Home » Eventi »Pratiche » Contadini per passione. Il boom degli “hobby farmer” in fiera a Montichiari:

Contadini per passione. Il boom degli “hobby farmer” in fiera a Montichiari

marzo 21, 2014 Eventi, Pratiche

Presidi ambientali e di biodiversità, custodi del paesaggio agrario, veicoli di una nuova rete sociale che ruota intorno alla passione dell’orto familiare. Sono questi gli aspetti che caratterizzano l’hobby farmer, il contadino hobbista, un universo che va dal proprietario di un piccolo appezzamento lavorato nel tempo libero allo sperimentatore dell’orto in terrazzo. Perché, quel conta, che siano piante aromatiche sul balcone o piccoli frutteti nel brolo della casa di campagna, coltivare sta appassionando milioni di italiani.

A loro è dedicata la “Fiera di vita in campagna”, collegata all’omonima rivista, che fino a domenica 23 marzo anima, nella sua quarta edizione, i padiglioni della Fiera di Montichiari (Brescia). Nella passata edizione i visitatori sono stati 34.000, oggi si è registrato un incremento del 50% delle presenze rispetto alla giornata inaugurale dello scorso anno.

La nuova edizione, ampliata nelle dimensioni per un totale di 24mila metri quadri espositivi, offre oltre cento corsi pratici gratuiti in una fattoria costruita dal vivo, mostra mercato per hobbisti dell’agricoltura e un intero padiglione dei quattro, l’ottavo, destinato al “Salone di origine – Prodotti tipici & territorio”. «La fiera è nata nel 2011 per andare incontro ai nostri 83mila lettori che ci chiedevano di trasportare dalla carta a un luogo fisico ciò di cui si scriveva nel giornale per incontrarsi. Dietro a loro esiste però un mondo articolato», racconta Giorgio Vincenzi, direttore del mensile Vita in campagna.

E Nomisma insieme a Vita in campagna ha provato a quantificarlo questo mondo, con dati e tendenze (indagine del 2012, unica al momento disponibile sul fenomeno). Un milione e 200mila (il 2,4% della popolazione con più di 18 anni) sono infatti in Italia gli agricoltori hobbisti, ovvero coloro che coltivano almeno un ettaro di terreno a uso familiare o per avere un piccolo reddito integrativo. Molti di più gli amanti del verde che non rientrano in questa categoria: 2,7 milioni (5,3% della popolazione over 18) i fautori di orti domestici  e 3,5 milioni gli entusiasti di giardinaggio (6,9% della popolazione).

Un movimento ampio e diffuso in tutto il Bel Paese. La prima regione per numero di hobby farmers è l’Umbria (4,4% sul totale della popolazione regionale) seguita da Basilicata (4,2%), Sicilia (4%), Lazio (3,7%). Se il Centro-sud è primo nella classifica, al Nord in testa c’è l’Emilia Romagna (2,2%), seguita da Liguria (2,1%), Friuli Venezia Giulia (1,9%), Veneto (1,7%), Trentino Alto Adige (1,6%), Lombardia e Valle d’Aosta (entrambi 1,4%). I coltivatori di orto vedono invece in testa la Valle d’Aosta (12,1% sul totale della popolazione regionale), seguita da Friuli Venezia Giulia e Umbria (9,6%), Trentino Alto Adige (8,2%), Toscana (7,7%), Veneto (7,4%) e Lombardia (7,3%).

Interessanti le motivazioni che portano gli italiani a coltivare in modo amatoriale. Il 60,2% degli orticoltori lo fa per mangiare prodotti genuini, il 54,9% per rilassarsi e stare all’aria aperta e un 20% per risparmiare sulla spesa. La destinazione della produzione è quasi interamente destinata alla famiglia (96,7%) o regalata a parenti e amici. Anche nel caso degli hobby farmers la spinta a coltivare viene da un’esigenza di rilassarsi e recuperare tradizione familiari perdutesi nel tempo (29,6%) ma soprattutto per assicurarsi alimenti sani  (44%). Infatti il 70% degli agricoltori per passione è impegnato in attività di piccola trasformazione come olio, conserve, vino consumati per la quasi totalità in famiglia. Oltre alla produzione di frutta e ortaggi, il 26% alleva anche animali di bassa corte, in particolare galline, oche e anatre.

«Il dato interessante è che questi agricoltori per hobby, concentrati per il 62% in aree collinari o montane, rappresentano un fondamentale presidio ambientale e sociale di zone a rischio spopolamento – commenta Vincenzi – Inoltre coltivano varietà e allevano razze di animali solitamente non commerciali, garantendo la biodiversità e la sopravvivenza di varietà antiche e di animali in pericolo di estinzione. Si aggiunga che sono tutori del paesaggio agrario in cui vivono e il loro modo di coltivare, senza la necessità di produrre in modo intensivo, non deturpa la natura».

I corsi pratici sono lo specchio di alcune necessità espresse dai visitatori che vengono da una tradizione agricola familiare ma hanno perduto le conoscenze dei nonni. Tra i più richiesti ad esempio i corsi di potatura e innesto delle piante, due delle tecniche agronomiche più difficili e importanti per la produttività del frutteto. Altri incontri sono focalizzati sulla difesa delle piante da frutto e dell’orto, sulla coltivazione del castagno e sulla produzione di vino, sull’allevamento di animali da cortile, sull’imparare a degustare olio d’oliva e miele. Altri ancora, di carattere seminariale, indagano invece alcuni fenomeni in aumento.

Sabato 22 marzo alle 11 (Centro Congressi, sala A) nel convegno “Gli orti comunali: un fenomeno sociale in continua espansione” saranno forniti numeri e testimonianze, attraverso il confronto con esperti a livello nazionale. Al di là di produrre ortaggi, gli orti urbani sono catalizzatori di socialità, «un elemento che nelle nostre comunità non è molto presente», come spiega Cristina Bertazzoni dell’Università di Brescia e consulente per Slow food. L’orto, comunale o scolastico o nel parco che sia, «è attivatore di processi, di relazioni e scambio di conoscenze ed esperienze  tra generazioni, etnie e professionalità diverse, aumentando il cosiddetto empowerment comunitario, primo passo per diventare cittadini proattivi nei confronti di vari aspetti che coinvolgono la città – commenta la docente – Un fenomeno, questo, che le amministrazioni comunali dovrebbero accompagnare a livello di team building, una sorta di start up dell’orto, per garantire la capacità di fare rete».

Sempre sabato, infine, si parlerà di fattorie sociali (Centro Congressi, Sala B, ore 15.30), piante aromatiche e alimenti nella dieta e nella cucina per la salute (Sala A, ore 14.30). Tutti i  giorni invece si potrà visitare il padiglione 5 che ospita idee per la casa in campagna, dal fai-da-te al riscaldamento domestico a basso impatto ambientale.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende