Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » GPP: la difficoltà di pesare i risultati:

GPP: la difficoltà di pesare i risultati

Courtesy of epSos.de, FLickr.comSi stima che gli acquisti di beni e servizi della Pubblica Amministrazione rappresentino in Italia circa il 17% del Prodotto Interno Lordo. Per questo motivo, negli ultimi anni, a fronte di una crisi ecologica sempre più incalzante, dall’Unione Europea fino al singolo Comune si sono prodotte, una serie di “norme finalizzate ad incoraggiare il Green Public Procurement (GPP), ovvero l’acquisto di materiali a ridotto impatto ambientale.

Le istituzioni incoraggiano la possibilità di inserire la variabile ambientale come criterio di valorizzazione per gli acquisti pubblici, finalizzata da un lato a diminuire il loro impatto ambientale, dall’altro a favorire un “effetto traino” sul mercato dei prodotti ecologici.

La Pubblica Amministrazione, se vuole, può dunque oggi acquistare verde. Se però, non vogliamo limitarci a prendere atto delle normative, linee guida, manuali e circolari esistenti, ma desideriamo capire quanto sia diffusa la pratica del GPP, la cosa non è immediata. Di fatto non esiste un osservatorio nazionale in grado di quantificare il peso degli acquisti verdi all’interno degli acquisti della Pubblica Amministrazione, ma esistono una serie di studi, ricerche e progetti che forniscono dati e informazioni. Navigando tra i più importanti è possibile farsi un’idea sullo stato del GPP in Italia.

Il GPPinfoNET è un portarle finanziato dalla Commissione Europea che ha l’obiettivo di informare diffusamente e sistematicamente gli Enti Locali sull’opportunità degli acquisti verdi. Tale progetto è servito da stimolo a molti Enti locali che vi hanno aderito e hanno a loro volta messo in campo azioni per la promozione e diffusione del GPP. Vediamo, a titolo di esempio, i risultati ottenuti da Lombardia e Piemonte

In Lombardia  ha preso avvio, nel 2009, il progetto “A scuola di GPP”. Coordinato dalla Provincia di Cremona con il supporto dell’Autorità Ambientale Regionale, coinvolge 74 Enti di vari livelli. Nell’ambito del Forum Compraverde (Cremona 7-8 ottobre 2010) è stato presentato uno studio sui risparmi economici degli acquisti verdi a cura della società Ecosistemi.. Nel dossier si costruiscono scenari di forte implementazione del GPP in ambito regionale e si stimano riduzioni del 23% di Co2, con un risparmio economico di circa 20 milioni di euro

In Piemonte, nel 2009 è quadruplicata la spesa dalla rete APE (Acquisti Pubblici Ecologici) della Provincia di Torino, che ammonta a 65 milioni di euro, con un incremento di quasi il 400% rispetto all’anno precedente (48 milioni di euro in più). La rete dei soggetti che aderiscono al progetto conta oggi 37 Enti tra Comuni e Comunità montane, l’Università di Torino, Parchi, Consorzi di servizi pubblici, Agenzie per lo sviluppo del Territorio, Associazioni culturali, una Camera di Commercio, una scuola e un presidio sanitario.

Ma considerando l’intero panorama nazionale, per raggiungere i target europei, c’è ancora molta strada da fare. L’Unione Europea infatti prevede che, entro la fine del 2010, il 50% di tutte le proprie gare di appalto dovrà essere destinato a soggetti in grado di soddisfare dei precisi criteri ecologici - il che è, con tutta evidenza, impossibile.

Altre informazione sul GPP la troviamo nell’ambito del  progetto europeo “PROMISE”, che vede coinvolti ERVET Emilia-Romagna assieme a Regione Liguria Regione Lazio, ANCC e Confindustria Liguria. E’ stata realizzata una ricerca a livello nazionale per indagare le dinamiche delle scelteverdi” per quattro diverse categorie: produttori, distributori consumatori e Pubblica Amministrazione, per un totale di oltre 8.300 questionari raccolti. L’analisi dei dati raccolti presso le Pubbliche Amministrazioni delle regioni Emilia Romagna, Liguria e Lazio, ha rilevato che il 60% degli intervistati introduce criteri ecologici nei bandi di gara di acquisto. Un maggiore disinvoltura nella pratica del GPP è rilevabile negli Enti di grandi dimensioni. La minor diffusione degli acquisti verdi nei piccoli comuni è imputabile in parte anche a una difficoltà del personale ad essere informato e adeguatamente formato. Tra le difficoltà ̀ espresse, nell’85% dei casi c’è quella relativa alla redazione dei bandi “verdi”. Altri ostacoli  riguardano la percezione dei prodotti verdi come “prodotti più costosi” rispetto a quelli tradizionali (53%), così come la difficoltà a reperire fornitori di prodotti/servizi verdi (33%), nonché la non adeguata conoscenza dei marchi (33%). I prodotti verdi in commercio più frequentemente acquistati nelle PA sono carta riciclata, apparecchiature elettroniche a basso consumo energetico, alimenti biologici, energia prodotta da fonti rinnovabili. I marchi più valorizzati sono FSC per la carta, Energy Label per le apparecchiature elettroniche, Biologico ed Equo e Solidale per i prodotti alimentari.

Dallo sguardo d’insieme sul panorama nazionale del GPP si percepisce dunque, in conclusione, un discreto e lodevole fermento di molti Enti Locali volenterosi nell’implementare gli acquisti verdi ma, dall’altro lato, una serie di difficoltà che ancora  impediscono la loro massiccia diffusione. Sarebbe auspicabile che le best pratices sparse sul territorio fossero coordinate all’interno di un piano strategico nazionale per il GPP.

Simone Falorni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende