Home » Aziende »Pratiche » Dall’OCSE il toolkit per la “produzione sostenibile” delle PMI:

Dall’OCSE il toolkit per la “produzione sostenibile” delle PMI

aprile 26, 2012 Aziende, Pratiche

If you can’t measure, you can’t manage”. In italiano suona più o meno così: “se non puoi misurare, allora non potrai nemmeno gestire”, ed è il nuovo motto dell’Organizzazione per lo Sviluppo e la Cooperazione Economica (OECD, in inglese). L’OECD, infatti, ha lanciato il suo nuovo toolkit, “la cassetta degli attrezzi” per una Produzione Sostenibile (Sustainable Manufacturing), indirizzato principalmente alle start-up e alle piccole e medie imprese (PMI).

Andrew Wyckoff, direttore del settore per la scienza, la tecnologia e l’industria dell’OECD, ha dichiarato che “molte aziende hanno da tempo iniziato a muovere i primi passi verso una produzione che opera nel rispetto dell’ambiente, assicurandosi uno sviluppo economico e ambientale sostenibile. Queste aziende – continua Wyckoff – sono state delle vere pioniere e con la loro esperienza hanno dimostrato che i miglioramenti ambientali possono andare di pari passo con l’aumento del profitto e della competitività aziendale”.

Proprio l’esperienza di queste realtà è stata presa in considerazione dall’OECD per preparare il toolkit e per trasferire il buon esempio anche alle PMI. Wyckoff d’altronde sostiene che “molte delle piccole e medie imprese, che rappresentano approssimativamente il 99% delle aziende e i due terzi dell’occupazione nei Paesi membri dell’OECD, non hanno ancora abbracciato le grandi opportunità provenienti dalla green economy, e sono costrette quotidianamente ad affrontare problemi quali la pressione dei costi da sostenere, la perdita di know-how e di risorse da investire al fine di attuare un miglioramento produttivo che sia anche ambientale”. Proprio per far fronte a questi problemi, l’OECD ha creato una serie di strumenti che potrebbero aiutare le PMI ad attuare una produzione sostenibile e allo stesso tempo, migliorare il prodotto e l’efficienza produttiva, nonché aumentare il profitto.

Ma che cosa si intende per “produzione sostenibile”? A grandi linee il termine rappresenta, in concreto, un nuovo modo di fare impresa e creare valore. Non esiste una definizione singola e comune, anche se il Dipartimento Americano del Commercio, l’ha riassunta così: “la creazione di prodotti industriali caratterizzati da processi in cui vengono minimizzati gli impatti negativi sull’ambiente, viene effettuato un uso efficiente dell’energia e delle risorse, e allo stesso tempo sono sicuri per i lavoratori, la comunità e i consumatori e sono economicamente solidi”. Dunque, si tratta  di un processo produttivo in cui la dimensione ambientale e sociale assume lo stesso grado di importanza di quella economica.

Il toolkit, quale risultato di un processo di due anni di consultazioni con esperti del settore, è messo a disposizione dall’OECD attraverso la Start-up Guide scaricabile gratuitamente, e il sito web, che provvede a fornire spiegazioni dettagliate sugli indicatori e consigli tecnici sulle performance di gestione e amministrazione. “L’OECD – sempre secondo Wyckoff – ha voluto mettere a servizio delle PMI un set di strumenti applicabili su scala internazionale, al fine di misurare la performance ambientale del processo di produzione manifatturiera e, quindi, regolarsi di conseguenza”.

Quali sono concretamente le azioni che una PMI deve seguire per essere economicamente sostenibile? Il toolkit parla di sette azioni fondamentali racchiuse in tre macro-aree che rappresentano anche tre momenti: la preparazione, la misurazione e il miglioramento. La prima azione da intraprendere nel momento della preparazione è di formare un team interno di esperti che si occupi di calcolare l’impatto ambientale dell’azienda e di decidere un set di priorità. Questa sarà seguita dalla selezione di indicatori utili per l’attuazione di un miglioramento che sia continuo nel tempo e non circoscritto solo ad un determinato periodo. Finita la fase della preparazione, entra in atto quella della misurazione, caratterizzata dall’identificazione di come i materiali usati nella produzione influenzino la performance ambientale, dalla valutazione delle operazioni che possono facilitare tale performance (ad esempio l’efficienza energetica), e dalla valutazione del prodotto finale, sulla base di indicatori ambientale che ci dicono quanto lo stesso prodotto sia sostenibile o meno. Infine, una volta ottenuto un numero sufficiente di informazioni utili, entra in gioco la fase del miglioramento. In questo caso, l’interpretazione degli indicatori e dei risultati ottenuti, deve essere seguita dalle scelte opportune da mettere in atto per migliorare la performance produttiva e creare un piano d’azione.

Secondo l’OECD, le PMI seguendo questo schema potrebbero superare i problemi economici tipici a questa scala, come la lotta per la loro stessa sopravvivenza, e andare incontro ad una crescita rispettosa dell’ambiente ed economicamente stimolante. D’altronde i benefici economici provenienti dalla produzione sostenibile sono molteplici. Basti pensare che il 56% delle PMI del solo Regno Unito sono pronte ad investire nel settore e nelle strategie di crescita a basse emissioni di carbonio; senza pensare che dal 2009 i consumi “green” sono cresciuti a tal punto che la Walmart ha introdotto il nuovo indice della sostenibilità ambientale.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende