Home » Aziende »Idee »Pratiche »Pubblica Amministrazione »Smart City » Cymatics: arte e imprese per unire tecnologia e natura:

Cymatics: arte e imprese per unire tecnologia e natura

L’acqua e l’energia solare. La natura e la tecnologia. La grande installazione Cymatics dell’artista multimediale giapponese Suguru Goto, visitabile a Torino fino al 5 giugno, raccoglie e unisce questi temi. È la dimostrazione di come l’arte contemporanea, a volte criticata per essere troppo distante dai problemi quotidiani, possa far riflettere anche sui temi ambientali. Come la valorizzazione delle risorse idriche, su cui tutti gli organismi internazionali, a partire dall’ONU, mettono l’accento. O come il ruolo fondamentale delle energie rinnovabili, componente essenziale per la transizione verso un’economia europea low carbon.

L’opera, inaugurata il 30 maggio scorso, in occasione dello Share Festival – evento ricorrente contenuto, quest’anno, all’interno del più ampio Smart City Festival – è una scultura cinetica sonora che armonizza alcuni elementi-simbolo (l’acqua, ma anche le vibrazioni sonore) in un ambiente tecnologico, comunicando la visione che l’artista ha elaborato sulle forze della natura. Da fuori, quello che si vede è solo un grande cubo nero incorniciato in una struttura di legno. All’interno, si apre un mondo: “Onde sonore agiscono su materiali naturali come l’acqua mettendola in moto per creare ambienti in armonia”, spiegano Simona Lodi e Chiara Garibaldi, curatrici dell’installazione. Il visitatore può scegliere, su un Ipad, tra diversi tipi di tonalità sonore, e automaticamente l’opera si muove e genera vibrazioni. Davanti allo spettatore nascono giochi d’acqua, opere d’arte naturali che ricordano i frattali e che vengono proiettate anche su uno schermo perpendicolare rispetto allo specchio d’acqua. “Cymatics crea ambienti metafisici e spirituali allo stesso tempo. Un luogo dove l’arte è un ponte tra realtà materiali e spirituali, tra tecnologia e natura, tra umanesimo e scienza: l’acqua viene messa in moto per creare ambienti dove onde sonore trasformano i materiali stessi in forme geometriche. Musica da vedere e immagini da sentire sono il risultato di un percorso creativo intrapreso dall’artista per trovare una rappresentazione sensoriale della complessità della percezione dell’uomo”, continuano le organizzatrici.

L’opera è alimentata a energia solare, con moduli fotovoltaici collocati sul tetto della struttura di legno che copre l’installazione. “Finora – racconta l’artista – avevo lavorato con i robot, quindi indagando il rapporto tra l’uomo e la macchina. Questa volta ho analizzato piuttosto la relazione tra la macchina e la natura, introducendo nella mia opera i temi ambientali”. Una relazione che non è affatto di contrapposizione: “Nella cultura giapponese, il rapporto tra uomo e natura è molto presente. Ma allo stesso tempo la tecnologia è molto sviluppata. L’idea di un’unione tra natura e tecnologia appartiene al mio background: l’opera integra queste due componenti. Dal mio punto di vista, infatti, natura e tecnologia non sono all’opposto, ma coesistono. Non c’è una delle due che domina l’altra, né una inferiore: sono sullo stesso piano”.

Ma un altro aspetto rende Cymatics un caso di studio interessante: l’installazione è stata realizzata coinvolgendo imprese e istituzioni del territorio, come la Camera di Commercio di Torino, il Museo Regionale di Scienze Naturali, l’Environment Park e altri centri di ricerca e aziende, in un rapporto di cooperazione che può contribuire a diffondere la cultura della sostenibilità abientale in maniera più trasversale, uscendo dagli steccati che spesso separano il mondo dell’arte da quello produttivo. La scultura è stata prodotta da Action Sharing (piattaforma nata da Piemonte Share dove artisti, ingegneri, informatici e aziende del territorio si possono incontrare per sviluppare progetti di ricerca sul filo conduttore dell’arte e dell’innovazione) con il LIM (Laboratorio Interdisciplinare di Meccatronica del Politecnico di Torino), che ha curato tutta la progettazione ingegneristica.

“Abbiamo lavorato insieme per trovare un modo appropriato di alimentare l’installazione con energia rinnovabile. Noi collaboriamo con diverse aziende, e così abbiamo proposto il progetto alla Vass”, racconta Davide Damosso, direttore R&D di Environment Park. La Vass produce dei particolarissimi moduli fotovoltaici che, spiega l’AD Giuseppe Gianolio, “contengono anche l’isolamento termico e i cavi di solito posizionati sul tetto”. È stata la Vass a trovare la segheria Gallo Legnami, che ha costruito la grande copertura in legno dell’installazione. “Siamo stati i primi in provincia di Asti a fare questo tipo di lavorazioni. Per partecipare al progetto, abbiamo lavorato anche di sabato e di domenica, ma è stata una bella occasione”, commenta il titolare Giovanni Gallo.

Suguru Goto guarda il grande cubo nero e sorride: “Iniziative come queste sono molto speciali, perché permettono di conoscersi e lavorare insieme. Per gli artisti, la collaborazione con il mondo dell’industria non è molto semplice. La nostra mentalità è molto diversa da quella di chi lavora in un’azienda. Non è facile collaborare, e spesso nemmeno incontrarsi”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende