Home » Aziende »Eventi »Idee »Pratiche » “Green Cut”, moda e cinema interpretano i materiali sostenibili Made in Italy:

“Green Cut”, moda e cinema interpretano i materiali sostenibili Made in Italy

ottobre 16, 2012 Aziende, Eventi, Idee, Pratiche

Chi l’ha detto che la moda è un mondo frivolo e impegnato solo nella rincorsa dell’ultima tendenza? Al contrario, è uno specchio sociale e culturale attento, sublimazione di sogni, aspettative, paure e tensioni. Da cui ovviamente non possono esulare anche le riflessioni sulle problematiche ambientali.  Infatti, sempre più spesso in passerella, insieme alla ricerca dell’eleganza, sfila anche la sensibilità alla sostenibilità ecofriendly. E fra le tante manifestazioni di interesse a questo tema,  Green Cut è uno dei progetti di maggiore risonanza.

Presentato il 14 settembre, presso la sede del British Fashion Council di Somerset House a Londra, Green Cut chiama a raccolta moda e cinema per unirsi alla causa del rispetto per l’ambiente. L’iniziativa è promossa da Green Carpet Challenge®, un progetto dinamico fondato da Livia Firth, moglie dell’attore Colin, e dalla giornalista Lucy Siegle, in collaborazione con American Express, con l’obiettivo di coniugare glamour ed etica per evidenziare il profilo dello stile sostenibile in occasione dei più alti eventi “red carpet” al mondo. Tramite Green Cut, Green Carpet Challenge® unisce per la prima volta British Fashion Council (BFC) e British Film Institute (BFI) presentando il lavoro di otto stilisti d’eccezione che interpretano con i loro abiti otto film icona del cinema britannico. È la prima iniziativa di questo tipo in grado di coinvolgere un numero così cospicuo di designer di alto profilo. La collezione degli otto abiti è stata lanciata ufficialmente durante la London Fashion Week e mostrata al pubblico a Somerset House. Il progetto culminerà poi con la proiezione in anteprima  del video Green Cut al BFI London Film Festival e con un grande party il 19 ottobre, cui seguirà una mostra allestita presso gli spazi di Harrods di Londra dal 22 ottobre al 5 novembre.

Gli stilisti coinvolti nel progetto – Tom Ford, Stella McCartney, Antonio Berardi, Jonathan Saunders, Marios Schwab, Roksanda Ilincic, Alice Temperly e Stephen Jones - hanno seguito i criteri di sostenibilità sviluppati dalla piattaforma di Green Carpet Challenge®. Per realizzare le loro creazioni, infatti, hanno utilizzato i tessuti provenienti dalla Green Carpet Challenge Fabric Library, un contenitore di materie prime che GCC mette a disposizione per lavorare con i designer in tutto il mondo, stabilendo insieme a loro i criteri della moda sostenibile. Nella realizzazione di questo importante bacino di risorse, GCC è stato supportato da CLASS (Creativity Lifestyle and Sustainable Synergy), un’eco-piattaforma internazionale di origine italiana fondata nel 2007 che sostiene e promuove prodotti eco-sensibili per la moda, casa e design attraverso una vasta gamma di eco-tessuti, filati, processi e servizi. Class coordina una rete globale di showroom che dispongono di una vasta libreria di materiali – messi a disposizione di imprese, operatori di settore e buyer – così come alcuni esempi di capi di abbigliamento finiti di alta qualità, accessori, prodotti per la casa e relativi prodotti eco-lifestyle.

Giusy Bettoni, cofondatrice di Class e convinta sostenitrice del valore dell’iniziativa Green Cut, spiega a Greenews.info che questo progetto è anche una vittoria del Made in Italy. “La maggior parte dei tessuti utilizzati per questa iniziativa sono italiani e provengono tutti dalla piattaforma Class , il cui dna è totalmente italiano e si sta diffondendo nel mondo. Siamo arrivati a 4 show rooms: Londra, Helsinki, Madrid e Milano”.

D) Sappiamo che fra questi tessuti c’è anche il Newlife, di cui Greenews.info ha parlato recentemente, in occasione dei convegni Smart Actions

R) Sì, Newlife™ è stato davvero apprezzato e interpretato magistralmente da alcuni degli stilisti del Green Cut . La sua storia e soprattutto l’aspetto, le mani dei tessuti che si ottengono con questo materiale, sono davvero straordinariamente innovativi e d’appeal.

D) Quale è stato il parere degli stilisti?

R) Il feedback degli stilisti del Green Cut sui materiali utilizzati è stato davvero entusiasmante. E le loro creazioni  sono lì a dimostrarlo! Per quanto riguarda Newlife in particolare, Berardi , Mario Schwaab e Stephen Jones – per il suo meraviglioso cappello – sono stati alcuni degli  stilisti che l’hanno scelto.

D) Quali prospettive introduce l’attuazione di questo progetto nel settore moda?

R) Apre tante porte importanti, ma una in particolare , quella che testimonia che con i nuovi materiali tecnologici e responsabili si può volare alto nei cieli della creatività, del glamour, del design senza nessun tipo di sacrificio o compromesso. Anzi con un grande valore aggiunto.

D) Secondo la vostra esperienza, che tipo di sensibilità c’è nel settore fashion rispetto alle tematiche ambientali?

R) Diventa sempre più consistente. È ovviamente un work in progress, che va di pari passo con un offerta di materiali che diventa sempre più competitiva e interessante rispetto al passato. Stiamo vivendo veramente un momento importante!

Daniela Falchero

Le pellicole che hanno ispirato il progetto sono state scelte da Amanda Nevill, ceo di BFI, mentre responsabile delle accoppiate film/designer è stata la giornalista di Vogue.com, Sarah Mower.

  • Evergreen”, diretto da Victor Saville (1934) – Re-interpretato da Antonio Berardi

(tessuti utilizzati: Newlife™)

  • Darling”, diretto da John Schlesinger (1965) – Re-interpretato da Tom Ford

(tessuti utilizzati: mischia di lana italiana e Mikado.  Perline ricamate a mano)

  • It’s Love Again”, diretto da Victor Saville (1936) – Re-interpretato da Roksanda Ilincic

(tessuti utilizzati: seta organica)

  • My Fair Lady”, diretto da George Cukor (1964) – Cappelli re-interpretati da Stephen Jones

(tessuti utilizzati: Newlife™)

  • Accident”, diretto da Harold Pinter, (1967) – Re-interpretato da Stella McCartney

(tessuti utilizzati: seta organica, pizzo in cotone organico)

  • The Red Shoes”, diretto da Michael Powell e Emeric Pressburger, (1948) – Re-interpretato da Jonathan Saunders

(tessuti utilizzati: seta organica)

  • Things to Come”, diretto da William Cameron Menzies, (1936) – Re-interpretato da Marios Schwab

(tessuti utilizzati: Newlife™)

  • Velvet Goldmine”, diretto da Todd Haynes, (1998) – Re-interpretato da Alice Temperley

(tessuti utilizzati: seta organica, pizzo in cotone organico)

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende