Home » Eventi »Non-Profit »Pratiche » E’ tempo di 5×1000 (anche per l’ambiente):

E’ tempo di 5×1000 (anche per l’ambiente)

aprile 26, 2010 Eventi, Non-Profit, Pratiche

Courtesy of CislCuneoForse non è l’anno migliore in cui ricordarlo, ma, che piaccia o no, è tempo di dichiarazione dei redditi 2009.

Della quota di tasse che ogni contribuente deve versare allo Stato, ve n’è una piccola ma importante che chi compila il 730, l’Unico o il CUD, può scegliere di destinare a una organizzazione non profit: si tratta del famoso 5 x 1000, non un’imposta aggiuntiva, né un sostituto dell’8 x 1000, ma una possibilità ulteriore di scegliere a chi destinare parte delle proprie tasse.

Tra le altre anche le associazioni dedicate alla protezione dell’ambiente hanno dunque attivato campagne per raccogliere questo contributo. La scelta è ampia e variegata, si va dagli enti più conosciuti come il Fai e il WWF alle associazioni più piccole come Terra! e Fare Verde Onlus fino ad associazioni più di nicchia come la Fiab, federazione italiana amici della bicicletta.

Il gesto che realizza la donazione é in ogni caso semplicissimo: basta inserire il codice fiscale dell’associazione prescelta, reperibile sul sito internet, nell’apposita casella dedicata al 5×1000 sul modulo della dichiarazione dei redditi. E voilà.

Per orientarsi e fare la scelta più vicina alla propria sensibilità vale la pena verificare come i nostri soldi verranno impiegati nei progetti di conservazione o tutela dell’ambiente. Ecco, a titolo esemplare, una breve carrellata tra le numerose possibilità:

Il WWF è la più grande organizzazione mondiale per la conservazione della natura, rappresentata in Italia dal WWF Italia. La sua mission è quella di costruire un mondo in cui l’uomo possa vivere in armonia con la natura. Per farlo il WWF segue alcune linee guida principali che riassume in: difesa della natura e dell’ambiente, monitoraggio dei cambiamenti climatici, promozione di nuovi stili di vita (turismo responsabile, sostenibilità, educazione ambientale) e dialogo con le istituzioni. Chi fosse interessato a destinare il 5 X 1000 al WWF e ai suoi progetti, potrà partecipare inoltre all’estrazione di un viaggio in Amazzonia per toccare con mano uno dei tanti progetti che il WWF concretamente realizza nel mondo.

Il FAI – Fondo Ambiente Italiano, dal 1975 si occupa di salvaguardare i beni paesaggistici, artistici e culturali del nostro Paese. La sua mission è “promuovere in concreto una cultura di rispetto della natura, dell’arte, della storia e delle tradizioni d’Italia e tutelare un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità”. La campagna fondi del 2010 gioca sull’ironia, sui cartelloni e sui banner, riproducendo una lettera di riscatto anonima, campeggia la scritta “Vuoi rivedere sano e salvo il tuo paesaggio? Il tuo 5×1000 dallo al Fai!”. La donazione perfetta per tutti coloro che ritengono il paesaggio “un organismo vivente in perenne evoluzione” e non solamente ciò che circonda l’essere umano.

Legambiente è nata nel 1980, erede dei primi nuclei ecologisti e del movimento antinucleare che si sviluppò in Italia e in tutto il mondo occidentale nella seconda metà degli anni ’70. Tratto distintivo dell’associazione è stato sempre l’ambientalismo scientifico, la scelta, cioè, di fondare ogni iniziativa per la difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, che, rivendica Legambiente, “ci hanno permesso di accompagnare le nostre battaglie con l’indicazione di alternative concrete, realistiche, praticabili”. Sostenere questa trentennale associazione no profit con il 5 x 1000 significa, dicono i suoi fondatori, credere di poter “costruire un mondo migliore”.

Fare Verde ONLUS è un’associazione di protezione ambientale la cui missione sono gli “animali, mari, foreste, fiumi, terzo mondo, generazioni future” ovvero tutti coloro che sono importanti per la vita del pianeta Terra ma che spesso non hanno voce in capitolo, in quanto privi di organi di rappresentanza. Attraverso l’attività di volontariato, Fare Verde vuole “riportare la vita vegetale, animale, umana al centro dell’attenzione e lavorare disinteressatamente per risparmiare la Terra da sprechi e aggressioni”.

Terra! è un’associazione indipendente e apartitica che vuole difendere l’ambiente operando sul territorio e attraverso campagne internazionali. Terra! mette in rete singole persone, gruppi, associazioni attive a livello locale che si riconoscono nelle stesse finalità e ha l’obiettivo di creare un nuovo attivismo ambientale, aperto e partecipato, che possa crescere grazie alle competenze e alla creatività di tutte le persone che vogliono agire per una mobilità sostenibile e la salvaguardia del pianeta. Terra! fa parte di un network di associazioni internazionali coordinato da Friends Of the Earth Europe. In Italia è già attiva in 16 città: Roma, Milano, Torino, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Palermo, Cagliari, Trento, Padova, Bassano del Grappa, Reggio Emilia, Modena, Ravenna, Ancona.

Lo statuto della FIAB recita, in apertura, che “scopo dell’associazione è lo svolgimento di attività nel settore della tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente in particolare promuovendo l’uso della bicicletta con iniziative per migliorare mobilità e qualità della vita urbana e per la pratica di una forma di escursionismo rispettosa dell’ambiente”. Le associazioni aderenti alla FIAB – e la FIAB stessa – fanno lobbying nei confronti dei pubblici poteri per ottenere interventi e provvedimenti a favore della circolazione sicura e confortevole della bicicletta e, più in generale, per migliorare la vivibilità urbana (piste ciclabili, moderazione del traffico, politiche di incentivazione, uso combinato bici + mezzi collettivi di trasporto – e in particolare treno+bici).

Queste e molte altre le associazioni no profit che si dedicano, tramite i loro volontari e operatori, alla difesa dell’ambiente e svolgono un’attività capillare sul nostro territorio. Per aiutarle e sostenerle, come recita un vecchio slogan, è sufficiente donare il proprio 5×1000, “un piccolo gesto che non costa nulla ma può voler dire molto”.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende