Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » GPP: la difficoltà di pesare i risultati:

GPP: la difficoltà di pesare i risultati

Courtesy of epSos.de, FLickr.comSi stima che gli acquisti di beni e servizi della Pubblica Amministrazione rappresentino in Italia circa il 17% del Prodotto Interno Lordo. Per questo motivo, negli ultimi anni, a fronte di una crisi ecologica sempre più incalzante, dall’Unione Europea fino al singolo Comune si sono prodotte, una serie di “norme finalizzate ad incoraggiare il Green Public Procurement (GPP), ovvero l’acquisto di materiali a ridotto impatto ambientale.

Le istituzioni incoraggiano la possibilità di inserire la variabile ambientale come criterio di valorizzazione per gli acquisti pubblici, finalizzata da un lato a diminuire il loro impatto ambientale, dall’altro a favorire un “effetto traino” sul mercato dei prodotti ecologici.

La Pubblica Amministrazione, se vuole, può dunque oggi acquistare verde. Se però, non vogliamo limitarci a prendere atto delle normative, linee guida, manuali e circolari esistenti, ma desideriamo capire quanto sia diffusa la pratica del GPP, la cosa non è immediata. Di fatto non esiste un osservatorio nazionale in grado di quantificare il peso degli acquisti verdi all’interno degli acquisti della Pubblica Amministrazione, ma esistono una serie di studi, ricerche e progetti che forniscono dati e informazioni. Navigando tra i più importanti è possibile farsi un’idea sullo stato del GPP in Italia.

Il GPPinfoNET è un portarle finanziato dalla Commissione Europea che ha l’obiettivo di informare diffusamente e sistematicamente gli Enti Locali sull’opportunità degli acquisti verdi. Tale progetto è servito da stimolo a molti Enti locali che vi hanno aderito e hanno a loro volta messo in campo azioni per la promozione e diffusione del GPP. Vediamo, a titolo di esempio, i risultati ottenuti da Lombardia e Piemonte

In Lombardia  ha preso avvio, nel 2009, il progetto “A scuola di GPP”. Coordinato dalla Provincia di Cremona con il supporto dell’Autorità Ambientale Regionale, coinvolge 74 Enti di vari livelli. Nell’ambito del Forum Compraverde (Cremona 7-8 ottobre 2010) è stato presentato uno studio sui risparmi economici degli acquisti verdi a cura della società Ecosistemi.. Nel dossier si costruiscono scenari di forte implementazione del GPP in ambito regionale e si stimano riduzioni del 23% di Co2, con un risparmio economico di circa 20 milioni di euro

In Piemonte, nel 2009 è quadruplicata la spesa dalla rete APE (Acquisti Pubblici Ecologici) della Provincia di Torino, che ammonta a 65 milioni di euro, con un incremento di quasi il 400% rispetto all’anno precedente (48 milioni di euro in più). La rete dei soggetti che aderiscono al progetto conta oggi 37 Enti tra Comuni e Comunità montane, l’Università di Torino, Parchi, Consorzi di servizi pubblici, Agenzie per lo sviluppo del Territorio, Associazioni culturali, una Camera di Commercio, una scuola e un presidio sanitario.

Ma considerando l’intero panorama nazionale, per raggiungere i target europei, c’è ancora molta strada da fare. L’Unione Europea infatti prevede che, entro la fine del 2010, il 50% di tutte le proprie gare di appalto dovrà essere destinato a soggetti in grado di soddisfare dei precisi criteri ecologici - il che è, con tutta evidenza, impossibile.

Altre informazione sul GPP la troviamo nell’ambito del  progetto europeo “PROMISE”, che vede coinvolti ERVET Emilia-Romagna assieme a Regione Liguria Regione Lazio, ANCC e Confindustria Liguria. E’ stata realizzata una ricerca a livello nazionale per indagare le dinamiche delle scelteverdi” per quattro diverse categorie: produttori, distributori consumatori e Pubblica Amministrazione, per un totale di oltre 8.300 questionari raccolti. L’analisi dei dati raccolti presso le Pubbliche Amministrazioni delle regioni Emilia Romagna, Liguria e Lazio, ha rilevato che il 60% degli intervistati introduce criteri ecologici nei bandi di gara di acquisto. Un maggiore disinvoltura nella pratica del GPP è rilevabile negli Enti di grandi dimensioni. La minor diffusione degli acquisti verdi nei piccoli comuni è imputabile in parte anche a una difficoltà del personale ad essere informato e adeguatamente formato. Tra le difficoltà ̀ espresse, nell’85% dei casi c’è quella relativa alla redazione dei bandi “verdi”. Altri ostacoli  riguardano la percezione dei prodotti verdi come “prodotti più costosi” rispetto a quelli tradizionali (53%), così come la difficoltà a reperire fornitori di prodotti/servizi verdi (33%), nonché la non adeguata conoscenza dei marchi (33%). I prodotti verdi in commercio più frequentemente acquistati nelle PA sono carta riciclata, apparecchiature elettroniche a basso consumo energetico, alimenti biologici, energia prodotta da fonti rinnovabili. I marchi più valorizzati sono FSC per la carta, Energy Label per le apparecchiature elettroniche, Biologico ed Equo e Solidale per i prodotti alimentari.

Dallo sguardo d’insieme sul panorama nazionale del GPP si percepisce dunque, in conclusione, un discreto e lodevole fermento di molti Enti Locali volenterosi nell’implementare gli acquisti verdi ma, dall’altro lato, una serie di difficoltà che ancora  impediscono la loro massiccia diffusione. Sarebbe auspicabile che le best pratices sparse sul territorio fossero coordinate all’interno di un piano strategico nazionale per il GPP.

Simone Falorni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende