Home » Non-Profit »Pratiche » Giornalisti nell’Erba: voci dall’informazione ambientale del futuro:

Giornalisti nell’Erba: voci dall’informazione ambientale del futuro

dicembre 5, 2013 Non-Profit, Pratiche

Andrea, 19 anni, è  già stato nominato Alfiere della Repubblica per il suo impegno nell’informazione ambientale e Paola, di 12, da qualche anno organizza giornate dedicate alla pulizia del suo quartiere. Eric, che di anni ne ha solo 9, mi ha aperto gli occhi sulla biomimesi, e Martina, 22 e una laurea in Beni Culturali in tasca, è già pronta per fare della sua passione un lavoro. Non tutti i 5.000 bambini e ragazzi coinvolti in Giornalisti nell’Erba da grandi continueranno questa strada, ma è anche grazie a loro se chi ha a cuore l’informazione ambientale in Italia può dormire sonni più tranquilli.

Tutto nasce nel 2006, quando a Paola Bolaffio, giornalista che fino a quel momento si era occupata di cronaca giudiziaria, viene l’idea di creare un progetto nazionale e internazionale di giornalismo e comunicazione ambientale, articolato in un premio, eventi, formazione, laboratori e un giornale on line. Giornalistinellerba.it vede la luce a maggio 2011: dietro c’è una rete di giovani e giovanissimi reporter di tutta Italia, più diversi corrispondenti europei, coordinati e aiutati da un gruppo di giornalisti ed esperti, oltre che da genitori e insegnanti.

Ogni giorno i redattori in erba scrivono di paesaggio, casi di inquinamento e violazioni ambientali, ma anche delle buone idee della green economy e di ciò che avviene all’estero. “GNE è un progetto di sensibilizzazione alla tutela ambientale e alla sua efficace comunicazione, è una palestra, un laboratorio permanente.  Non esiste una selezione, perché anche il Premio Nazionale di Giornalismo Ambientale non è selettivo: chi vuole entrare in rete lo fa e basta”, racconta la Bolaffio, direttore della testata. E oltre a insegnare ai ragazzi un giornalismo sano, rigoroso, in grado di scovare notizie interessanti, si ottengono altri ottimi risultati: “Sensibilizzazione ambientale, stimolo della curiosità, acquisizione di sicurezza in se stessi – al giornalista è permesso fare ogni tipo di domanda e a chiunque, senza timore di non esser presi sul serio –, esercizio di una lingua più sintetica ma completa ed efficace. Molti insegnanti ringraziano per questa idea, perché usano ‘la curiosità del giornalista come metodo didattico’”.

Tanti hanno cominciato l’avventura perché sono appassionati di ambiente e sono attratti da una professione affascinante. Quasi per scherzo hanno partecipato al concorso giornalistico e poi hanno deciso di far parte della rete: “E’ una redazione , ma anche una grande famiglia”, racconta Martina Cavallaro, oggi corrispondente dalla Lombardia, che ha iniziato a collaborare con GNE sei anni fa: “Allora non avevo ben chiaro cosa volessi fare da grande, ma in quel periodo si era riacceso il dibattito sulla riapertura delle centrali nucleari, e il tema mi interessava molto. Scrivere mi sembrava l’unico modo per dare il mio piccolo contributo. Dopo essere stata premiata con il mio lavoro sull’energia atomica, ho continuato a scrivere e mi si è aperto un mondo. Questo progetto mi ha cambiato la vita: ho imparato a non essere timida, ma anche a informarmi prima di parlare e fare domande”.

Ci si diverte, e si impara molto. Eric Barbizzi, 9 anni, è stato nominato, un anno fa, Responsabile della sezione Esteri del giornale (il più giovane al mondo!): “E’ un onore. Mi permette di contattare molte persone straniere e di entrare in contatto con grandi organizzazioni internazionali”. Lavorando per GNE ha scoperto la biomimesi: “Riguarda come le persone costruiscono macchine per risolvere problemi imitando gli animali. E’ un settore che ho scoperto facendo il primo video per il concorso: l’idea da cui ero partito era che la terra non ci dà solo il cibo e le risorse, ma anche idee geniali”, racconta scegliendo le parole con cura nonostante l’età.

E grazie alla conoscenza si diventa più consapevoli. Claudia Cusimano, per esempio, fa ancora la seconda media ma è in prima linea per rendere più verde il quartiere Uditore a Palermo, dove vive: “Ho seguito la nascita del parco Uditore, che poche settimane fa ha compiuto un anno”. Insieme alle amiche, Claudia ha fondato l’associazione Natura Rispettiamola, che una volta al mese organizza iniziative per pulire le strade della zona: “Il quartiere era  molto degradato, per questo la gente ha aderito. E con il mio impegno sono riuscita anche a coinvolgere le mie compagne di classe”. Sì, perché spesso, oltre che giornalisti, i giovani reporter di GNE diventano anche ottimi ambasciatori. Andrea Sorrentino, oggi vicedirettore del giornale, ha partecipato al concorso nel 2011 con un’analisi della percezione delle questioni ambientali da parte dei suoi coetanei: “I risultati erano stati un po’ sconcertanti. Ma negli ultimi anni sta cominciando a cambiare qualcosa. I miei compagni di classe, leggendo i miei articoli, sono diventati un po’ più responsabili”, racconta. Intanto lui si divide tra la facoltà di Economia – “l’ho scelta per approfondire i temi della green economy” – e il sogno di fare il giornalista. Non tutto è perduto, dunque, in questa Italia allo sfascio. L’informazione ambientale di domani ha già qualche giovane promessa.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende