Home » Aziende »Eventi »Pratiche » Euforia da certificazione: tutti in Bocconi per l’etichetta “green”:

Euforia da certificazione: tutti in Bocconi per l’etichetta “green”

ottobre 9, 2012 Aziende, Eventi, Pratiche

“Innescare nell’economia reale un circolo virtuoso di buone pratiche e scelte che consentano di migliorare l’ambiente e aumentare la competitività”, è l’obiettivo del Ministero dell’Ambiente, ha ricordato Corrado Clini a conclusione dei lavori del convegno organizzato da Legambiente, lunedì 8 ottobre all’Università Bocconi di Milano, dal titolo “L’impronta ambientale dei prodotti“. Imprese e ambiente, dunque, i protagonisti dell’incontro nato per presentare i risultati del progetto “Etichetta per il Clima”, che ha permesso a centinaia di aziende di certificare la natura “ecosostenibile” dei propri prodotti.

Convenienza ecologica, low carbon cost, valore ambientale, riferimenti chiari per la spesa del consumatore, le parole d’ordine del progetto. “La qualità dell’ambiente, infatti, viene migliorata soprattutto grazie all’impegno di chi opera nei mercati e può agire in molti casi anche sulle abitudini dei consumatori”, ha sottolineato il Ministro. Dalla passata di pomodoro alla lampadina, dagli adesivi per il parquet fino ai meloni, per tutti la novità è un “bollino per il clima”, un modo per marchiare l’impronta ambientale dei prodotti.

Una platea piena di addetta ai lavori, fitta e attenta per tutta la mattinata di lunedì. Oltre 70 le imprese leader del Made in Italy che hanno aderito al programma del Ministero per la certificazione ambientale dei prodotti, illustrato da Martina Hauser, coordinatrice della task force per la valutazione dell’impronta ambientale del dicastero. Da Pirelli a GucciAntinori e Benetton, da Coop Italia alla società Autostrade, Acqua San Benedetto, Gancia Illy Caffè, da Telecom Italia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, Tasca d’AlmeritaUnicredit e, ancora, Università Tor Vergata di Roma, tutti hanno aderito agli accordi volontari lanciati dal progetto ministeriale, con inedito entusiasmo.

“L’Acqua San Benedetto, per esempio – racconta la Hauser – ha innescato un effetto a catena. Oggi in collaborazione con la Coop lancia il progetto per lo sviluppo di una filiera virtuosa del recupero del PET. La nuova bottiglia dell’acqua ha il 30% di PET reciclato, consuma il 13% in meno di energia e ha aumentato le vendite del 78%”. Tra i casi più interessanti quello sperimentato dall’Unviersità Cà Foscari di Venezia, che ha studiato la mobilità di studenti, docenti e dipendenti dell’Ateneo creando una “application” – scaricabile sui propri cellulari – con un calcolatore di CO2 per incentivare la diminuzione delle proprie emissioni. “Un successo enorme, soprattutto quando abbiamo messo a punto la metodologia del carbon management. Abbiamo messo in competizione tra loro i dipartimenti: chi consuma meno riceverà più soldi”, conclude la Hauser. “L’esperienza di questi anni”, ha osservato il Ministro Clini, “suggerisce che i consumatori finali sono sempre più sensibili al valore ambientale delle proprie scelte, e questo dato sta orientando le imprese ad assumere in misura crescente la certificazione ambientale del ciclo di vita dei propri prodotti, come scelta volontaria e strategica per accrescere la competitività in mercati sempre più esigenti ed attenti ai valori ambientali”.

Ma qual è lo stato dell’arte per l’analisi del ciclo di vita dei prodotti? Durante la mattinata del convegno si è tentato un approfondimento: dalle carbon footprint consolidatesi in alcuni paesi UE alle più recenti metodologie della Commissione Europea, ma anche l’evoluzione dello scenario italiano, attraverso le esperienze sperimentate con un certo successo dalla Fondazione Legambiente Innovazione e dall’Istituto Ambiente Italia, per etichette basate sulle emissioni di gas serra ed altri indicatori di prodotto. L’incontro è stato anche occasione, per Michele Galatola, della Direzione Generale “Ambiente” della Commissione Europea, di esporre le caratteristiche della nuova PEF  (Product Environmental Footoprint), per valutare la produzione e il consumo sostenibili in Europa. A raccontare l’esperienza del proprio paese sono infine intervenuti Sylvain Chevassus, del Mistero per lo Sviluppo Sostenibile francese, che ha riportato l’approccio d’Oltralpe all’etichettatura dei prodotti e Silvana Centty di Carbon Trust UK, per l’illustrazione della carbon footprint del Regno Unito.

Clima positivo e grande entusiasmo. Nella speranza che tutto ciò non lasci spazio, come troppo spesso accade, a operazioni di greenwashing.

Francesca Fradelloni

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende