Home » Aziende »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Dall’amianto al fotovoltaico, come risanare i tetti di Bologna:

Dall’amianto al fotovoltaico, come risanare i tetti di Bologna

E’ un verdetto di morte, la parola amianto. Incentivarne la rimozione, con la contestuale diffusione del fotovoltaico, è il duplice obiettivo, di tutela della salute e di efficientamento energetico, alla base del protocollo sottoscritto da Comune di Bologna, Unindustria e CNA che prenderà avvio il mese prossimo. “I tetti di Bologna, dall’amianto al fotovoltaico” è il primo progetto esecutivo del locale Piano d’azione per l’energia sostenibile (Paes) che prevede, in ottemperanza con gli impegni del Patto dei Sindaci, la realizzazione di azioni per favorire l’efficienza energetica e la riduzione delle emissioni climalteranti.

Già il sistema di incentivazione della produzione di energia da fonti rinnovabili (DM 5 Luglio 2012, cosiddetto “V Conto Energia“), prevede una maggiorazione delle tariffe incentivanti per I’elettricità generata da impianti fotovoltaici, nel caso in cui gli impianti siano installati su edifici bonificati dall’amianto. Tale meccanismo di incentivazione, introdotto dal DM del 19 febbraio 2007, ha subìto però i ritocchi imposti dalla spending review. Ecco perchè il progetto bolognese si pone come “un meccanismo alternativo al sistema di incentivi statali - spiega Carlotta Ranieri, responsabile Ambiente ed Energia di CNA – che permette di scaricare i costi dello smaltimento sull’intera filiera degli operatori coinvolti”.
La proposta tecnico-economica del progetto, che vanta un illustre precedente nella campagna Eternit free di Legambiente e AzzeroCO2, si basa su un sistema di sconti praticati dalle imprese incaricate di smaltire le coperture in amianto e d’installare pannelli fotovoltaici, sconti proporzionali alle superfici trattate e alle tecnologie installate. In sostanza, chi volesse far rimuovere coperture in cemento-amianto troverebbe un “pacchetto” di procedure codificate e di imprese già selezionate, impegnatesi a rispettare un “listino prezzi” concordato dalle associazioni di categoria.
Quindi, oltre al beneficio economico derivante dal risparmio energetico e dall’energia autoprodotta, il privato otterrebbe uno smaltimento gratuito dei metri quadrati di amianto destinati ad essere ricoperti dai pannelli fotovoltaici. Un esempio: secondo le tabelle presentate a Bologna, per una copertura di 60 mq di amianto da sostituire con 30 mq di impianto fotovoltaico da 3 kWh di potenza, si otterrebbe uno sconto di 180 euro a fronte di 2.100 euro di spesa di rifacimento del tetto e circa 8.400 euro per la realizzazione dell’impianto. Lo sconto è cumulabile con i benefici fiscali statali e può arrivare fino a 15mila euro per bonificare superfici, come quelle di capannoni industriali, di 5mila metri quadri, da rivestire con impianti di oltre 220 kWh.
Oltre le positive implicazioni energetico-ambientali degli interventi di riqualificazione del patrimonio edilizio, da Unindustria evidenziano le possibili ricadute positive anche sull’economia del territorio, grazie alla logica di “filiera completa” in grado di aggregare imprese di servizi energetici ed ambientali, fornitrici di impianti fotovoltaici e di servizi per la rimozione e smaltimento di manufatti contenenti amianto. Secondo i promotori, il progetto, che debutterà con interventi sul patrimonio edilizio privato, vanterebbe una potenzialità massima d’installazione di circa 18.000 metri quadri di pannelli fotovoltaici, pari a un centinaio di capannoni industriali, arrivando a generare fino a 13 milioni di euro di investimenti privati.

L’Amministrazione comunale, oltre che nella semplificazione amministrativa, sarà impegnata nel monitoraggio del progetto, affidato ad una commissione tecnica cui prenderanno parte anche i partners Unindustria e CNA. Oltre questo “progetto di sviluppo delle fonti rinnovabili e di rimozione di un elemento fortemente inquinante come l’amianto”, l’Assessore all’Ambiente di Palazzo D’Accursio, Patrizia Gabellini, spiega che il Comune sta inoltre predisponendo un vademecum sugli obblighi in carico ai proprietari, tenuti dalla legge 257/1992 allo smaltimento dell’eternit. Si registrano infatti “presenze ancora significative di amianto – sottolinea Marco Farina, del Settore Ambiente del Comune – sia sui capannoni industriali che sulle superfici residenziali”.

Se la situazione bolognese non è rosea, come rilevato da un censimento commissionato dall’Amministrazione comunale, quella nazionale è allarmante. Secondo i dati dell’ultimo dossier Legambiente, “Liberi dall’amianto, del novembre scorso, l’eternit miete 2 mila vittime all’anno, con gli oltre 34 mila siti ancora da bonificare, pari a più di 32 milioni di tonnellate di amianto sparso in tutto il Paese con cave di materiali contenenti la pericolosa fibra.
“L’attuale sistema di incentivazione approvato con il V Conto Energia ha delle evidenti criticità, che hanno, di fatto, causato una drammatica battuta di arresto della realizzazione degli impianti e delle bonifiche” denuncia Giorgio Zambetti, di Legambiente – ” Si auspica che su questo il Governo e in particolare il Ministero dello Sviluppo Economico facciano un passo indietro per ridare un’accelerazione agli interventi di bonifica delle coperture in cemento amianto in Italia”. Alla campagna Eternit Free, nel solo primo anno, hanno aderito oltre 740 tra aziende e privati.
Cristina Gentile
Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende