Home » Aziende »Eventi »Pratiche » Euforia da certificazione: tutti in Bocconi per l’etichetta “green”:

Euforia da certificazione: tutti in Bocconi per l’etichetta “green”

ottobre 9, 2012 Aziende, Eventi, Pratiche

“Innescare nell’economia reale un circolo virtuoso di buone pratiche e scelte che consentano di migliorare l’ambiente e aumentare la competitività”, è l’obiettivo del Ministero dell’Ambiente, ha ricordato Corrado Clini a conclusione dei lavori del convegno organizzato da Legambiente, lunedì 8 ottobre all’Università Bocconi di Milano, dal titolo “L’impronta ambientale dei prodotti“. Imprese e ambiente, dunque, i protagonisti dell’incontro nato per presentare i risultati del progetto “Etichetta per il Clima”, che ha permesso a centinaia di aziende di certificare la natura “ecosostenibile” dei propri prodotti.

Convenienza ecologica, low carbon cost, valore ambientale, riferimenti chiari per la spesa del consumatore, le parole d’ordine del progetto. “La qualità dell’ambiente, infatti, viene migliorata soprattutto grazie all’impegno di chi opera nei mercati e può agire in molti casi anche sulle abitudini dei consumatori”, ha sottolineato il Ministro. Dalla passata di pomodoro alla lampadina, dagli adesivi per il parquet fino ai meloni, per tutti la novità è un “bollino per il clima”, un modo per marchiare l’impronta ambientale dei prodotti.

Una platea piena di addetta ai lavori, fitta e attenta per tutta la mattinata di lunedì. Oltre 70 le imprese leader del Made in Italy che hanno aderito al programma del Ministero per la certificazione ambientale dei prodotti, illustrato da Martina Hauser, coordinatrice della task force per la valutazione dell’impronta ambientale del dicastero. Da Pirelli a GucciAntinori e Benetton, da Coop Italia alla società Autostrade, Acqua San Benedetto, Gancia Illy Caffè, da Telecom Italia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, Tasca d’AlmeritaUnicredit e, ancora, Università Tor Vergata di Roma, tutti hanno aderito agli accordi volontari lanciati dal progetto ministeriale, con inedito entusiasmo.

“L’Acqua San Benedetto, per esempio – racconta la Hauser – ha innescato un effetto a catena. Oggi in collaborazione con la Coop lancia il progetto per lo sviluppo di una filiera virtuosa del recupero del PET. La nuova bottiglia dell’acqua ha il 30% di PET reciclato, consuma il 13% in meno di energia e ha aumentato le vendite del 78%”. Tra i casi più interessanti quello sperimentato dall’Unviersità Cà Foscari di Venezia, che ha studiato la mobilità di studenti, docenti e dipendenti dell’Ateneo creando una “application” – scaricabile sui propri cellulari – con un calcolatore di CO2 per incentivare la diminuzione delle proprie emissioni. “Un successo enorme, soprattutto quando abbiamo messo a punto la metodologia del carbon management. Abbiamo messo in competizione tra loro i dipartimenti: chi consuma meno riceverà più soldi”, conclude la Hauser. “L’esperienza di questi anni”, ha osservato il Ministro Clini, “suggerisce che i consumatori finali sono sempre più sensibili al valore ambientale delle proprie scelte, e questo dato sta orientando le imprese ad assumere in misura crescente la certificazione ambientale del ciclo di vita dei propri prodotti, come scelta volontaria e strategica per accrescere la competitività in mercati sempre più esigenti ed attenti ai valori ambientali”.

Ma qual è lo stato dell’arte per l’analisi del ciclo di vita dei prodotti? Durante la mattinata del convegno si è tentato un approfondimento: dalle carbon footprint consolidatesi in alcuni paesi UE alle più recenti metodologie della Commissione Europea, ma anche l’evoluzione dello scenario italiano, attraverso le esperienze sperimentate con un certo successo dalla Fondazione Legambiente Innovazione e dall’Istituto Ambiente Italia, per etichette basate sulle emissioni di gas serra ed altri indicatori di prodotto. L’incontro è stato anche occasione, per Michele Galatola, della Direzione Generale “Ambiente” della Commissione Europea, di esporre le caratteristiche della nuova PEF  (Product Environmental Footoprint), per valutare la produzione e il consumo sostenibili in Europa. A raccontare l’esperienza del proprio paese sono infine intervenuti Sylvain Chevassus, del Mistero per lo Sviluppo Sostenibile francese, che ha riportato l’approccio d’Oltralpe all’etichettatura dei prodotti e Silvana Centty di Carbon Trust UK, per l’illustrazione della carbon footprint del Regno Unito.

Clima positivo e grande entusiasmo. Nella speranza che tutto ciò non lasci spazio, come troppo spesso accade, a operazioni di greenwashing.

Francesca Fradelloni

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende