Home » Aziende »Eventi »Non-Profit »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Comunicare bene per ridurre i rifiuti:

Comunicare bene per ridurre i rifiuti

Cestino, Courtesy of nomadesign.comLa divisione classica Nord-Sud non c’entra niente. Se la comunicazione ambientale è efficace, il cittadino risponde. Spreca meno acqua, fa il compostaggio e la raccolta differenziata porta a porta. Su questo, i diversi studiosi e comunicatori che hanno partecipato al convegno Cestinare il cestino, questa mattina all’Università La Sapienza di Roma, in occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, sono tutti d’accordo.

E, altra bella notizia, quando le amministrazioni investono in campagne di comunicazione efficaci e ben organizzate, ottengono alte percentuali di raccolta differenziata e una significativa riduzione dei rifiuti. Ci sono già le storie di città virtuose in cui è partita da alcuni anni la raccolta porta a porta: i cassonetti sono spariti, a favore di una maggiore pulizia urbana e di una più diffusa sensibilità ambientale.

«Iniziare a fare la raccolta differenziata porta a porta per un cittadino è faticoso. Implica un forte cambiamento del suo stile di vita», sottolinea Alessandro Caramis, dell’Osservatorio “Cambio” sulla Comunicazione Ambientale della Sapienza. Per questo è importante che il messaggio sia efficace, riesca a convincere le persone a modificare le proprie abitudini, a tenersi il sacchetto dei rifiuti in casa fino a che non passa l’operatore ecologico.

Ma che caratteristiche deve avere un messaggio per colpire il cittadino e convincerlo a separare i rifiuti? «Innanzi tutto deve essere veicolato nei tempi giusti, prima che inizi il servizio di raccolta porta a porta e deve essere differenziato in base ai vari target. La comunicazione deve essere chiara, utile, trasparente, completa, accurata, credibile. Deve puntare sull’interattività e coinvolgere anche le associazioni presenti sul territorio, che possono fare opera di sensibilizzazione e informazione. Deve prevedere il feedback dei cittadini, per capire se sono soddisfatti o meno del servizio. E deve continuare nel tempo», racconta Raffaele Filieri di Cambio. Investire in comunicazione, continua lo studioso, conviene alle amministrazioni, sia dal punto di vista economico (diminuiscono i rifiuti), sia sa quello sociale (aumentano i posti di lavoro) e del consenso (le persone sono più soddisfatte).

Certo, all’inizio per le persone si tratta di una vera rivoluzione. Cambiare è faticoso, ma può valerne la pena. E le storie di comunità virtuose, di città che hanno adottato il nuovo sistema e si sono riscoperte più pulite e più sensibili all’ambiente, sono tante. Caramis e Filieri raccontano la loro ricerca su quattro casi di studio: Salerno, Capannori (Lucca), Pabillonis (Medio Campidano) e il I Municipio di Roma. Le prime due città sono risultate particolarmente virtuose: la comunicazione ha funzionato bene, i livelli di raccolta differenziata superano il 70% e la quasi totalità dei cittadini (circa il 90%) è soddisfatta del servizio. Due esempi di città virtuose vengono dal Sud: Ragusa e, a sorpresa, Napoli. La città siciliana, racconta Barbara Sarnari di Svi.med (Centro euro mediterraneo per lo sviluppo sostenibile), ha aderito dal 2009 al progetto europeo Zero waste, che punta alla riduzione dei rifiuti. Raphael Rossi di Esper (Ente di studio per la pianificazione ecosostenibile dei rifiuti) ha parlato dell’esperienza di Napoli, dove dal 2008 il Comune ha deciso di scommettere sulla raccolta porta a porta in alcune zone della città, con una buona riuscita del servizio. «E’ il segno che sia al Nord sia al Sud, se si comunica bene i cittadini rispondono».

E si sta diffondendo anche l’impegno dei Comuni per la riduzione dei rifiuti, che può essere realizzata in mille modi: «Compostaggio, bere l’acqua del rubinetto, mercatini del riuso, risparmio della carta in ufficio, cucinare con gli avanzi, acquisto di detersivi, latte, legumi alla spina. Sono solo alcuni aspetti che può toccare una campagna per la riduzione dei rifiuti», spiega Emanuela Rosio della Cooperativa Erica, impegnata in educazione, ricerca, informazione e comunicazione ambientale. Per ridurre il peso dei rifiuti bisogna insomma cercare di cambiare il modo in cui viviamo, considerando i benefici che ne derivano per il pianeta. «Ormai tutti pensano all’ambiente. Basti pensare che nel 2009, secondo l’Eurisko, è stata la terza preoccupazione degli italiani, dopo la disoccupazione e la crisi economica», sottolinea Laura Brambilla, responsabile dell’Ecosportello Legambiente.

Sarà per questo che l’Italia ha risposto con entusiasmo alla seconda edizione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti: «Con 585 iniziative organizzate – racconta Roberto Cavallo, presidente di Aica (Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale) – siamo al secondo posto in Europa, con una forte crescita di eventi proprio al Sud».

Veronica Uliveri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende