Home » Aziende »Nazionali »Politiche »Pratiche » Efficienza energetica: una missione possibile:

Efficienza energetica: una missione possibile

ottobre 13, 2011 Aziende, Nazionali, Politiche, Pratiche

A volte è necessario mettersi a tavolino, fermarsi e riflettere; altre volte si va ancora oltre e ci si riunisce per discutere proposte reali, fatti concreti.

Ieri mattina presso il Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino, si è svolto un seminario riservato alle imprese, “Efficienza energetica: tutela dell’ambiente, opportunità di crescita”, che ha voluto presentare i risultati di uno studio durato un anno e le proposte che studiosi ed esperti hanno potuto costruire sulla base di quanto analizzato.

Confindustria è impegnata da sempre per tenere vivo un dialogo costante e costruttivo con la Regione Piemonte, ha spiegato Mariella Enac, Presidente di Confindustria Piemonte. “Adesso siamo pronti perché il piano d’azione diventi operativo. Lo stesso spirito e l’impegno pratico ha mosso l’organizzazione di questa giornata, che dopo un quadro più generale e teorico lascierà spazio ai worshop tecnici su Industria, Edifici, Trasporti e infrastrutture”.

L’Italia è paradossalmente uno dei paesi occidentali dove si consuma meno energia e si emette meno CO2 per unità-prodotto, ma si può fare ancora molto, considerato la portata di sviluppo del sistema manifatturiero nostrano. E la proposta arriva, in questo caso, dall’industria, attraverso un documento che identifica gli ambiti rilevanti nei quali appare più efficace incentivare e valuta gli effetti delle misure sull’intero sistema economico, verificando i vantaggi per la collettività e le ripercussioni sul bilancio dello Stato”.

L’Unione Europea, del resto, ha assunto la leadership globale nella lotta al cambiamento climatico, attraverso la sottoscrizione del Protocollo di Kyoto e la cosiddetta Strategia 20-20-20,  in cui l’Europa si è dichiarata disposta a tagliare le emissioni  di gas serra del 20% rispetto ai valori del 1990 e ad incrementare l’utilizzo di energie rinnovabili del 20% sul consumo finale lordo di energia.

L’efficienza energetica è periò una delle risposte a questa esigenza, che può garantire competitività al nostro sistema industriale, sicurezza degli approviggionamenti e sostenibilità ambientale, oltre che facilitare il raggiungimento degli obiettivi fissati a livello mondiale (nonostante che, secondo le proiezioni al 2030, i risultati ottenuti dall’Europa saranno completamente annullati dai danni provocati dallo sviluppo incondizionato di Cina e India…).

Lefficienza energetica è volano di competitività – dichiara Massimo Beccarello, Vice Direttore Politiche per lo Sviluppo, Energia e Ambiente Confindustria – da raggiungere continuando a produrre: l’obiettivo deve essere quello di fare le stesse cose consumando meno e meglio”.

Da questo concetto nasce lo studio che ha coinvolto sei regioni italiane, circa 1.400 persone, fra imprenditori industriali, rappresentanti della pubblica amministrazione, studenti universitari e cittadini. Con l’obiettivo di trasmettere ad aziende ed istituzioni il concetto che l’investimento in efficienza energetica, se effettuato secondo logiche corrette, produce ritorni economici anche nel breve termine e può favorire situazioni di vantaggio competitivo, si sono analizzati i canali in cui in Italia il consumo è maggiore e, di contro, le eccellenze del nostro Paese. Ne è nata una mappatura della situazione attuale, da cui sono state costruite e messe a confronto due ipotesi futuristiche: quella determinata dalla tendenza “naturale” della domanda alle condizioni di oggi e quella generata dal mercato ipotetico di beni migliorati da tecnologie efficaci (sostenuto da strumenti di policy forti e da una incentivazione stabile nel medio-lungo periodo, che garantisca agli investitori il successo reale dell’operazione).

“Questa strategia di politica industriale potrebbe avere un impatto socio-economico sul totale dell’economia pari a circa 238 miliardi di Euro di incremento del valore della produzione totale, con una relativa crescita occupazionale di circa 1,6 milioni di unità di lavoro standard, nel periodo compreso tra il 2010 e il 2020. Il costo netto per gli incentivi in termini di esborso per lo Stato sarebbe di circa 15,4 miliardi di Euro in dieci anni, che sono di lieve entità se si considera l’impatto socio-economico e il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità del pacchetto clima-energiaprecisa Beccarello.

Dall’ottimistico quadro macro si passa poi al micro. “L’investitore che abbiamo voluto analizzare – dice Massimo Gallanti, Direttore Dipartimento Sviluppo Sistema Elettrico RSE, partner scientifico dello studio - appartiene a tre diverse tipologie: l’industria; il terziario e la pubblica amministrazione; il piccolo consumatore. Le opportunità di investimento evidentemente variano a seconda di chi compra cosa e perché”.

La ricerca ha comunque stilato diverse ipotesi, il cui parametro di valutazione è sempre il livello di profittabilità, che può motivare o meno l’investimento. “La valutazione di un investimento – continua Gallanti – è compromessa da troppe variabili; noi abbiamo voluto analizzare casi studio mediani, specifici per le tre categorie di utenze, dall’acquisto di elettrodomestici di classe A per la casa, alla sostituzione di infissi nuovi nell’edilizia; dall’illuminazione in strutture industriali alla scelta di auto a basso consumo.

Se la domanda che sempre, quotidianamente, in ogni scelta, attanaglia il consumatore è “ma l’investimento green si ripaga?”, a leggere i risultati di questa ricerca la risposta sembra chiara: “pur nella cautela dell’analisi – dichiara Gallanti -  prendendo in considerazione il costo, il rendimento energetico, la vita tecnica, le ore di utilizzo e il tasso di sconto della tecnologia, senza considerare incentivi statali, possiamo dire che l’investimento si ripaga eccome”.

All’interno della ricerca, scaricabile dal sito di Confindustria è possibile consultare le schede di ciascun investimento analizzato, con la portata e il tempo del ritorno economico previsto.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende