Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » Educazione ambientale nelle scuole: una Cenerentola in attesa di finanziamenti:

Educazione ambientale nelle scuole: una Cenerentola in attesa di finanziamenti

Recupero di materiali di scarto, compostiera per i rifiuti, alimentazione stagionale e biologica, acqua di rubinetto, cura di orti e vita all’aperto. A Reggio Emilia l’educazione ambientale si fa così. E sin dalla prima infanzia, i piccoli cittadini crescono nell’attenzione e rispetto per l’ambiente. “Nel nido e nella scuola dell’infanzia – fanno sapere dal municipio reggiano – date le peculiarità dei processi conoscitivi che caratterizzano questa età, non si procede per insegnamenti specifici e separati. L’educazione ambientale è da una parte un contesto che viene offerto ai bambini, dall’altra una didattica che tiene al suo interno un atteggiamento di cura e di sensibilità verso il vivente, in tutte le sue identità“.

Ai nidi e alle scuole arrivano materiali di scarto di circa duecento aziende locali, industriali ed artigiane, forniti dal Centro di riciclaggio creativo Remida che opera dal 1996 grazie alla collaborazione fra il Comune di Reggio Emilia e Iren. Bambini e genitori sono così sensibilizzati al riutilizzo degli oggetti.
 Nelle cucine delle scuole è attiva una  soluzione di raccolta dei rifiuti umidi e si sta diffondendo l’uso della compostiera per alcuni degli scarti organici (sfalci dell’erba, potature di alberi e cespugli, foglie) per trasformarli in materiale riutilizzabile in giardino o nell’orto delle scuole stesse. Un orto in cortile è infatti realtà per diverse scuole dell’infanzia che hanno realizzato, con la partecipazione dei genitori dei loro utenti, un vero e proprio orto “per avvicinare i bambini alla vita all’aperto e al fascino della coltivazione – raccontano gli operatori – per riscoprire i legami con la terra e con i suoi frutti e per ricercare “sul campo” i sapori e gli odori degli alimenti appena colti”.

Con il progetto educativo “Tra terra e cielo”, l’Amministrazione reggiana promuove la vita all’aria aperta per i bambini da zero a tre anni. “Favorire questo stile di vita significa ripensare l’organizzazione e le progettualità educative e didattiche – spiegano – e riconsiderare il valore delle aree cortilive delle strutture scolastiche, nell’ottica di incrementare il dialogo quotidiano tra i bambini e gli ambienti naturali e sociali circostanti, con l’intento di offrire ai piccoli giornate meno sedentarie”.

L’uso dell’acqua del rubinetto, infine, è praticato nelle strutture educative reggiane come scelta di sostenibilità ecologica e sociale, per valorizzare stili di vita e di consumo sobri e attenti alle risorse ambientali.

Identica prassi è in uso negli asili nido bolognesi, dove l’”acqua del sindaco” è ritenuta idonea ed è in uso anche per bimbi di pochi mesi. Con buona pace delle pubblicità di acque minerali con bebè volteggianti in aria, l’acqua cittadina è sottoposta a controlli più frequenti di quella trasportata in bottiglie di plastica, che inquina sia per il trasporto che per lo smaltimento del contenitore.

Anche a Bologna è incoraggiato l’utilizzo di giardini e cortili esterni (quando ci sono) per campi in miniatura da coltivare nell’ambito dell’orario scolastico. Ma l’iniziativa resta affidata alle capacità e possibilità del personale educativo, che spesso vi coinvolge volontari o associazioni di quartiere.
 Nel capoluogo emiliano opera con le scuole la Fondazione Villa Ghigi, sostenuta da Comune, Università e Provincia. Le attività sono svolte per lo più in collina, a ridosso della città, presso la sede e nel parco della fondazione. Qui le scolaresche passano giornate a contatto con la natura, impegnate in escursioni, attività fisiche e didattiche, laboratori di manualità. La fondazione organizza anche campi estivi come “la scuola nel bosco”. I costi dei soggiorni sono però contributi extra a carico delle famiglie.

Non doveva essere così nelle intenzioni delle Ministre dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, e dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, che nel 2009 avevano siglato un accordo per portare sui banchi di scuola l’educazione ambientale. Lo stanziamento di un milione di euro avrebbe dovuto offrire dall’anno scolastico 2010/2011 l’educazione ambientale a tutti gli studenti di ogni ordine e grado, all’interno di una nuova materia, Cittadinanza e Costituzione. 
L’educazione ambientale è infine entrata nelle scuole, ma con modalità e caratteristiche differenti da città a città.

Spesso, ad esempio, operano in tale ambito soggetti privati che affiancano l’orario sui banchi con servizi di consulenza o attività formative outdoor. In Abruzzo, già “Regione verde d’Europa“, la cornice di questi corsi è spesso quella di luoghi affascinanti come le numerose aree protette o i parchi delle regione.
La cooperativa Il Bosso, oltre a gestire l’ostello della Provincia di Pescara propone corsi di canoa ed escursionismo, oltre ad attività più tradizionalmente scolastiche. Queste ultime si svolgono principalmente all’interno di strutture ad hoc o all’aperto in aree protette, come nel centro di educazione ambientale a Bussi sul Tirino (Pe), nel Centro visite del Lupo, a Popoli, nel Parco Nazionale della Majella. Ma anche all’interno del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, o nelle oasi WWF delleGole del Sagittario“, ad Anversa degli Abruzzi (Aq) e alle sorgenti del fiume Pescara, a Popoli (Pe).

Ma il catalogo delle “proposte di educazione ambientale” de Il Bosso è fermo al 2011 e il sito avverte: “Per l’anno scolastico 2011-2012 siamo in attesa di indicazioni da parte (…) della Regione Abruzzo (…)“. La sensazione è dunque  che, finiti i primi finanziamenti, l’educazione ambientale nelle scuole sia rimasta un po’ al palo: affidata a dopo-scuola a pagamento, non sempre alla portata di tutti, o alla motivazione (e capacità economiche) dei singoli enti, spesso supportati da organizzazioni e associazioni ambientaliste come Wwf e Legambiente, che portano avanti progetti specifici in accordo con i dirigenti scolastici.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende