Home » Aziende »Pratiche » Green Mobility Rental: il primo noleggio a lungo termine di auto ecologiche:

Green Mobility Rental: il primo noleggio a lungo termine di auto ecologiche

febbraio 18, 2013 Aziende, Pratiche

Quando i loro compagni di scuola stavano incollati alla tv davanti alle auto da Formula 1 in gara, loro già sognavano le auto elettriche. Green mobility rental, la prima società di noleggio a lungo termine di auto a basso impatto ambientale (elettriche e ibride), è nata così, dal sogno nel cassetto di tre amici che a un certo punto – all’inizio per la loro ostinazione, poi grazie alla maggiore sensibilità ambientale dei clienti – è diventato realtà. Leonardo Cavaliere, 33 anni e una laurea in Giurisprudenza, è uno dei co-fondatori e business developer dell’azienda.

D) Partiamo dalla vostra storia. Com’è nata la società?

R) Fin da ragazzini eravamo affascinati dalle prime immagini di auto elettriche americane e speravamo che prima o poi arrivassero anche in Italia. Finita l’università ci siamo ritrovati e abbiamo deciso di realizzare il nostro progetto iniziale. Conoscevamo il mercato dell’auto, e questo ci ha aiutato. All’inizio, però è stato un inferno: nel 2008 nessuno voleva sentir parlare di auto elettriche e ci sono stati addirittura casi di veicoli nati e morti in poco tempo, perché il mercato non era ancora pronto.

D) E adesso?

R) Nell’ultimo anno, per fortuna, le cose vanno meglio: il mercato dell’elettrico, soprattutto dei veicoli ibridi, è cresciuto e la sensibilità ambientale di imprese e liberi professionisti – il segmento a cui principalmente ci rivolgiamo – è molto aumentata. Proprio questa mattina ho incontrato i rappresentanti di un’azienda che vorrebbe rinnovare il proprio parco auto solo con veicoli ecologici. Dal 2011 al 2012, i clienti sono cresciuti del 65%, rispetto a quando abbiamo iniziato addirittura più del 100%! L’anno scorso abbiamo quindi deciso di lanciare il portale della società, su cui si possono vedere i modelli disponibili e richiedere un preventivo. La nostra sede legale è a Roma, ma con i nostri agenti copriamo tutta l’Italia, eccetto, per adesso, la Valle d’Aosta.

D) Non ci sono ancora difficoltà a trovare i punti di ricarica?

R) La situazione è molto migliorata. A Roma ci sono 300 colonnine, una decina in tutte le altre città. Le auto che offriamo hanno un’autonomia che va dai 150 ai 180 chilometri. Contando che in media se ne fanno 40 la giorno, la ricarica non è più un problema quotidiano. In ogni caso, ai clienti che ce lo chiedono, forniamo anche una colonnina di ricarica.

D) Avete mai pensato, soprattutto all’inizio quando le cose non andavano bene, di noleggiare anche auto termiche?

R) No, abbiamo fatto da subito una scelta di campo precisa, orientandoci verso veicoli veramente sostenibili, a basse emissioni e con propulsione almeno in parte elettrica. Oggi abbiamo una ventina di marchi e a marzo saremo al Salone dell’auto di Ginevra per stringere accordi con altre case automobilistiche e vedere i nuovi modelli che saranno presentati.

D) Oltre ai benefici ambientali, che vantaggi trae un’impresa dal noleggio di un’auto ecologica?

R) Per prima cosa, risparmia sull’alimentazione: con un euro di elettricità si fanno 100 chilometri, mentre con 1 litro di benzina, che adesso costa quasi 2 euro, se ne percorrono al massimo 16-17.  L’auto elettrica è quindi dodici volte più conveniente, considerando che i veicoli hanno costi più o meno equivalenti: una Smart termica costa dai 16 ai 21.000 euro, elettrica viene 19.000. C’è poi il fatto che si può entrare nelle Ztl e parcheggiare gratis nelle strisce blu in tutta Italia. A questi vantaggi, si sommano quelli legati alla formula del noleggio a lungo termine, che permette di risparmiare il 26% rispetto al leasing e il 21% rispetto alla vendita.

D) Quanto costa in media il canone mensile di noleggio per una delle vostre auto?

R) Dai 300 ai 500 euro. Il noleggio di una Smart per 48 mesi costa 399 euro al mese, compresi bollo, copertura assicurativa Rca, polizza incendio, furto, casco, manutenzione ordinaria, cambio gomme, controlli periodici ogni 10-15.000 chilometri. Se si rompe un’auto di proprietà, per l’azienda è un costo, mentre in questo caso è tutto incluso nel canone.

D) Ci sono agevolazioni per chi decide di dire addio all’auto termica?

R) Solleviamo il cliente dal problema di vendere la vecchia macchina: ce ne occupiamo noi attraverso convenzioni con una serie di concessionari di auto di seconda mano.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende