Home » Aziende »Pratiche » Georg Emprechtinger: a capo di un plotone di ingegneri e designer, per domare il legno:

Georg Emprechtinger: a capo di un plotone di ingegneri e designer, per domare il legno

febbraio 4, 2013 Aziende, Pratiche

Pochi soldi e sette bocche da sfamare, che fare? Quando Erwin Berghammer si pose, nel 1959, questo attualissimo interrogativo, trovò la soluzione nel “fare squadra” e fondare, a Ried, ai piedi delle Alpi salisburghesi, in Austria, una piccola falegnameria per la produzione di mobili, Team7 – in omaggio ai sette componenti della sua famiglia, ma anche alle sette essenze di legno utilizzate. Nel 1980 un’altra scelta determinante per il futuro dell’azienda: diventare pionieri nella produzione di mobili “ecologici”, in legno massello, trattato unicamente con procedimenti naturali. E poi ancora, nel 1999, il dilemma stilistico: restare fedeli all’impronta “rustica” delle origini o produrre arredamento “di design”? Oggi, grazie a questi tre momenti di crisi e alle ricette, di volta in volta, individuate dal management (fare squadra, puntare sulla sostenibilità e realizzare oggetti di design), Team7 fattura 79 milioni di euro, esporta in 30 paesi del mondo e riceve tra i 700 e i 1.000 ordini a settimana (+2% anche nel 2012, nonostante la pesantissima crisi del settore).

Raccontarlo, però, è certo più facile che farlo e Georg Emprechtinger, il nuovo proprietario e amministratore delegato – che nel 2006 ha definitivamente ricevuto, dal fondatore, le chiavi dell’azienda, dopo averla gestita per anni come general manager – non nasconde le difficoltà incontrate lungo il cammino e gli impegnativi momenti di scelta che hanno accompagnato la crescita dell’azienda. Lo abbiamo incontrato a Concorezzo, nel distretto brianzolo del mobile, dove da pochi giorni ha inaugurato, in collaborazione con Archilogo, un nuovo punto vendita per servire l’area milanese, che si aggiunge a una selezionatissima lista di distributori italiani, accomunati da una visione “green” del mobile, ancora molto pionieristica nel nostro Paese: Biogriva a Pinerolo (TO), Corti Progetto Natura a Treviglio (BG), la Bottega del Legno a Brescia, Grigiante Casa Bio a Dueville (VI), Nat – Arredare con la Natura a Trieste, Boiserie Riva a Roma. Tutti convinti che il futuro del mobile sia lungo la strada della sostenibilità ambientale tracciata da Team7, una sostenibilità, però, non austera, ma sposata alla salubrità e alla bellezza, che ricorda la recentissima dichiarazione di un altro austriaco (segno di un ritorno dell’Austria felix?), l’ex governatore della California, Arnold Schwarzenegger, secondo il quale l’ambientalismo e la green economy, se vogliono “ispirare il mondo”, devono adottareun nuovo stile, più sexy, più trendy“. Ecco, quello di Team7 sicuramente lo è.

D) Dott. Emprechtinger, come sintetizzerebbe il caso di successo di Team7?

R) Negli anni ’80 Erwin Berghammer, il fondatore, decise di convertire la produzione di mobili esclusivamente al “biologico” (organic, NdR), che per lui significava: legno massello, invecchiato, non trattato, sostenibile, durevole. Erwin era solito ripetere che un mobile deve durare almeno quanto l’albero ha impiegato a crescere. La sua filosofia (adottata a tutt’oggi) prevedeva inoltre di non usare materiali o componenti sintetici nocivi per la salute umana – come la formaldeide – ma unicamente colle all’acqua e oli naturali. In quegli anni l’azienda era in gravissima crisi finanziaria (quasi in bancarotta), ma si decise coraggiosamente di ristrutturarla puntando su qualcosa di completamente diverso dal mercato di massa allora dominante: qualità, salubrità e sostenibilità. L’idea di produrre mobili “biologici” fu assolutamente rivoluzionaria.

D) Un’ottima dimostrazione del fatto che perseguire seriamente la “sostenibilità”, abbinandola alla “qualità”, paga – anche dal punto di vista economico…

R) Esattamente, bisogna individuare la propria via e percorrerla. Competere con i cinesi sul prezzo, in una fascia bassa di mercato, sarebbe stato un suicidio. Ma le dirò di più: a mio avviso bisogna avere il coraggio di intraprendere le scelte più difficili anche per un altro motivo: più è complessa la tecnica che si sviluppa, più si diventa unici ed è difficile essere copiati. Guardi il sistema di allungamento brevettato per il tavolo Flaye, che abbiamo presentato alla fiera di ColoniaIl “green design” non è solo filosofia, funziona, ha successo, è sostenibile anche economicamente.

D) Questo è il lieto fine della storia (“a tree story”, come recita il vostro claim), ma immagino che arrivarci non sia stato immediato né senza problemi…

R) No, infatti. Quando entrai in azienda nel 1999 Team7 poteva già vantare una lunga storia di successo nel mobilio “biologico”, cresciuto negli anni ’80 e ’90, ma alla fine di quel periodo iniziò un calo delle vendite ed eravamo (come nel 1979) sul punto di perdere soldi. Si presentò dunque, di nuovo, la necessità di prendere una decisione su come procedere. Ci furono grandi discussioni, tra il management, ma anche con i rivenditori e con i clienti finali. A me fu chiaro che si dovesse seguire la via del “design”, che in Italia stava già ottenendo grande successo nel mondo – nonostante, ad essere onesti, molto “Italian design” fosse, paradossalmente, ispirato proprio al Bauhaus tedesco e austriaco! Decidemmo che bisognava insistere sui nostri valori fondanti e su quello che eravamo bravi a fare, ma di farlo aprendosi al design contemporaneo e alle tecnologie più innovative. Tenga presente che per il mondo del mobile “biologico” la tecnologia, all’epoca, rappresentava qualcosa di “cattivo”. Dovemmo quindi discutere per inserire, nei mobili, parti metalliche, in alternativa o in aggiunta a quelle in solo legno, come si era fatto sino a quel momento.

D) Fu dunque questo il punto di svolta per tornare a crescere?

R) Ci volle ancora un po’di tempo, in realtà. La nostra strategia – chiamata “design meets nature” – era chiara, ma come metterla in atto concretamente? La scelta fu di ricorrere a designer esterni, i migliori in circolazione. Ma non bastò nemmeno quello, perché non tutti sapevano come gestire un materiale vivente come il legno, che si evolve, si espande ecc. Non basta essere bravi designer, bisogna conoscere il legno, quello vero, il legno massello, non il falso legno che si trova solitamente nella maggior parte dei mobili. In ogni caso ci vollero altri tre anni prima di tornare a crescere, perché i nostri rivenditori dell’epoca non capirono né apprezzarono la scelta intrapresa, a partire da quella stilistica di avere spigoli, mentre il mobilio “biologico” al quale erano abituati i loro clienti (e ispirato alle forme della natura) era tutto “arrotondato” e smussato. Fu un brutto periodo, fatto di dubbi sul fatto che stessimo andando per la strada giusta e di errori da parte di alcuni designer, concentrati sull’aspetto estetico, ma non sulla funzionalità. Dovemmo sperimentare e imparare molto per venirne fuori. L’anno di svolta fu il 2003, ma non fu un grande salto, bensì una crescita progressiva, che continua tuttora.

D) Oggi il risultato è che il vostro arredamento non è solo più per case rustiche o di montagna, ma lo si può trovare anche in un appartamento a New York (o a Milano)…

R) Sì, oggi esportiamo anche negli Stati Uniti. In generale esportiamo l’84% della produzione, principalmente in Germania, Svizzera, Italia, Francia e Benelux.

D) Chi considerate i vostri competitors nel mondo dell’arredamento ecologico?

R) Se si tiene presente che tutti i nostri progetti partono dai boschi di nostra proprietà, che ogni progetto è, in qualche modo unico, su ordine, senza produzione seriale di massa,e che ogni pezzo è selezionato a mano, con una ricerca estrema della qualità, allora siamo unici al mondo. Si tratta di farlo comprendere al pubblico e questo è un altro problema – di comunicazione. Qualcuno, di fronte a un nostro tavolo, potrebbe dire “beh, è semplicemente un tavolo”, dobbiamo essere noi a spiegargli cosa c’è dietro, raccontando la tecnologia che lo accompagna, ma soprattutto facendola vedere e toccare con mano, così che ci sia anche una comprensione “emozionale”.

D) L’emozione di tradizione e innovazione unite insieme, che è anche una delle migliori strategie di successo, in tanti settori…

R) Esattamente. Ma in questo caso, dietro, non c’è solo design “di punta”, ma anche tecnologia “di punta”. Noi oggi dobbiamo evadere da 700 a 1000 ordini alla settimana – dalla cucina o camera completa, fino al singolo tavolino da caffè – e questo significa lavorare almeno 700 pezzi di legno a settimana, in forme e modi diversi. E’una grande sfida organizzativa, che richiede 630 persone, tra le quali un intero “plotone” di ingegneri, per essere sicuri che tutto sia perfetto e poter andare in produzione.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende