Home » Aziende »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Dall’amianto al fotovoltaico, come risanare i tetti di Bologna:

Dall’amianto al fotovoltaico, come risanare i tetti di Bologna

E’ un verdetto di morte, la parola amianto. Incentivarne la rimozione, con la contestuale diffusione del fotovoltaico, è il duplice obiettivo, di tutela della salute e di efficientamento energetico, alla base del protocollo sottoscritto da Comune di Bologna, Unindustria e CNA che prenderà avvio il mese prossimo. “I tetti di Bologna, dall’amianto al fotovoltaico” è il primo progetto esecutivo del locale Piano d’azione per l’energia sostenibile (Paes) che prevede, in ottemperanza con gli impegni del Patto dei Sindaci, la realizzazione di azioni per favorire l’efficienza energetica e la riduzione delle emissioni climalteranti.

Già il sistema di incentivazione della produzione di energia da fonti rinnovabili (DM 5 Luglio 2012, cosiddetto “V Conto Energia“), prevede una maggiorazione delle tariffe incentivanti per I’elettricità generata da impianti fotovoltaici, nel caso in cui gli impianti siano installati su edifici bonificati dall’amianto. Tale meccanismo di incentivazione, introdotto dal DM del 19 febbraio 2007, ha subìto però i ritocchi imposti dalla spending review. Ecco perchè il progetto bolognese si pone come “un meccanismo alternativo al sistema di incentivi statali - spiega Carlotta Ranieri, responsabile Ambiente ed Energia di CNA – che permette di scaricare i costi dello smaltimento sull’intera filiera degli operatori coinvolti”.
La proposta tecnico-economica del progetto, che vanta un illustre precedente nella campagna Eternit free di Legambiente e AzzeroCO2, si basa su un sistema di sconti praticati dalle imprese incaricate di smaltire le coperture in amianto e d’installare pannelli fotovoltaici, sconti proporzionali alle superfici trattate e alle tecnologie installate. In sostanza, chi volesse far rimuovere coperture in cemento-amianto troverebbe un “pacchetto” di procedure codificate e di imprese già selezionate, impegnatesi a rispettare un “listino prezzi” concordato dalle associazioni di categoria.
Quindi, oltre al beneficio economico derivante dal risparmio energetico e dall’energia autoprodotta, il privato otterrebbe uno smaltimento gratuito dei metri quadrati di amianto destinati ad essere ricoperti dai pannelli fotovoltaici. Un esempio: secondo le tabelle presentate a Bologna, per una copertura di 60 mq di amianto da sostituire con 30 mq di impianto fotovoltaico da 3 kWh di potenza, si otterrebbe uno sconto di 180 euro a fronte di 2.100 euro di spesa di rifacimento del tetto e circa 8.400 euro per la realizzazione dell’impianto. Lo sconto è cumulabile con i benefici fiscali statali e può arrivare fino a 15mila euro per bonificare superfici, come quelle di capannoni industriali, di 5mila metri quadri, da rivestire con impianti di oltre 220 kWh.
Oltre le positive implicazioni energetico-ambientali degli interventi di riqualificazione del patrimonio edilizio, da Unindustria evidenziano le possibili ricadute positive anche sull’economia del territorio, grazie alla logica di “filiera completa” in grado di aggregare imprese di servizi energetici ed ambientali, fornitrici di impianti fotovoltaici e di servizi per la rimozione e smaltimento di manufatti contenenti amianto. Secondo i promotori, il progetto, che debutterà con interventi sul patrimonio edilizio privato, vanterebbe una potenzialità massima d’installazione di circa 18.000 metri quadri di pannelli fotovoltaici, pari a un centinaio di capannoni industriali, arrivando a generare fino a 13 milioni di euro di investimenti privati.

L’Amministrazione comunale, oltre che nella semplificazione amministrativa, sarà impegnata nel monitoraggio del progetto, affidato ad una commissione tecnica cui prenderanno parte anche i partners Unindustria e CNA. Oltre questo “progetto di sviluppo delle fonti rinnovabili e di rimozione di un elemento fortemente inquinante come l’amianto”, l’Assessore all’Ambiente di Palazzo D’Accursio, Patrizia Gabellini, spiega che il Comune sta inoltre predisponendo un vademecum sugli obblighi in carico ai proprietari, tenuti dalla legge 257/1992 allo smaltimento dell’eternit. Si registrano infatti “presenze ancora significative di amianto – sottolinea Marco Farina, del Settore Ambiente del Comune – sia sui capannoni industriali che sulle superfici residenziali”.

Se la situazione bolognese non è rosea, come rilevato da un censimento commissionato dall’Amministrazione comunale, quella nazionale è allarmante. Secondo i dati dell’ultimo dossier Legambiente, “Liberi dall’amianto, del novembre scorso, l’eternit miete 2 mila vittime all’anno, con gli oltre 34 mila siti ancora da bonificare, pari a più di 32 milioni di tonnellate di amianto sparso in tutto il Paese con cave di materiali contenenti la pericolosa fibra.
“L’attuale sistema di incentivazione approvato con il V Conto Energia ha delle evidenti criticità, che hanno, di fatto, causato una drammatica battuta di arresto della realizzazione degli impianti e delle bonifiche” denuncia Giorgio Zambetti, di Legambiente – ” Si auspica che su questo il Governo e in particolare il Ministero dello Sviluppo Economico facciano un passo indietro per ridare un’accelerazione agli interventi di bonifica delle coperture in cemento amianto in Italia”. Alla campagna Eternit Free, nel solo primo anno, hanno aderito oltre 740 tra aziende e privati.
Cristina Gentile
Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende