Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » Emilia Romagna: buone pratiche per la gestione delle cave:

Emilia Romagna: buone pratiche per la gestione delle cave

Sono quasi trecento le cave attive sul territorio emiliano-romagnolo: il catasto delle attività estrattive registra a fine 2009 un trend in calo, sia di scavi che di quantità di materiali estratti, per il 63% ghiaia e sabbia alluvionale. Ma si tratta comunque di numeri importanti. “Nel mandato del presidente Errani è prevista l’approvazione di una legge sulla sicurezza del territorio – dichiara Paola  Gazzolo, assessore regionale alla Sicurezza territoriale – ed anche una revisione della normativa sulle attività estrattive, che pure ha dato risultati positivi”.

In effetti la legge regionale 17/1991 consente l’esercizio dell’attività estrattiva solo nelle aree previste dai Piani infraregionali, e solo tramite autorizzazione comunale a seguito di un’istruttoria tecnica. L’impresa che chiede l’autorizzazione deve avere precisi requisiti imprenditoriali, tecnici ed organizzativi, tra cui la disponibilità dei terreni. La risoluzione presentata dai consiglieri Naldi, Monari e Sconciaforni impegna la Regione ad aggiornare le tariffe degli “oneri di cava”, pari a un importo medio di 0,57 euro al metro cubo – ma variabile per tipo di materiale, fino alle pregiate pietre ornamentali da 3,50 euro al mq -. La nuova tariffa avrà come riferimento medio 2 euro al metro cubo.

L’atto d’indirizzo, approvato a maggioranza il 30 marzo scorso, prevede inoltre di “destinare i maggiori introiti così ottenuti al finanziamento delle politiche regionali di tutela dell’ambiente e di salvaguardia del territorio”. Gli oneri di cava dipendono da cosa e quanto è stato estratto: per esempio, per uno scavo di 120mila metri cubi di ghiaia, in Emilia, si pagano al comune € 68.400.

“Bene la legge, ma occorre tener alta la guardia con controlli rigorosi” mette le mani avanti Maurizio Maurizzi, segretario della Fillea Cgil di Bologna, che di scavi e cantieri ne ha visti tanti – tra gli ultimi, quello del nodo bolognese dell’Alta velocità. “La nostra legislazione è avanzata – spiega – ma oggi le imprese si chiedono perchè scavare qui, se basta scavalcare i confini regionali per avere condizioni diverse. E chi ha un cantiere a Piacenza fa presto ad andare in Lombardia”. La crisi economica non ha risparmiato infatti il settore edilizio/infrastrutturale, strettamente collegato al comparto estrattivo, e ne ha accentuato la trasformazione: sono diminuite le tante ditte di livello artigianale e locale, lasciando il campo a realtà aziendali strutturate e complesse, operanti su tutto il territorio nazionale. In mancanza di misure coordinate tra le regioni, il regime adottato in Emilia-Romagna potrebbe allontanare molte imprese. Il rischio adombrato dalla Fillea è quello d’insediamento delle “ecomafie” e delle cave trasformate in discariche. “La soluzione è mantenere il controllo del territorio e conoscere le imprese che vi operano” conclude Maurizzi.

“I controlli ci sono – assicura Emanuele Burgin, Assessore Provinciale all’Ambiente – e sono svolti dall’Agenzia Regionale Arpa, da Polizia municipale e provinciale, e dalle Ausl. Nei sopralluoghi si verificano qualità delle acque, emissioni in atmosfera, carichi e scarichi dichiarati dai camion. Non ci sono cave diventate discariche, per esempio, nel nostro territorio. La situazione è sotto controllo grazie a una pianificazione decennale a livello provinciale ed al raccordo con i piani urbanistici dei singoli comuni”. L’ultimo piano per le attività estrattive (Piae) del bolognese è del 2002, ed è in vigore fino al prossimo anno: sulla base dei dati raccolti nel quadro conoscitivo del territorio, prevede le esigenze di costruzioni e scavi, definendo le quote possibili per ogni comune.

Ogni Ente locale, rifacendosi a tali quantità, impone nei singoli progetti la previsione della sistemazione finale, in genere il “ritombamento” della cava. “Questo sistema di pianificazione comprende il piano di ripristino dei luoghi – spiega Burgin. – In qualche caso, come a Bazzano, per esigenze idrauliche, una cava è diventata un invaso di recupero di acque piovane. Ma di solito l’impresa che ha scavato ritomba il buco, riportandolo ad area verde. Vicino all’aeroporto di Bologna, in zona Birra, una cava è stata riempita con materiali di scavo della variante di valico dell’Appennino. A San Lazzaro, alle porte di Bologna, cave di venti anni fa sono oggi campi coltivati. Certo, non c’è più argilla sotto”. Regola fondamentale, specifica l’assessore, è che la destinazione urbanistica, prevista nei piani regolatori, non cambia: un sito agricolo ritorna tale dopo lo scavo, non può diventare edificabile. Caso diverso ma interessante è invece il polo estrattivo di San Niccolò: sul fondo ripianato della cava sarà installato un impianto fotovoltaico.

Un quadro molto più critico è tracciato invece da Luigi Rambelli, dirigente di Legambiente: “A monte e a valle della via Emilia è tutta una groviera di scavi. E’ significativo che gli ultimi studi di Nomisma registrino una caduta del settore immobiliare: c’è un eccesso di offerta. E i piani regolatori di tutta la regione prevedono si possa costruire ancora. Il meccanismo della legge regionale è formalmente ineccepibile, ma ci sono numeri che non tornano, e il commercio di materiali inerti è disastroso per il danno che reca al territorio”.

Rambelli denuncia, ad esempio, la cementificazione della Riviera romagnola, con oltre centomila “seconde case”, 72 km di costa costruiti e soli 8 km scoperti: praticamente un unico muro sul mare. “E poi, anche se l’impresa paga un indennizzo per scavare, bisogna valutare la sua reale congruità. E’ difficile parlare di vero ripristino. Al massimo si recupera l’area come zona umida o ad uso sportivo – ragiona l’ambientalista – che è più un meccanismo di mitigazione che un ripristino”. Rambelli punta il dito contro le strutture tecniche preposte alla valutazione dell’impatto ambientale: “In qualche caso, hanno agevolato escavazioni aberranti, come nella zona collinare tra Maranello e Vignola, vicino Modena, zona di produzione delle ceramiche. Lì sono insorti anche i cittadini, tra cui lo scrittore Valerio Massimo Manfredi, promuovendo comitati contro gli scavi”. Ultima stoccata dell’associazione ambientalista: “E’ irrealistico tener dietro alle ore di scavo e alle quantità. E’ impossibile controllare davvero quanto si scava”. E l’allarme è soprattutto per l’alveo del Po. La proposta dell’associazione è un contingentamento degli scavi e un meccanismo di recupero dei materiali delle demolizioni, così da evitare nuove cave.

C. G.

Al delicato tema delle concessioni di estrazione è dedicata l’inchiesta di Bernardo Iovene “La banda del buco“, nella puntata di Report del 3 aprile 2011:

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende