Home » Eventi »Idee »Internazionali »Nazionali »Non-Profit »Politiche »Pratiche » Global Power Shift! Da Istanbul il nuovo movimento globale per il clima:

Global Power Shift! Da Istanbul il nuovo movimento globale per il clima Top Contributors

 

Pubblichiamo il resoconto di Veronica Caciagli, collaboratrice di Greenews.info e presidente dell’Italian Climate Network, sull’appassionante incontro organizzato a Istanbul la scorsa settimana dal network di attivisti per il clima 350.org.

VeronicaClima @Global Power Shift

VeronicaClima @Global Power Shift

Rastko viene dalla Serbia: è un documentarista freelance che ha cominciato la sua attività negli anni della guerra. Adesso la battaglia è per il suo quartiere a Belgrado, Obrenovac, dove viene prodotto il 60% dell’energia serba tramite uno stabilimento alimentato a carbone. Nasveen vive a Calcutta: lotta contro le centrali a carbone ed è stato arrestato più volte nelle manifestazioni. Cen è di Istanbul, fino a sabato scorso ha partecipato all’occupazione di Gezi Park. Edoardo è un social media expert, arrivato dal Brasile per dare lezioni di digital campaigning. Sun lavora invece con le donne, nelle Filippine, in un progetto di forestazione ed empowerment femminile. Sono solo alcune delle 500 storie di attivismo ambientale della “Fase 1″ del Global Power Shift, il meeting globale organizzato dal network per il clima 350.org a Istanbul.

135 i Paesi presenti, per un appuntamento candidato a diventare una pietra miliare dell’ambientalismo: nel corso dei 6 giorni dell’evento i partecipanti si sono formati con le best practices di attivismo ambientale, con sessioni di formazione su policy, rapporti con i media, digital campaigning, organizzazione di azioni non violente. Molti i momenti di discussione e di networking tra gruppi regionali e interregionali, con la sessione plenaria a cui hanno preso parte alcuni ospiti di eccezione. Particolarmente emotivo l’intervento di Christiana Figueres, segretario generale dell’UNFCCC: “Giovani, donne: preparatevi a diventare leader e a prendere decisioni!” .

Tre sono le aree di azione sui cui ci chiede di lavorare: “creare una voce”, un movimento di scala globale capace di influenzare le decisioni politiche; “scegliere“, esercitando il nostro potere quotidiano come consumatori attenti e scegliendo i prodotti in base alla provenienza, alla carbon footprint, all’impatto sociale: “Non possiamo più permetterci di consumare indiscriminatamente ciò che ci viene offerto, dobbiamo essere in grado di scegliere consapevolmente: il consumo critico è capace di cambiare la produzione. Perciò dobbiamo insistere sulla trasparenza e sulla pubblicazione della carbon footprint dei prodotti e delle aziende.” Ultimo punto, “l’equilibrio tra politica, tecnologia e finanza”, il triangolo magico a base della trasformazione. Certo, avere un ruolo politico non è facile: ”Ho visto gli occhi delle generazioni future, che mi chiedevano che cosa ho fatto. I did everything that I could. Everything.“ Ha dichiarato la Figueres con la voce strozzata dalla commozione.

 

Ospite illustre anche Kumi Naidoo, direttore generale di Greenpeace International, che ha portato una scarica di energia, incitando i partecipanti, donne e uomini tra i 20 e i 40 anni, a non aspettare e a “divenire i leader di oggi”. Nella conferenza stampa, Kumi Naidoo ha inviato un messaggio all’Italia: “è importante rafforzare il movimento per il clima in Italia,  in modo che possa divenire un leader nell’energia pulita. Penso che l’Italia sia pronta per questo. Nell’ultima giornata di sabato Kumi Naidoo è stato anche il leader della manifestazione No Coal, con migliaia di persone che hanno sfilato per le strade di Kadikoy al grido “Climate Giustice now!”.

Questa è solo la prima fase del Global Power Shift: la seconda parte sarà attuata dai team nazionali, per portare il cambiamento del sistema energetico in tutto il mondo. I punti in comune delle azioni locali riguarderanno un impegno contro le fonti fossili di energia (in primis contro il carbone, ma anche petrolio e gas), ma con un approccio positivo, cercando di incentivare soluzioni alternative e comunicate in modo innovativo. Ogni gruppo locale può decidere in autonomia quali sono i punti principali per incoraggiare la transizione energetica: in Italia l’Italian Climate Network coordinerà la nuova rete per il clima e il Global Power Shift, con attività di comunicazione sulla scienza del clima, un evento sull’adattamento e una campagna a favore dell’abolizione dei sussidi alle fonti fossili di energia.

Veronica Caciagli*

*Presidente Italian Climate Network

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende