Home » Aziende »Pratiche » Dall’OCSE il toolkit per la “produzione sostenibile” delle PMI:

Dall’OCSE il toolkit per la “produzione sostenibile” delle PMI

aprile 26, 2012 Aziende, Pratiche

If you can’t measure, you can’t manage”. In italiano suona più o meno così: “se non puoi misurare, allora non potrai nemmeno gestire”, ed è il nuovo motto dell’Organizzazione per lo Sviluppo e la Cooperazione Economica (OECD, in inglese). L’OECD, infatti, ha lanciato il suo nuovo toolkit, “la cassetta degli attrezzi” per una Produzione Sostenibile (Sustainable Manufacturing), indirizzato principalmente alle start-up e alle piccole e medie imprese (PMI).

Andrew Wyckoff, direttore del settore per la scienza, la tecnologia e l’industria dell’OECD, ha dichiarato che “molte aziende hanno da tempo iniziato a muovere i primi passi verso una produzione che opera nel rispetto dell’ambiente, assicurandosi uno sviluppo economico e ambientale sostenibile. Queste aziende – continua Wyckoff – sono state delle vere pioniere e con la loro esperienza hanno dimostrato che i miglioramenti ambientali possono andare di pari passo con l’aumento del profitto e della competitività aziendale”.

Proprio l’esperienza di queste realtà è stata presa in considerazione dall’OECD per preparare il toolkit e per trasferire il buon esempio anche alle PMI. Wyckoff d’altronde sostiene che “molte delle piccole e medie imprese, che rappresentano approssimativamente il 99% delle aziende e i due terzi dell’occupazione nei Paesi membri dell’OECD, non hanno ancora abbracciato le grandi opportunità provenienti dalla green economy, e sono costrette quotidianamente ad affrontare problemi quali la pressione dei costi da sostenere, la perdita di know-how e di risorse da investire al fine di attuare un miglioramento produttivo che sia anche ambientale”. Proprio per far fronte a questi problemi, l’OECD ha creato una serie di strumenti che potrebbero aiutare le PMI ad attuare una produzione sostenibile e allo stesso tempo, migliorare il prodotto e l’efficienza produttiva, nonché aumentare il profitto.

Ma che cosa si intende per “produzione sostenibile”? A grandi linee il termine rappresenta, in concreto, un nuovo modo di fare impresa e creare valore. Non esiste una definizione singola e comune, anche se il Dipartimento Americano del Commercio, l’ha riassunta così: “la creazione di prodotti industriali caratterizzati da processi in cui vengono minimizzati gli impatti negativi sull’ambiente, viene effettuato un uso efficiente dell’energia e delle risorse, e allo stesso tempo sono sicuri per i lavoratori, la comunità e i consumatori e sono economicamente solidi”. Dunque, si tratta  di un processo produttivo in cui la dimensione ambientale e sociale assume lo stesso grado di importanza di quella economica.

Il toolkit, quale risultato di un processo di due anni di consultazioni con esperti del settore, è messo a disposizione dall’OECD attraverso la Start-up Guide scaricabile gratuitamente, e il sito web, che provvede a fornire spiegazioni dettagliate sugli indicatori e consigli tecnici sulle performance di gestione e amministrazione. “L’OECD – sempre secondo Wyckoff – ha voluto mettere a servizio delle PMI un set di strumenti applicabili su scala internazionale, al fine di misurare la performance ambientale del processo di produzione manifatturiera e, quindi, regolarsi di conseguenza”.

Quali sono concretamente le azioni che una PMI deve seguire per essere economicamente sostenibile? Il toolkit parla di sette azioni fondamentali racchiuse in tre macro-aree che rappresentano anche tre momenti: la preparazione, la misurazione e il miglioramento. La prima azione da intraprendere nel momento della preparazione è di formare un team interno di esperti che si occupi di calcolare l’impatto ambientale dell’azienda e di decidere un set di priorità. Questa sarà seguita dalla selezione di indicatori utili per l’attuazione di un miglioramento che sia continuo nel tempo e non circoscritto solo ad un determinato periodo. Finita la fase della preparazione, entra in atto quella della misurazione, caratterizzata dall’identificazione di come i materiali usati nella produzione influenzino la performance ambientale, dalla valutazione delle operazioni che possono facilitare tale performance (ad esempio l’efficienza energetica), e dalla valutazione del prodotto finale, sulla base di indicatori ambientale che ci dicono quanto lo stesso prodotto sia sostenibile o meno. Infine, una volta ottenuto un numero sufficiente di informazioni utili, entra in gioco la fase del miglioramento. In questo caso, l’interpretazione degli indicatori e dei risultati ottenuti, deve essere seguita dalle scelte opportune da mettere in atto per migliorare la performance produttiva e creare un piano d’azione.

Secondo l’OECD, le PMI seguendo questo schema potrebbero superare i problemi economici tipici a questa scala, come la lotta per la loro stessa sopravvivenza, e andare incontro ad una crescita rispettosa dell’ambiente ed economicamente stimolante. D’altronde i benefici economici provenienti dalla produzione sostenibile sono molteplici. Basti pensare che il 56% delle PMI del solo Regno Unito sono pronte ad investire nel settore e nelle strategie di crescita a basse emissioni di carbonio; senza pensare che dal 2009 i consumi “green” sono cresciuti a tal punto che la Walmart ha introdotto il nuovo indice della sostenibilità ambientale.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende