Home » Eventi »Idee »Internazionali »Nazionali »Non-Profit »Politiche »Pratiche » Global Power Shift! Da Istanbul il nuovo movimento globale per il clima:

Global Power Shift! Da Istanbul il nuovo movimento globale per il clima Top Contributors

 

Pubblichiamo il resoconto di Veronica Caciagli, collaboratrice di Greenews.info e presidente dell’Italian Climate Network, sull’appassionante incontro organizzato a Istanbul la scorsa settimana dal network di attivisti per il clima 350.org.

VeronicaClima @Global Power Shift

VeronicaClima @Global Power Shift

Rastko viene dalla Serbia: è un documentarista freelance che ha cominciato la sua attività negli anni della guerra. Adesso la battaglia è per il suo quartiere a Belgrado, Obrenovac, dove viene prodotto il 60% dell’energia serba tramite uno stabilimento alimentato a carbone. Nasveen vive a Calcutta: lotta contro le centrali a carbone ed è stato arrestato più volte nelle manifestazioni. Cen è di Istanbul, fino a sabato scorso ha partecipato all’occupazione di Gezi Park. Edoardo è un social media expert, arrivato dal Brasile per dare lezioni di digital campaigning. Sun lavora invece con le donne, nelle Filippine, in un progetto di forestazione ed empowerment femminile. Sono solo alcune delle 500 storie di attivismo ambientale della “Fase 1″ del Global Power Shift, il meeting globale organizzato dal network per il clima 350.org a Istanbul.

135 i Paesi presenti, per un appuntamento candidato a diventare una pietra miliare dell’ambientalismo: nel corso dei 6 giorni dell’evento i partecipanti si sono formati con le best practices di attivismo ambientale, con sessioni di formazione su policy, rapporti con i media, digital campaigning, organizzazione di azioni non violente. Molti i momenti di discussione e di networking tra gruppi regionali e interregionali, con la sessione plenaria a cui hanno preso parte alcuni ospiti di eccezione. Particolarmente emotivo l’intervento di Christiana Figueres, segretario generale dell’UNFCCC: “Giovani, donne: preparatevi a diventare leader e a prendere decisioni!” .

Tre sono le aree di azione sui cui ci chiede di lavorare: “creare una voce”, un movimento di scala globale capace di influenzare le decisioni politiche; “scegliere“, esercitando il nostro potere quotidiano come consumatori attenti e scegliendo i prodotti in base alla provenienza, alla carbon footprint, all’impatto sociale: “Non possiamo più permetterci di consumare indiscriminatamente ciò che ci viene offerto, dobbiamo essere in grado di scegliere consapevolmente: il consumo critico è capace di cambiare la produzione. Perciò dobbiamo insistere sulla trasparenza e sulla pubblicazione della carbon footprint dei prodotti e delle aziende.” Ultimo punto, “l’equilibrio tra politica, tecnologia e finanza”, il triangolo magico a base della trasformazione. Certo, avere un ruolo politico non è facile: ”Ho visto gli occhi delle generazioni future, che mi chiedevano che cosa ho fatto. I did everything that I could. Everything.“ Ha dichiarato la Figueres con la voce strozzata dalla commozione.

 

Ospite illustre anche Kumi Naidoo, direttore generale di Greenpeace International, che ha portato una scarica di energia, incitando i partecipanti, donne e uomini tra i 20 e i 40 anni, a non aspettare e a “divenire i leader di oggi”. Nella conferenza stampa, Kumi Naidoo ha inviato un messaggio all’Italia: “è importante rafforzare il movimento per il clima in Italia,  in modo che possa divenire un leader nell’energia pulita. Penso che l’Italia sia pronta per questo. Nell’ultima giornata di sabato Kumi Naidoo è stato anche il leader della manifestazione No Coal, con migliaia di persone che hanno sfilato per le strade di Kadikoy al grido “Climate Giustice now!”.

Questa è solo la prima fase del Global Power Shift: la seconda parte sarà attuata dai team nazionali, per portare il cambiamento del sistema energetico in tutto il mondo. I punti in comune delle azioni locali riguarderanno un impegno contro le fonti fossili di energia (in primis contro il carbone, ma anche petrolio e gas), ma con un approccio positivo, cercando di incentivare soluzioni alternative e comunicate in modo innovativo. Ogni gruppo locale può decidere in autonomia quali sono i punti principali per incoraggiare la transizione energetica: in Italia l’Italian Climate Network coordinerà la nuova rete per il clima e il Global Power Shift, con attività di comunicazione sulla scienza del clima, un evento sull’adattamento e una campagna a favore dell’abolizione dei sussidi alle fonti fossili di energia.

Veronica Caciagli*

*Presidente Italian Climate Network

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende