Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » Emilia Romagna: buone pratiche per la gestione delle cave:

Emilia Romagna: buone pratiche per la gestione delle cave

Sono quasi trecento le cave attive sul territorio emiliano-romagnolo: il catasto delle attività estrattive registra a fine 2009 un trend in calo, sia di scavi che di quantità di materiali estratti, per il 63% ghiaia e sabbia alluvionale. Ma si tratta comunque di numeri importanti. “Nel mandato del presidente Errani è prevista l’approvazione di una legge sulla sicurezza del territorio – dichiara Paola  Gazzolo, assessore regionale alla Sicurezza territoriale – ed anche una revisione della normativa sulle attività estrattive, che pure ha dato risultati positivi”.

In effetti la legge regionale 17/1991 consente l’esercizio dell’attività estrattiva solo nelle aree previste dai Piani infraregionali, e solo tramite autorizzazione comunale a seguito di un’istruttoria tecnica. L’impresa che chiede l’autorizzazione deve avere precisi requisiti imprenditoriali, tecnici ed organizzativi, tra cui la disponibilità dei terreni. La risoluzione presentata dai consiglieri Naldi, Monari e Sconciaforni impegna la Regione ad aggiornare le tariffe degli “oneri di cava”, pari a un importo medio di 0,57 euro al metro cubo – ma variabile per tipo di materiale, fino alle pregiate pietre ornamentali da 3,50 euro al mq -. La nuova tariffa avrà come riferimento medio 2 euro al metro cubo.

L’atto d’indirizzo, approvato a maggioranza il 30 marzo scorso, prevede inoltre di “destinare i maggiori introiti così ottenuti al finanziamento delle politiche regionali di tutela dell’ambiente e di salvaguardia del territorio”. Gli oneri di cava dipendono da cosa e quanto è stato estratto: per esempio, per uno scavo di 120mila metri cubi di ghiaia, in Emilia, si pagano al comune € 68.400.

“Bene la legge, ma occorre tener alta la guardia con controlli rigorosi” mette le mani avanti Maurizio Maurizzi, segretario della Fillea Cgil di Bologna, che di scavi e cantieri ne ha visti tanti – tra gli ultimi, quello del nodo bolognese dell’Alta velocità. “La nostra legislazione è avanzata – spiega – ma oggi le imprese si chiedono perchè scavare qui, se basta scavalcare i confini regionali per avere condizioni diverse. E chi ha un cantiere a Piacenza fa presto ad andare in Lombardia”. La crisi economica non ha risparmiato infatti il settore edilizio/infrastrutturale, strettamente collegato al comparto estrattivo, e ne ha accentuato la trasformazione: sono diminuite le tante ditte di livello artigianale e locale, lasciando il campo a realtà aziendali strutturate e complesse, operanti su tutto il territorio nazionale. In mancanza di misure coordinate tra le regioni, il regime adottato in Emilia-Romagna potrebbe allontanare molte imprese. Il rischio adombrato dalla Fillea è quello d’insediamento delle “ecomafie” e delle cave trasformate in discariche. “La soluzione è mantenere il controllo del territorio e conoscere le imprese che vi operano” conclude Maurizzi.

“I controlli ci sono – assicura Emanuele Burgin, Assessore Provinciale all’Ambiente – e sono svolti dall’Agenzia Regionale Arpa, da Polizia municipale e provinciale, e dalle Ausl. Nei sopralluoghi si verificano qualità delle acque, emissioni in atmosfera, carichi e scarichi dichiarati dai camion. Non ci sono cave diventate discariche, per esempio, nel nostro territorio. La situazione è sotto controllo grazie a una pianificazione decennale a livello provinciale ed al raccordo con i piani urbanistici dei singoli comuni”. L’ultimo piano per le attività estrattive (Piae) del bolognese è del 2002, ed è in vigore fino al prossimo anno: sulla base dei dati raccolti nel quadro conoscitivo del territorio, prevede le esigenze di costruzioni e scavi, definendo le quote possibili per ogni comune.

Ogni Ente locale, rifacendosi a tali quantità, impone nei singoli progetti la previsione della sistemazione finale, in genere il “ritombamento” della cava. “Questo sistema di pianificazione comprende il piano di ripristino dei luoghi – spiega Burgin. – In qualche caso, come a Bazzano, per esigenze idrauliche, una cava è diventata un invaso di recupero di acque piovane. Ma di solito l’impresa che ha scavato ritomba il buco, riportandolo ad area verde. Vicino all’aeroporto di Bologna, in zona Birra, una cava è stata riempita con materiali di scavo della variante di valico dell’Appennino. A San Lazzaro, alle porte di Bologna, cave di venti anni fa sono oggi campi coltivati. Certo, non c’è più argilla sotto”. Regola fondamentale, specifica l’assessore, è che la destinazione urbanistica, prevista nei piani regolatori, non cambia: un sito agricolo ritorna tale dopo lo scavo, non può diventare edificabile. Caso diverso ma interessante è invece il polo estrattivo di San Niccolò: sul fondo ripianato della cava sarà installato un impianto fotovoltaico.

Un quadro molto più critico è tracciato invece da Luigi Rambelli, dirigente di Legambiente: “A monte e a valle della via Emilia è tutta una groviera di scavi. E’ significativo che gli ultimi studi di Nomisma registrino una caduta del settore immobiliare: c’è un eccesso di offerta. E i piani regolatori di tutta la regione prevedono si possa costruire ancora. Il meccanismo della legge regionale è formalmente ineccepibile, ma ci sono numeri che non tornano, e il commercio di materiali inerti è disastroso per il danno che reca al territorio”.

Rambelli denuncia, ad esempio, la cementificazione della Riviera romagnola, con oltre centomila “seconde case”, 72 km di costa costruiti e soli 8 km scoperti: praticamente un unico muro sul mare. “E poi, anche se l’impresa paga un indennizzo per scavare, bisogna valutare la sua reale congruità. E’ difficile parlare di vero ripristino. Al massimo si recupera l’area come zona umida o ad uso sportivo – ragiona l’ambientalista – che è più un meccanismo di mitigazione che un ripristino”. Rambelli punta il dito contro le strutture tecniche preposte alla valutazione dell’impatto ambientale: “In qualche caso, hanno agevolato escavazioni aberranti, come nella zona collinare tra Maranello e Vignola, vicino Modena, zona di produzione delle ceramiche. Lì sono insorti anche i cittadini, tra cui lo scrittore Valerio Massimo Manfredi, promuovendo comitati contro gli scavi”. Ultima stoccata dell’associazione ambientalista: “E’ irrealistico tener dietro alle ore di scavo e alle quantità. E’ impossibile controllare davvero quanto si scava”. E l’allarme è soprattutto per l’alveo del Po. La proposta dell’associazione è un contingentamento degli scavi e un meccanismo di recupero dei materiali delle demolizioni, così da evitare nuove cave.

C. G.

Al delicato tema delle concessioni di estrazione è dedicata l’inchiesta di Bernardo Iovene “La banda del buco“, nella puntata di Report del 3 aprile 2011:

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

novembre 22, 2018

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

Il 28 novembre prossimo Flymove Holding organizzerà a Milano, nello Spazio di via Gadames 57, un evento riservato a operatori finanziari, investitori e partners tecnologici, per il lancio mondiale della Flymove Smart Mobility Platform e delle nuove automobili elettriche EV City Car e Sportive Car a brand “Dianchè by Bertone”, che faranno uso di un innovativo sistema di scambio rapido di batteria [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende