Home » Non-Profit »Pratiche » Giornalisti nell’Erba: voci dall’informazione ambientale del futuro:

Giornalisti nell’Erba: voci dall’informazione ambientale del futuro

dicembre 5, 2013 Non-Profit, Pratiche

Andrea, 19 anni, è  già stato nominato Alfiere della Repubblica per il suo impegno nell’informazione ambientale e Paola, di 12, da qualche anno organizza giornate dedicate alla pulizia del suo quartiere. Eric, che di anni ne ha solo 9, mi ha aperto gli occhi sulla biomimesi, e Martina, 22 e una laurea in Beni Culturali in tasca, è già pronta per fare della sua passione un lavoro. Non tutti i 5.000 bambini e ragazzi coinvolti in Giornalisti nell’Erba da grandi continueranno questa strada, ma è anche grazie a loro se chi ha a cuore l’informazione ambientale in Italia può dormire sonni più tranquilli.

Tutto nasce nel 2006, quando a Paola Bolaffio, giornalista che fino a quel momento si era occupata di cronaca giudiziaria, viene l’idea di creare un progetto nazionale e internazionale di giornalismo e comunicazione ambientale, articolato in un premio, eventi, formazione, laboratori e un giornale on line. Giornalistinellerba.it vede la luce a maggio 2011: dietro c’è una rete di giovani e giovanissimi reporter di tutta Italia, più diversi corrispondenti europei, coordinati e aiutati da un gruppo di giornalisti ed esperti, oltre che da genitori e insegnanti.

Ogni giorno i redattori in erba scrivono di paesaggio, casi di inquinamento e violazioni ambientali, ma anche delle buone idee della green economy e di ciò che avviene all’estero. “GNE è un progetto di sensibilizzazione alla tutela ambientale e alla sua efficace comunicazione, è una palestra, un laboratorio permanente.  Non esiste una selezione, perché anche il Premio Nazionale di Giornalismo Ambientale non è selettivo: chi vuole entrare in rete lo fa e basta”, racconta la Bolaffio, direttore della testata. E oltre a insegnare ai ragazzi un giornalismo sano, rigoroso, in grado di scovare notizie interessanti, si ottengono altri ottimi risultati: “Sensibilizzazione ambientale, stimolo della curiosità, acquisizione di sicurezza in se stessi – al giornalista è permesso fare ogni tipo di domanda e a chiunque, senza timore di non esser presi sul serio –, esercizio di una lingua più sintetica ma completa ed efficace. Molti insegnanti ringraziano per questa idea, perché usano ‘la curiosità del giornalista come metodo didattico’”.

Tanti hanno cominciato l’avventura perché sono appassionati di ambiente e sono attratti da una professione affascinante. Quasi per scherzo hanno partecipato al concorso giornalistico e poi hanno deciso di far parte della rete: “E’ una redazione , ma anche una grande famiglia”, racconta Martina Cavallaro, oggi corrispondente dalla Lombardia, che ha iniziato a collaborare con GNE sei anni fa: “Allora non avevo ben chiaro cosa volessi fare da grande, ma in quel periodo si era riacceso il dibattito sulla riapertura delle centrali nucleari, e il tema mi interessava molto. Scrivere mi sembrava l’unico modo per dare il mio piccolo contributo. Dopo essere stata premiata con il mio lavoro sull’energia atomica, ho continuato a scrivere e mi si è aperto un mondo. Questo progetto mi ha cambiato la vita: ho imparato a non essere timida, ma anche a informarmi prima di parlare e fare domande”.

Ci si diverte, e si impara molto. Eric Barbizzi, 9 anni, è stato nominato, un anno fa, Responsabile della sezione Esteri del giornale (il più giovane al mondo!): “E’ un onore. Mi permette di contattare molte persone straniere e di entrare in contatto con grandi organizzazioni internazionali”. Lavorando per GNE ha scoperto la biomimesi: “Riguarda come le persone costruiscono macchine per risolvere problemi imitando gli animali. E’ un settore che ho scoperto facendo il primo video per il concorso: l’idea da cui ero partito era che la terra non ci dà solo il cibo e le risorse, ma anche idee geniali”, racconta scegliendo le parole con cura nonostante l’età.

E grazie alla conoscenza si diventa più consapevoli. Claudia Cusimano, per esempio, fa ancora la seconda media ma è in prima linea per rendere più verde il quartiere Uditore a Palermo, dove vive: “Ho seguito la nascita del parco Uditore, che poche settimane fa ha compiuto un anno”. Insieme alle amiche, Claudia ha fondato l’associazione Natura Rispettiamola, che una volta al mese organizza iniziative per pulire le strade della zona: “Il quartiere era  molto degradato, per questo la gente ha aderito. E con il mio impegno sono riuscita anche a coinvolgere le mie compagne di classe”. Sì, perché spesso, oltre che giornalisti, i giovani reporter di GNE diventano anche ottimi ambasciatori. Andrea Sorrentino, oggi vicedirettore del giornale, ha partecipato al concorso nel 2011 con un’analisi della percezione delle questioni ambientali da parte dei suoi coetanei: “I risultati erano stati un po’ sconcertanti. Ma negli ultimi anni sta cominciando a cambiare qualcosa. I miei compagni di classe, leggendo i miei articoli, sono diventati un po’ più responsabili”, racconta. Intanto lui si divide tra la facoltà di Economia – “l’ho scelta per approfondire i temi della green economy” – e il sogno di fare il giornalista. Non tutto è perduto, dunque, in questa Italia allo sfascio. L’informazione ambientale di domani ha già qualche giovane promessa.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende