Home » Eventi »Idee »Internazionali »Nazionali »Non-Profit »Politiche »Pratiche » Global Power Shift! Da Istanbul il nuovo movimento globale per il clima:

Global Power Shift! Da Istanbul il nuovo movimento globale per il clima Top Contributors

 

Pubblichiamo il resoconto di Veronica Caciagli, collaboratrice di Greenews.info e presidente dell’Italian Climate Network, sull’appassionante incontro organizzato a Istanbul la scorsa settimana dal network di attivisti per il clima 350.org.

VeronicaClima @Global Power Shift

VeronicaClima @Global Power Shift

Rastko viene dalla Serbia: è un documentarista freelance che ha cominciato la sua attività negli anni della guerra. Adesso la battaglia è per il suo quartiere a Belgrado, Obrenovac, dove viene prodotto il 60% dell’energia serba tramite uno stabilimento alimentato a carbone. Nasveen vive a Calcutta: lotta contro le centrali a carbone ed è stato arrestato più volte nelle manifestazioni. Cen è di Istanbul, fino a sabato scorso ha partecipato all’occupazione di Gezi Park. Edoardo è un social media expert, arrivato dal Brasile per dare lezioni di digital campaigning. Sun lavora invece con le donne, nelle Filippine, in un progetto di forestazione ed empowerment femminile. Sono solo alcune delle 500 storie di attivismo ambientale della “Fase 1″ del Global Power Shift, il meeting globale organizzato dal network per il clima 350.org a Istanbul.

135 i Paesi presenti, per un appuntamento candidato a diventare una pietra miliare dell’ambientalismo: nel corso dei 6 giorni dell’evento i partecipanti si sono formati con le best practices di attivismo ambientale, con sessioni di formazione su policy, rapporti con i media, digital campaigning, organizzazione di azioni non violente. Molti i momenti di discussione e di networking tra gruppi regionali e interregionali, con la sessione plenaria a cui hanno preso parte alcuni ospiti di eccezione. Particolarmente emotivo l’intervento di Christiana Figueres, segretario generale dell’UNFCCC: “Giovani, donne: preparatevi a diventare leader e a prendere decisioni!” .

Tre sono le aree di azione sui cui ci chiede di lavorare: “creare una voce”, un movimento di scala globale capace di influenzare le decisioni politiche; “scegliere“, esercitando il nostro potere quotidiano come consumatori attenti e scegliendo i prodotti in base alla provenienza, alla carbon footprint, all’impatto sociale: “Non possiamo più permetterci di consumare indiscriminatamente ciò che ci viene offerto, dobbiamo essere in grado di scegliere consapevolmente: il consumo critico è capace di cambiare la produzione. Perciò dobbiamo insistere sulla trasparenza e sulla pubblicazione della carbon footprint dei prodotti e delle aziende.” Ultimo punto, “l’equilibrio tra politica, tecnologia e finanza”, il triangolo magico a base della trasformazione. Certo, avere un ruolo politico non è facile: ”Ho visto gli occhi delle generazioni future, che mi chiedevano che cosa ho fatto. I did everything that I could. Everything.“ Ha dichiarato la Figueres con la voce strozzata dalla commozione.

 

Ospite illustre anche Kumi Naidoo, direttore generale di Greenpeace International, che ha portato una scarica di energia, incitando i partecipanti, donne e uomini tra i 20 e i 40 anni, a non aspettare e a “divenire i leader di oggi”. Nella conferenza stampa, Kumi Naidoo ha inviato un messaggio all’Italia: “è importante rafforzare il movimento per il clima in Italia,  in modo che possa divenire un leader nell’energia pulita. Penso che l’Italia sia pronta per questo. Nell’ultima giornata di sabato Kumi Naidoo è stato anche il leader della manifestazione No Coal, con migliaia di persone che hanno sfilato per le strade di Kadikoy al grido “Climate Giustice now!”.

Questa è solo la prima fase del Global Power Shift: la seconda parte sarà attuata dai team nazionali, per portare il cambiamento del sistema energetico in tutto il mondo. I punti in comune delle azioni locali riguarderanno un impegno contro le fonti fossili di energia (in primis contro il carbone, ma anche petrolio e gas), ma con un approccio positivo, cercando di incentivare soluzioni alternative e comunicate in modo innovativo. Ogni gruppo locale può decidere in autonomia quali sono i punti principali per incoraggiare la transizione energetica: in Italia l’Italian Climate Network coordinerà la nuova rete per il clima e il Global Power Shift, con attività di comunicazione sulla scienza del clima, un evento sull’adattamento e una campagna a favore dell’abolizione dei sussidi alle fonti fossili di energia.

Veronica Caciagli*

*Presidente Italian Climate Network

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende