Home » Aziende »Non-Profit »Pratiche » GAS: a Monopoli si prepara lo “sbarco” di un modello economico alternativo:

GAS: a Monopoli si prepara lo “sbarco” di un modello economico alternativo

giugno 27, 2013 Aziende, Non-Profit, Pratiche

Per i GAS (Gruppi d’Acquisto Solidale) e i DES (Distretti dell’Economia Solidale), il 13° Incontro Nazionale – o “sbarco”, come lo chiamano loro – che si apre venerdì 28 giugno a Monopoli, in provincia di Bari, sarà un appuntamento decisivo. Per decidere se e come fare il salto, passando da fenomeno ancora ridotto e su piccola scala a valida alternativa ai modelli economici convenzionali. Con una variabile in più che complica le cose, ma apre anche opportunità inattese: “L’Unione Europea per il finanziamento di progetti nei prossimi sette anni punta molto sulla social innovation, di cui anche i GAS vengono considerati un esempio dallo stesso MIUR. “Ecco, la possibilità di ricevere finanziamenti europei rappresenta per noi un’occasione importante, ma anche un rischio da valutare bene: c’è il pericolo che si banalizzi l’economia solidale, confondendola con la green economy”, spiega Virginia Meo, presidente del comitato RES Puglia che organizza lo Sbarco. Due concetti che, per chi si muove nel primo perimetro, non sono sovrapponibili: l’economia solidale ha in qualche modo l’ambizione di rendere più locale e umana l’economia verde, basandola soprattutto sulle relazioni e la sostenibilità anche sociale ed etica.

La sfida di Monopoli, insomma, sarà quella di unirsi e darsi un’identità comune, oppure, in caso di fallimento, rischiare di rimanere tante piccole oasi. Perché le esperienze in atto funzionano, “la grande domanda adesso è come metterle in rete e diffonderle”. Prendiamo per esempio i Distretti dell’Economia Solidale: “Sono reti locali che mettono insieme produttori di beni e servizi come le assicurazioni e la finanza etica, consumatori critici, associazioni. Tutti soggetti locali che si mettono insieme per costruire un’economia basata sulle relazioni, sul rispetto dei lavoratori e dell’ambiente, sulla filiera corta”. Un esempio su tutti, il DES rurale Parco Sud Milano, in cui “è stata costituita una piccola filiera del grano biologico, basata su un patto tra produttori e consumatori. Questi ultimi hanno stimato di quanto pane avrebbero avuto bisogno in un anno, e di conseguenza quanta farina era necessaria, e pre-finanziato gli agricoltori. Sono poi stati individuati i mulini e i panifici per la produzione della farina e del pane”.

Molte esperienze come questa sono nel Nord Italia, dove i gruppi d’acquisto hanno una lunga tradizione, sono più grandi e più numerosi. Ma anche nel Sud Italia stanno nascendo esperienze interessanti: “Nel Meridione i GAS sono più giovani, ma in generale sono più connessi con i produttori del territorio. Forse anche per il fatto che in cittadine come Lecce è più facile incontrarsi rispetto a Milano, qui le relazioni tra consumatori critici e produttori sono più vicine. Se nei gruppi del Nord la riflessione si ferma spesso al consumo critico, nei nuovi GAS nati al sud essa va al di là e diventa una trasformazione culturale che dà a questi gruppi una valenza politica di cambiamento”. Cioè: non solo nuovi consumatori, ma anche nuovi cittadini.

Un esempio di questa evoluzione “culturale” è l’impegno dei GAS pugliesi per la revisione della proposta di legge regionale sul tema. “La Rete dell’economia solidale della Puglia è nata proprio a questo scopo, per cercare di evitare i potenziali danni che il testo così come era stato presentato poteva fare. E la legge poi approvata nell’autunno scorso conteneva molte delle modifiche richieste da noi. Per esempio, si è passati dai finanziamenti a pioggia a quelli su progetti specifici, in modo che anche l’ente pubblico sappia come gestisce i propri soldi. Inoltre, grazie al nostro lavoro, la legge prevede anche che i GAS siano collegati a piccoli produttori, locali e biologici, e che la qualità dei prodotti non sia garantita solo dagli enti di certificazione, ma anche da patti con i consumatori, che vanno a far visita alle aziende e verificano i metodi e i procedimenti”. Tutti presupposti su cui si basa quell’economia di relazioni che sempre di più dovrebbe alimentare i territori attraverso la nascita dei DES.

L’evento di Monopoli, spiegano gli organizzatori, “sarà il momento in cui fare il punto e costruire insieme nuove prospettive e alleanze, per potenziare e accrescere il nostro capitale sociale: GAS, DES, RES e Imprese solidali provenienti da tutta Italia si incontreranno per ragionare insieme di agricoltura biologica, filiera corta, tutela del lavoro, sostenibilità ambientale e molto altro. Per questo la presenza di aziende, enti e associazioni che operano nel rispetto di questi principi arricchisce la manifestazione, rendendola non solo un’occasione per il confronto di idee ma anche un luogo di scambio vero e proprio”. Da cui dipenderà un piccolo pezzo dell’Italia del futuro.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende