Home » Aziende »Eventi »Nazionali »Politiche »Pratiche » Csr manager Italia: verso una low carbon economy:

Csr manager Italia: verso una low carbon economy

febbraio 23, 2011 Aziende, Eventi, Nazionali, Politiche, Pratiche

Courtesy of l'enefer, Flickr.comIl territorio è malato, il reddito è da fame. La bolla finanziaria dopo che si è sgonfiata ha lasciato per strada economie in frantumi. L’ambiente è diventato non una risorsa in pericolo, ma la risorsa più scarsa. Clima e finanza, due mondi, due crisi, una sola soluzione. “Low carbon economy” è la ricetta di Csr manager network Italia, l’associazione nazionale che raduna i professionisti di imprese, fondazioni d’impresa, società professionali, Pubblica amministrazione, enti non profit che si dedicano alle problematiche socio-ambientali e di sostenibilità connesse alle attività aziendali. Il network, con il suo presidente Caterina Torcia, si è dato appuntamento martedì 22 febbraio alla Cattolica di Milano per discutere di strategie, strumenti e nuove frontiere. “L’impresa ha un ruolo importante, non si può limitare solo a far quadrare i bilanci, ha una responsabilità sociale”, dice Edo Ronchi oggi a capo della Fondazione per lo sviluppo sostenibile. “Le aziende – continua l’ex ministro – soprattutto in questo mondo globalizzato, devono saper guardare oltre, il globale. Per uscire da questa crisi, anzi da queste crisi, bisogna avere coraggio, saper guardare oltre. Di solito a scommettere sul futuro ci si azzecca”. E il futuro è una via trasversale, che non va né a destra né a sinistra, la tutela dell’ambiente non ha colori. “E’ dell’amministrazione Sarkozy il vasto piano di ampliamento della produzione di energia eolica grazie alla costruzione di una nuova rete di pale sulle coste atlantiche francesi per un valore di circa 10 miliardi di euro. Una svolta radicale per la politica delle energie rinnovabili francesi.

Ed era stato proprio il “verde-rosso” Daniel Cohn-Bendit, sul palco di Lione a siglare la nascita del nuovo partito ecologista francese frutto della fusione tra Verts e Europe Ecologie, a dire “saremo intransigenti con tutti i produttivisti, non saremo né di destra né di sinistra”. Così dovrebbe essere anche in Italia, non solo nel pubblico, ma anche nel privato. “Le imprese sono sempre un passo avanti della politica, la politica vive nella sua arretrattezza e per smuovere le coscienze bisogna fare leva sul dinamismo delle imprese”, ha concluso Ronchi. Un vitalismo rappresentato da tante realtà. Una di queste si chiama Barilla. “Con il Center for Food and Nutrition abbiamo affiancato alla più conosciuta piramide alimentare, una nuova piramide che classifica gli alimenti secondo il loro impatto ambientale per aiutare le persone a scegliere un’alimentazione che sia non solo equilibrata da un punto di vista nutrizionale ma anche sostenibile”, racconta Luca Ruini, HSE&E director della Barilla. “Abbiamo iniziato dieci anni fa, come produttori di largo consumo per me era necessario pensare a una trasformazione delle prospettive economiche. Oggi molti i passi compiuti come la diminuzione dei gas serra e la minimizzazione dell’impatto ambientale lungo la filiera, ma c’è anche l’incremento fino al 95% del packaging (impacchettamento e imballaggio) riciclabile”.

Innovazione e sostenibilità vanno a pari passo. Come racconta l’esperienza di Primo Barzoni, presidente e amministratore delegato Palm produttrice di greenpallet,protagonisti del Salone del Gusto di Torino 2010. La sua falegnameria si è trasformata in pochi decenni da impresa di provincia ad azienda leader del pallet in Italia, ma soprattutto è riuscito ha far diventare i “bancali” oggetti di design sostenibili. Vedere lontano e green anche se, come ricorda in chiusura il filosofo (coautore insieme a Jovanotti del libro “Viva tutto”) Franco Bolelli: “L’Italia è un Paese refrattario al nuovo, quando ci si avvicina troppo bisogna subito trovare una giustificazione con il passato. L’innovazione è nutrimento, è ciò che non ci fa deperire. Facebook, Skype, hanno trasformato le nostre vite. Non si può più vivere senza mandare una mail, scrivere un post, tutti siamo diventati creatori di contenuti. Rivoluzionario. Strumenti che non devono essere visti come la perdita di qualcosa, il trionfo della comunicazione fittizia. E’ la nuova comunicazione che implica qualcosa di più importante e da cui non si può più tornare indietro: la connessione. Oggi non esistono linee di confine, perché scegliere una cosa sola nel mondo connesso e globale. Perché le aziende dovrebbero solo fare fatturati e non sostenibilità?”.

Francesca Fradelloni


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende