Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione »Smart City » Comuni ricicloni 2012: la buona pratica che combatte la crisi:

Comuni ricicloni 2012: la buona pratica che combatte la crisi

Siamo oltre la sperimentazione. Ma ancora a qualche passo dall’obiettivo pieno. La mappa dei Comuni Ricicloni 2012, presentata a Roma da Legambiente, con la premiazione delle amministrazioni virtuose, ci consegna uno scenario di enti pubblici decisamente “avanti”, un gruppo intermedio orientato verso l’efficienza e un migliaio fermi all’anno zero.

In tutto, i Comuni “ricicloni” sono 1.123, circa uno su sette: 998 al Nord, 59 al Centro, 66 al Sud. Si tratta di quelli che hanno superato la soglia del 65% di raccolta differenziata, richiesta per legge, a partire da quest’anno (nel 2011 era pari al 60%). Ma se alla squadra di Comuni virtuosi, fa notare il vicedirettore di Legambiente, Andrea Poggio, “aggiungessimo i 365 che sono in regola con il tetto del 60% in vigore lo scorso anno, arriveremmo a quota 1.488”: un’amministrazione su cinque, pari al 18 per cento dei Comuni italiani, è dunque “in regola con la legge dello Stato”. Un risultato non eclatante, ma promettente. Da una parte c’è la crisi economica che ha determinato una diminuzione nella produzione dei rifiuti pari a circa il 4,4%, dall’altra, un processo virtuoso volto al contenimento dei rifiuti alla fonte. Che, gradualmente, si sta diffondendo in tutto lo Stivale.

La classifica stilata dall’associazione ambientalista tiene conto, oltre alla soglia minima di raccolta differenziata finalizzata al recupero – condizione per essere considerato “riciclone” – dell’Indice di Buona Gestione, che rappresenta l’insieme di azioni intraprese da una amministrazione per governare i rifiuti prodotti dai cittadini: viene così considerata la produzione totale di rifiuti pro capite, la separazione di rifiuti pericolosi, i metodi di raccolta e l’efficienza del sistema. In poche parole, si legge sul dossier, la sostenibilità ambientale, sociale ed economica del servizio.

E l’edizione 2012 dell’indagine di Legambiente sulla raccolta differenziata, la diciannovesima, stabilisce che i migliori sistemi di raccolta dei rifiuti urbani comunali sono nel Nord-Est del Paese: nelle prime 50 posizioni, 46 sono i comuni che appartengono a quest’area geografica: 33 in Veneto, 11 in Trentino Alto Adige, 2 in Friuli Venezia Giulia. A questi si aggiungono due comuni piemontesi, uno marchigiano e uno laziale. Gli unici capoluoghi di provincia a essere virtuosi per la gestione dei rifiuti urbani, sono Pordenone, Novara, Verbania, Belluno e Salerno, unico capoluogo del Sud a spiccare, con il 68% di differenziata. Quanto alle grandi città, Milano è stabile attorno al 34%, mentre Torino – pur non rientrando nella graduatoria di comuni ricicloni – supera il 40%, grazie alla raccolta porta a porta in alcuni quartieri (nel resto della città la percentuale è invece ferma sotto il 30%).

Dato interessante, quest’ultimo, fanno notare da Legambiente, perché sottolinea l’efficacia del servizio anche nei grossi centri urbani, e contribuisce a combattere il luogo comune secondo cui i costi della raccolta a domicilio siano troppo elevati nelle città grandi. Roma si conferma al palo, portando a smaltimento la stragrande maggioranza di rifiuti, ed è a rischio crisi a causa dell’esaurimento della discarica di Malagrotta.

I dati raccolti indicano alcune tendenze: non esiste più una sostanziale differenza tra città grandi e città piccole, oppure tra Nord e Sud. Centrale è, piuttosto, la volontà politica di far partire il servizio di raccolta differenziata, indicatore – spiega Ermete Realacci, deputato Pd e presidente onorario di Legambiente – di “un buon rapporto tra cittadini e amministratori, allo stesso modo in cui i commissariamenti rappresentano il frutto peggiore della cattiva politica”.

Per il terzo anno consecutivo, al primo posto della classifica c’è Ponte nelle Alpi, comune di 8.500 abitanti, circondato dalle Dolomiti bellunesi. Con la raccolta porta a porta, dal 2003 ad oggi, la percentuale di differenziata si è impennata dal 22,4% all’87,7%, di cui solo il 2,5% non è riciclato. In tre anni, i costi sono diminuiti del 14%. La nuova sfida lanciata dal comune è ora il riciclo dei pannoloni per anziani e dei pannolini per bambini: è già attivo il servizio gratuito di ritiro in contenitori dedicati, a prova di odori, ed è stato siglato un accordo con l’azienda che produce per il marchio Pampers, la Fater, che coinvolge i consorzi dei comuni trevisani e il Centro Riciclo Vedelago.

La green economy parte anche da qui: stando al rapporto Riciclo ecoefficiente 2012 presentato pochi mesi fa e realizzato dai consorzi di riciclaggio, il nostro settore industriale del recupero rifiuti è secondo in Europa, solo dopo quello tedesco, che cresce nonostante la crisi, con 5.000 imprese e 150.000 occupati.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende