai cittadini: viene così considerata la produzione totale di rifiuti pro capite, la separazione di rifiuti pericolosi, i metodi di raccolta e l’efficienza del sistema. In poche parole, si legge sul dossier, la sostenibilità ambientale, sociale ed economica del servizio.

E l’edizione 2012 dell’indagine di Legambiente sulla raccolta differenziata, la diciannovesima, stabilisce che i migliori sistemi di raccolta dei rifiuti urbani comunali sono nel Nord-Est del Paese: nelle prime 50 posizioni, 46 sono i comuni che appartengono a quest’area geografica: 33 in Veneto, 11 in Trentino Alto Adige, 2 in Friuli Venezia Giulia. A questi si aggiungono due comuni piemontesi, uno marchigiano e uno laziale. Gli unici capoluoghi di provincia a essere virtuosi per la gestione dei rifiuti urbani, sono Pordenone, Novara, Verbania, Belluno e Salerno, unico capoluogo del Sud a spiccare, con il 68% di differenziata. Quanto alle grandi città, Milano è stabile attorno al 34%, mentre Torino – pur non rientrando nella graduatoria di comuni ricicloni – supera il 40%, grazie alla raccolta porta a porta in alcuni quartieri (nel resto della città la percentuale è invece ferma sotto il 30%).

Dato interessante, quest’ultimo, fanno notare da Legambiente, perché sottolinea l’efficacia del servizio anche nei grossi centri urbani, e contribuisce a combattere il luogo comune secondo cui i costi della raccolta a domicilio siano troppo elevati nelle città grandi. Roma si conferma al palo, portando a smaltimento la stragrande maggioranza di rifiuti, ed è a rischio crisi a causa dell’esaurimento della discarica di Malagrotta.

I dati raccolti indicano alcune tendenze: non esiste più una sostanziale differenza tra città grandi e città piccole, oppure tra Nord e Sud. Centrale è, piuttosto, la volontà politica di far partire il servizio di raccolta differenziata, indicatore – spiega Ermete Realacci, deputato Pd e presidente onorario di Legambiente – di “un buon rapporto tra cittadini e amministratori, allo stesso modo in cui i commissariamenti rappresentano il frutto peggiore della cattiva politica”.

Per il terzo anno consecutivo, al primo posto della classifica c’è Ponte nelle Alpi, comune di 8.500 abitanti, circondato dalle Dolomiti bellunesi. Con la raccolta porta a porta, dal 2003 ad oggi, la percentuale di differenziata si è impennata dal 22,4% all’87,7%, di cui solo il 2,5% non è riciclato. In tre anni, i costi sono diminuiti del 14%. La nuova sfida lanciata dal comune è ora il riciclo dei pannoloni per anziani e dei pannolini per bambini: è già attivo il servizio gratuito di ritiro in contenitori dedicati, a prova di odori, ed è stato siglato un accordo con l’azienda che produce per il marchio Pampers, la Fater, che coinvolge i consorzi dei comuni trevisani e il Centro Riciclo Vedelago.

La green economy parte anche da qui: stando al rapporto Riciclo ecoefficiente 2012 presentato pochi mesi fa e realizzato dai consorzi di riciclaggio, il nostro settore industriale del recupero rifiuti è secondo in Europa, solo dopo quello tedesco, che cresce nonostante la crisi, con 5.000 imprese e 150.000 occupati.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende