Home » Aziende »Non-Profit »Pratiche » GAS: a Monopoli si prepara lo “sbarco” di un modello economico alternativo:

GAS: a Monopoli si prepara lo “sbarco” di un modello economico alternativo

giugno 27, 2013 Aziende, Non-Profit, Pratiche

Per i GAS (Gruppi d’Acquisto Solidale) e i DES (Distretti dell’Economia Solidale), il 13° Incontro Nazionale – o “sbarco”, come lo chiamano loro – che si apre venerdì 28 giugno a Monopoli, in provincia di Bari, sarà un appuntamento decisivo. Per decidere se e come fare il salto, passando da fenomeno ancora ridotto e su piccola scala a valida alternativa ai modelli economici convenzionali. Con una variabile in più che complica le cose, ma apre anche opportunità inattese: “L’Unione Europea per il finanziamento di progetti nei prossimi sette anni punta molto sulla social innovation, di cui anche i GAS vengono considerati un esempio dallo stesso MIUR. “Ecco, la possibilità di ricevere finanziamenti europei rappresenta per noi un’occasione importante, ma anche un rischio da valutare bene: c’è il pericolo che si banalizzi l’economia solidale, confondendola con la green economy”, spiega Virginia Meo, presidente del comitato RES Puglia che organizza lo Sbarco. Due concetti che, per chi si muove nel primo perimetro, non sono sovrapponibili: l’economia solidale ha in qualche modo l’ambizione di rendere più locale e umana l’economia verde, basandola soprattutto sulle relazioni e la sostenibilità anche sociale ed etica.

La sfida di Monopoli, insomma, sarà quella di unirsi e darsi un’identità comune, oppure, in caso di fallimento, rischiare di rimanere tante piccole oasi. Perché le esperienze in atto funzionano, “la grande domanda adesso è come metterle in rete e diffonderle”. Prendiamo per esempio i Distretti dell’Economia Solidale: “Sono reti locali che mettono insieme produttori di beni e servizi come le assicurazioni e la finanza etica, consumatori critici, associazioni. Tutti soggetti locali che si mettono insieme per costruire un’economia basata sulle relazioni, sul rispetto dei lavoratori e dell’ambiente, sulla filiera corta”. Un esempio su tutti, il DES rurale Parco Sud Milano, in cui “è stata costituita una piccola filiera del grano biologico, basata su un patto tra produttori e consumatori. Questi ultimi hanno stimato di quanto pane avrebbero avuto bisogno in un anno, e di conseguenza quanta farina era necessaria, e pre-finanziato gli agricoltori. Sono poi stati individuati i mulini e i panifici per la produzione della farina e del pane”.

Molte esperienze come questa sono nel Nord Italia, dove i gruppi d’acquisto hanno una lunga tradizione, sono più grandi e più numerosi. Ma anche nel Sud Italia stanno nascendo esperienze interessanti: “Nel Meridione i GAS sono più giovani, ma in generale sono più connessi con i produttori del territorio. Forse anche per il fatto che in cittadine come Lecce è più facile incontrarsi rispetto a Milano, qui le relazioni tra consumatori critici e produttori sono più vicine. Se nei gruppi del Nord la riflessione si ferma spesso al consumo critico, nei nuovi GAS nati al sud essa va al di là e diventa una trasformazione culturale che dà a questi gruppi una valenza politica di cambiamento”. Cioè: non solo nuovi consumatori, ma anche nuovi cittadini.

Un esempio di questa evoluzione “culturale” è l’impegno dei GAS pugliesi per la revisione della proposta di legge regionale sul tema. “La Rete dell’economia solidale della Puglia è nata proprio a questo scopo, per cercare di evitare i potenziali danni che il testo così come era stato presentato poteva fare. E la legge poi approvata nell’autunno scorso conteneva molte delle modifiche richieste da noi. Per esempio, si è passati dai finanziamenti a pioggia a quelli su progetti specifici, in modo che anche l’ente pubblico sappia come gestisce i propri soldi. Inoltre, grazie al nostro lavoro, la legge prevede anche che i GAS siano collegati a piccoli produttori, locali e biologici, e che la qualità dei prodotti non sia garantita solo dagli enti di certificazione, ma anche da patti con i consumatori, che vanno a far visita alle aziende e verificano i metodi e i procedimenti”. Tutti presupposti su cui si basa quell’economia di relazioni che sempre di più dovrebbe alimentare i territori attraverso la nascita dei DES.

L’evento di Monopoli, spiegano gli organizzatori, “sarà il momento in cui fare il punto e costruire insieme nuove prospettive e alleanze, per potenziare e accrescere il nostro capitale sociale: GAS, DES, RES e Imprese solidali provenienti da tutta Italia si incontreranno per ragionare insieme di agricoltura biologica, filiera corta, tutela del lavoro, sostenibilità ambientale e molto altro. Per questo la presenza di aziende, enti e associazioni che operano nel rispetto di questi principi arricchisce la manifestazione, rendendola non solo un’occasione per il confronto di idee ma anche un luogo di scambio vero e proprio”. Da cui dipenderà un piccolo pezzo dell’Italia del futuro.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende