Home » Aziende »Politiche »Pratiche » Frodi nel biologico: la trasparenza della filiera internazionale per vincere la “Green War”:

Frodi nel biologico: la trasparenza della filiera internazionale per vincere la “Green War”

febbraio 6, 2014 Aziende, Politiche, Pratiche

Non c’è pace nel settore del biologico. Dopo la maxi operazione “Gatto con gli Stivali”, l’anno scorso, è stata la volta di “Green War”, condotta dall’Ispettorato Centrale Repressione Frodi dei Prodotti Agroalimentari e dalla Guardia di Finanza di Pesaro sul giro di importazione di granaglie di produzione ucraina e moldava via Malta. Ultima parte dell’offensiva, “Vertical Bio”, che si è concentrata sulle importazioni anche da Kazakistan e Romania. Prodotti organici falsi, coltivati con metodo convenzionale e poi fatti passare per biologici attraverso finte certificazioni. Il tutto con l’intervento anche di operatori italiani attivi nell’Est Europa.

Per i consumatori, il danno causato da queste truffe è difficilmente rimediabile. Prima della conclusione delle indagini, infatti, le partite di prodotti contraffatti sono rimaste sul mercato. “Non si dovrebbe aspettare la chiusura delle indagini per togliere dal mercato le merci sospette, che nel frattempo sono state acquistate da aziende in buona fede”, denuncia Fabrizio Piva, ad di Ccpb, uno dei maggiori enti di certificazione del biologico in Italia. Le autorità hanno sequestrato migliaia di tonnellate di soia, mais, lino e olio di colza. Molte altre erano già state immesse nell’industria agroalimentare sotto forma di mangimi e prodotti per le produzioni alimentari. E anche per gli operatori onesti, il danno d’immagine è innegabile.

Se la truffa sembra oggi bloccata, nella vicenda ci sono ancora elementi poco chiari. A partire, secondo Federbio, dal ruolo del Ministero delle Politiche Agricole. “Già a inizio 2012 e più volte durante l’anno avevamo segnalato la presenza di documenti falsi e comportamenti sospetti di alcuni operatori, tra cui l’organismo di certificazione Biozoo in Moldavia. Nell’estate dello stesso anno, visto che il Ministero continuava a non considerare le nostre segnalazioni, abbiamo messo in guardia direttamente le aziende del nostro sistema dall’acquisto di quei prodotti”, spiega il presidente di Federbio Paolo Carnemolla. La responsabilità principale del dicastero “è di non aver chiuso, ma anzi confermato con le autorizzazioni all’importazione i canali dell’Est Europa”.

Nel frattempo il sistema di commercio estero di materie prime biologiche è cambiato: non servono più autorizzazioni ministeriali, ma certificazioni rilasciate nel Paese d’origine dei prodotti da organismi di controllo riconosciuti dall’Unione Europea. Nuove regole che però, continua Carnemolla, “non miglioreranno la situazione, perché i certificati in ogni caso si possono sempre falsificare”.

Dunque, che fare? Visto che le importazioni, ragiona Piva, rimangono l’ambito dove ci sono le maggiori criticità, perché non è possibile tracciare un legame diretto tra le quantità importate e le aziende, con la loro capacità produttiva”, bisogna agire sulla filiera, rendendola più trasparente. “Collegando i carichi che arrivano via nave con le superfici che hanno reso possibile quella produzione, si capisce facilmente se c’è qualcosa di sospetto”.

L’antidoto, dunque, è svelare la filiera. “Anche secondo il giudice è necessario che ci sia tracciabilità e che vengano monitorate tutte le transazioni”, spiega Carnemolla. E se in Italia una piattaforma ministeriale per la tracciabilità del biologico ancora non c’è, Federbio ha lanciato ad aprile scorso la sua Integrity Platform in grado di gestire le superfici e la tracciabilità delle produzioni e delle transazioni per le materie prime biologiche per mangimi, cereali e granaglie. Dopo il periodo di test operativo che si concluderà a maggio, il sistema sarà pronto per essere utilizzato, e permetterà di tracciare una vera e propria mappa delle relazioni commerciali tra le aziende italiane e i propri fornitori esteri.

Proprio la trasparenza sarà uno dei grandi temi dell’edizione 2014 di Biofach, la più grande fiera europea di biologico che si apre il 12 febbraio a Norimberga. Gli operatori italiani presenti saranno 35, tra cui lo stesso Ccpb, diverse aziende agricole e marchi storici. L’intento è dimostrare che, nonostante le truffe imputabili a pochi soggetti scorretti, del biologico italiano ci si può fidare.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende