Home » Aziende »Pratiche » Green Express Unilever-Trenitalia: da oggi anche il freddo viaggia su rotaia:

Green Express Unilever-Trenitalia: da oggi anche il freddo viaggia su rotaia

luglio 8, 2013 Aziende, Pratiche

Venerdì scorso, in un piazzale bruciato dal sole e attraversato da due binari solitari, la logistica sostenibile è entrata in una nuova era. Per una volta, l’avvenimento epocale è avvenuto in Italia, con precisione al Sud. Provincia di Caserta, scalo merci di Maddaloni-Marcianise: da qui è partito il primo trasporto ferroviario di gelati d’Europa e del mondo, se si esclude un servizio simile negli USA. Nato da un’idea di Unilever, la multinazionale del largo consumo proprietaria del marchio Algida, e sviluppato insieme a Trenitalia Cargo e al Gruppo Catone.

A pochi chilometri da Marcianise, nel comune di Caivano, si trova infatti lo stabilimento dove si producono la maggior parte dei gelati commercializzati in Italia e nel mondo, che da oggi arriveranno in treno fino al terminal di Castelguelfo, in provincia di Parma, per poi prendere le strade più diverse attraverso il trasporto su gomma, oppure in nave o in aereo.

Un progetto, denominato Green Express, innovativo da tanti punti di vista, a partire dalla valorizzazione della logistica su rotaia ancora poco diffusa nel nostro Paese, e che invece può dare un grosso contributo alla riduzione dell’impatto ambientale della supply chain. Il collegamento di 700 chilometri, infatti, spiegano Unilever e Trenitalia, “consente di togliere dalla strada ogni anno circa 3.500 camion e di evitare di rilasciare in atmosfera oltre 2.600 tonnellate di CO2, pari all’assorbimento di circa 260.000 alberi”. Una sostenibilità che, come avviene quando il rispetto dell’ambiente è ben integrato nella strategia aziendale, fa anche risparmiare, favorendo la competitività: non solo emissioni (meno 76% rispetto al trasporto effettuato solo su gomma), ma anche soldi che possono essere investiti altrove. In questo caso, i costi si ridurranno del 6%, che in termini assoluti fa 500.000 euro, non poco. Alla sfida ecologica ed economica, si aggiunge quella della qualità: il gelato è un alimento particolare, che non può subire sbalzi termici; nel sistema di trasporto tutto deve funzionare alla perfezione, non possono esserci intoppi.

Arrivare alla partenza del primo cargo, 30 vagoni per 6 milioni di pezzi, non è stato facile. “Abbiamo lavorato al progetto per anni. Il contatto con Trenitalia è stato poi velocizzato l’anno scorso da Corrado Clini, allora Ministro dell’Ambiente”, raccontano i manager. Così si è avverato quello che sembrava solo un sogno. L’AD di Unilever Italia Angelo Trocchia ci tiene a non ragionare per luoghi comuni: “Certo, se il territorio avesse una struttura logistica migliore sarebbe meglio, ma uscirei da questa logica: abbiamo le persone e gli investimenti”.

Catone, la società che cura l’ultimo miglio su gomma ha sostenuto l’investimento, pari a 10 milioni di euro, in cambio della certezza di commessa per almeno cinque anni da parte di Unilever. Da oggi, Cuore di panna, Magnum, Cucciolone e vaschette vengono prelevati da un camion Catone a Caivano e portati a Marcianise: qui una gru sposta le celle frigo dall’automezzo al vagone ferroviario; all’arrivo a Castelguelfo farà il contrario. Nell’hub logistico parmense i gelati vengono stoccati e poi distribuiti usando di nuovo i camion, e poi in certi casi navi o aerei, visto che vengono commercializzati anche in Australia e negli Stati Uniti. “Per adesso sono previste tre coppie di treni alla settimana, ma presto vogliamo arrivare a cinque”, assicura Mario Castaldo, direttore della divisione Cargo di Trenitalia, che insieme alla multinazionale sta lavorando a un ampliamento del progetto Green Express. “Considerando che quasi il 40% dei gelati prodotti a Caivano vengono esportati, vorremmo prolungare la tratta su rotaia oltre Parma, portando i gelati in treno fino nel Nord Europa. Inoltre, vorremmo applicare lo stesso modello anche allo stabilimento di Pozzilli, in Molise, dove produciamo Svelto, Cif, e Coccolino, usando il treno per portare i prodotti al Nord”, spiega il vice presidente Supply chain di Unilever Italia Giuseppe Infantino. Mentre Castaldo già pensa di proporre il modello ad altre aziende, “cercando clienti là dove il treno non è mai entrato, come il settore della grande distribuzione, dove può dare un buon contributo se integrato, come qui, con la gomma”.

Le politiche di sostenibilità del gruppo, nato in Gran Bretagna nel 1935 e presente oggi in oltre 170 Paesi con prodotti alimentari, per la pulizia della casa e la cura della persona, vanno anche oltre. Diversi risultati sono già stati raggiunti negli ultimi anni, e altri più ambiziosi dovranno essere ottenuti da qui al 2020, coniugandosi con un raddoppio del fatturato strettamente legato anche alle politiche di riduzione dell’impronta ecologica. Tra le migliori pratiche attuate in Italia ci sono gli stabilimenti zero landfill, dove tutti i rifiuti vengono riciclati senza mandare niente in discarica, e il risparmio, dal 2009 al 2012, di 255.000 metri cubi d’acqua attraverso processi di recupero e innovazione. Inoltre, sono stati studiati diversi nuovi imballaggi più leggeri e facilmente riciclabili, dalla ricarica Svelto prodotta con meno plastica al bicchiere del Caffè Zero, prima costituito da un materiale misto di carta e plastica e non riciclabile, e oggi realizzato solo in carta certificata PEFC.

Unilever punta anche a ridurre l’impatto ambientale dell’approvvigionamento delle materie prime, che oggi pesa per il 26% sulla carbon footprint totale del gruppo: “Puntiamo ad arrivare al 100% di materie prime sostenibili, cioè certificate da enti terzi come Rainforest Alliance o Roundtable on Sustainable Palm Oil. Oggi siamo al 36%”, racconta il responsabile delle politiche di sostenibilità Ugo De Giovanni. A questo obiettivo, si aggiungono quelli di dimezzare al 2020, rispetto al 2008, i rifiuti associati allo smaltimento dei prodotti e l’acqua utilizzata dai consumatori per il loro utilizzo, mentre il fabbisogno idrico degli stabilimenti dovrà rimanere invariato a fronte di una forte crescita dei volumi. E sempre al 2020, il gruppo punta a ridurre del 50% l’impatto dei prodotti in termini di emissioni di gas serra.

Qualcuno chiede all’AD Trocchia se i consumatori siano consapevoli degli sforzi di Unilever: “Si tratta di un processo lungo. Non possiamo aspettarci un ritorno il prossimo anno, ma solo nel lungo periodo. Noi ci crediamo, e pensiamo sia nostra responsabilità farlo”. E aggiunge, riferendosi alle istituzioni e ai tanti attori presenti sui territori: “La sostenibilità non è però una cosa che possiamo fare da soli: in questo campo si vince insieme”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende