Home » Eventi »Pratiche » Contadini per passione. Il boom degli “hobby farmer” in fiera a Montichiari:

Contadini per passione. Il boom degli “hobby farmer” in fiera a Montichiari

marzo 21, 2014 Eventi, Pratiche

Presidi ambientali e di biodiversità, custodi del paesaggio agrario, veicoli di una nuova rete sociale che ruota intorno alla passione dell’orto familiare. Sono questi gli aspetti che caratterizzano l’hobby farmer, il contadino hobbista, un universo che va dal proprietario di un piccolo appezzamento lavorato nel tempo libero allo sperimentatore dell’orto in terrazzo. Perché, quel conta, che siano piante aromatiche sul balcone o piccoli frutteti nel brolo della casa di campagna, coltivare sta appassionando milioni di italiani.

A loro è dedicata la “Fiera di vita in campagna”, collegata all’omonima rivista, che fino a domenica 23 marzo anima, nella sua quarta edizione, i padiglioni della Fiera di Montichiari (Brescia). Nella passata edizione i visitatori sono stati 34.000, oggi si è registrato un incremento del 50% delle presenze rispetto alla giornata inaugurale dello scorso anno.

La nuova edizione, ampliata nelle dimensioni per un totale di 24mila metri quadri espositivi, offre oltre cento corsi pratici gratuiti in una fattoria costruita dal vivo, mostra mercato per hobbisti dell’agricoltura e un intero padiglione dei quattro, l’ottavo, destinato al “Salone di origine – Prodotti tipici & territorio”. «La fiera è nata nel 2011 per andare incontro ai nostri 83mila lettori che ci chiedevano di trasportare dalla carta a un luogo fisico ciò di cui si scriveva nel giornale per incontrarsi. Dietro a loro esiste però un mondo articolato», racconta Giorgio Vincenzi, direttore del mensile Vita in campagna.

E Nomisma insieme a Vita in campagna ha provato a quantificarlo questo mondo, con dati e tendenze (indagine del 2012, unica al momento disponibile sul fenomeno). Un milione e 200mila (il 2,4% della popolazione con più di 18 anni) sono infatti in Italia gli agricoltori hobbisti, ovvero coloro che coltivano almeno un ettaro di terreno a uso familiare o per avere un piccolo reddito integrativo. Molti di più gli amanti del verde che non rientrano in questa categoria: 2,7 milioni (5,3% della popolazione over 18) i fautori di orti domestici  e 3,5 milioni gli entusiasti di giardinaggio (6,9% della popolazione).

Un movimento ampio e diffuso in tutto il Bel Paese. La prima regione per numero di hobby farmers è l’Umbria (4,4% sul totale della popolazione regionale) seguita da Basilicata (4,2%), Sicilia (4%), Lazio (3,7%). Se il Centro-sud è primo nella classifica, al Nord in testa c’è l’Emilia Romagna (2,2%), seguita da Liguria (2,1%), Friuli Venezia Giulia (1,9%), Veneto (1,7%), Trentino Alto Adige (1,6%), Lombardia e Valle d’Aosta (entrambi 1,4%). I coltivatori di orto vedono invece in testa la Valle d’Aosta (12,1% sul totale della popolazione regionale), seguita da Friuli Venezia Giulia e Umbria (9,6%), Trentino Alto Adige (8,2%), Toscana (7,7%), Veneto (7,4%) e Lombardia (7,3%).

Interessanti le motivazioni che portano gli italiani a coltivare in modo amatoriale. Il 60,2% degli orticoltori lo fa per mangiare prodotti genuini, il 54,9% per rilassarsi e stare all’aria aperta e un 20% per risparmiare sulla spesa. La destinazione della produzione è quasi interamente destinata alla famiglia (96,7%) o regalata a parenti e amici. Anche nel caso degli hobby farmers la spinta a coltivare viene da un’esigenza di rilassarsi e recuperare tradizione familiari perdutesi nel tempo (29,6%) ma soprattutto per assicurarsi alimenti sani  (44%). Infatti il 70% degli agricoltori per passione è impegnato in attività di piccola trasformazione come olio, conserve, vino consumati per la quasi totalità in famiglia. Oltre alla produzione di frutta e ortaggi, il 26% alleva anche animali di bassa corte, in particolare galline, oche e anatre.

«Il dato interessante è che questi agricoltori per hobby, concentrati per il 62% in aree collinari o montane, rappresentano un fondamentale presidio ambientale e sociale di zone a rischio spopolamento – commenta Vincenzi – Inoltre coltivano varietà e allevano razze di animali solitamente non commerciali, garantendo la biodiversità e la sopravvivenza di varietà antiche e di animali in pericolo di estinzione. Si aggiunga che sono tutori del paesaggio agrario in cui vivono e il loro modo di coltivare, senza la necessità di produrre in modo intensivo, non deturpa la natura».

I corsi pratici sono lo specchio di alcune necessità espresse dai visitatori che vengono da una tradizione agricola familiare ma hanno perduto le conoscenze dei nonni. Tra i più richiesti ad esempio i corsi di potatura e innesto delle piante, due delle tecniche agronomiche più difficili e importanti per la produttività del frutteto. Altri incontri sono focalizzati sulla difesa delle piante da frutto e dell’orto, sulla coltivazione del castagno e sulla produzione di vino, sull’allevamento di animali da cortile, sull’imparare a degustare olio d’oliva e miele. Altri ancora, di carattere seminariale, indagano invece alcuni fenomeni in aumento.

Sabato 22 marzo alle 11 (Centro Congressi, sala A) nel convegno “Gli orti comunali: un fenomeno sociale in continua espansione” saranno forniti numeri e testimonianze, attraverso il confronto con esperti a livello nazionale. Al di là di produrre ortaggi, gli orti urbani sono catalizzatori di socialità, «un elemento che nelle nostre comunità non è molto presente», come spiega Cristina Bertazzoni dell’Università di Brescia e consulente per Slow food. L’orto, comunale o scolastico o nel parco che sia, «è attivatore di processi, di relazioni e scambio di conoscenze ed esperienze  tra generazioni, etnie e professionalità diverse, aumentando il cosiddetto empowerment comunitario, primo passo per diventare cittadini proattivi nei confronti di vari aspetti che coinvolgono la città – commenta la docente – Un fenomeno, questo, che le amministrazioni comunali dovrebbero accompagnare a livello di team building, una sorta di start up dell’orto, per garantire la capacità di fare rete».

Sempre sabato, infine, si parlerà di fattorie sociali (Centro Congressi, Sala B, ore 15.30), piante aromatiche e alimenti nella dieta e nella cucina per la salute (Sala A, ore 14.30). Tutti i  giorni invece si potrà visitare il padiglione 5 che ospita idee per la casa in campagna, dal fai-da-te al riscaldamento domestico a basso impatto ambientale.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende