Home » Aziende »Pratiche » Green Mobility Rental: il primo noleggio a lungo termine di auto ecologiche:

Green Mobility Rental: il primo noleggio a lungo termine di auto ecologiche

febbraio 18, 2013 Aziende, Pratiche

Quando i loro compagni di scuola stavano incollati alla tv davanti alle auto da Formula 1 in gara, loro già sognavano le auto elettriche. Green mobility rental, la prima società di noleggio a lungo termine di auto a basso impatto ambientale (elettriche e ibride), è nata così, dal sogno nel cassetto di tre amici che a un certo punto – all’inizio per la loro ostinazione, poi grazie alla maggiore sensibilità ambientale dei clienti – è diventato realtà. Leonardo Cavaliere, 33 anni e una laurea in Giurisprudenza, è uno dei co-fondatori e business developer dell’azienda.

D) Partiamo dalla vostra storia. Com’è nata la società?

R) Fin da ragazzini eravamo affascinati dalle prime immagini di auto elettriche americane e speravamo che prima o poi arrivassero anche in Italia. Finita l’università ci siamo ritrovati e abbiamo deciso di realizzare il nostro progetto iniziale. Conoscevamo il mercato dell’auto, e questo ci ha aiutato. All’inizio, però è stato un inferno: nel 2008 nessuno voleva sentir parlare di auto elettriche e ci sono stati addirittura casi di veicoli nati e morti in poco tempo, perché il mercato non era ancora pronto.

D) E adesso?

R) Nell’ultimo anno, per fortuna, le cose vanno meglio: il mercato dell’elettrico, soprattutto dei veicoli ibridi, è cresciuto e la sensibilità ambientale di imprese e liberi professionisti – il segmento a cui principalmente ci rivolgiamo – è molto aumentata. Proprio questa mattina ho incontrato i rappresentanti di un’azienda che vorrebbe rinnovare il proprio parco auto solo con veicoli ecologici. Dal 2011 al 2012, i clienti sono cresciuti del 65%, rispetto a quando abbiamo iniziato addirittura più del 100%! L’anno scorso abbiamo quindi deciso di lanciare il portale della società, su cui si possono vedere i modelli disponibili e richiedere un preventivo. La nostra sede legale è a Roma, ma con i nostri agenti copriamo tutta l’Italia, eccetto, per adesso, la Valle d’Aosta.

D) Non ci sono ancora difficoltà a trovare i punti di ricarica?

R) La situazione è molto migliorata. A Roma ci sono 300 colonnine, una decina in tutte le altre città. Le auto che offriamo hanno un’autonomia che va dai 150 ai 180 chilometri. Contando che in media se ne fanno 40 la giorno, la ricarica non è più un problema quotidiano. In ogni caso, ai clienti che ce lo chiedono, forniamo anche una colonnina di ricarica.

D) Avete mai pensato, soprattutto all’inizio quando le cose non andavano bene, di noleggiare anche auto termiche?

R) No, abbiamo fatto da subito una scelta di campo precisa, orientandoci verso veicoli veramente sostenibili, a basse emissioni e con propulsione almeno in parte elettrica. Oggi abbiamo una ventina di marchi e a marzo saremo al Salone dell’auto di Ginevra per stringere accordi con altre case automobilistiche e vedere i nuovi modelli che saranno presentati.

D) Oltre ai benefici ambientali, che vantaggi trae un’impresa dal noleggio di un’auto ecologica?

R) Per prima cosa, risparmia sull’alimentazione: con un euro di elettricità si fanno 100 chilometri, mentre con 1 litro di benzina, che adesso costa quasi 2 euro, se ne percorrono al massimo 16-17.  L’auto elettrica è quindi dodici volte più conveniente, considerando che i veicoli hanno costi più o meno equivalenti: una Smart termica costa dai 16 ai 21.000 euro, elettrica viene 19.000. C’è poi il fatto che si può entrare nelle Ztl e parcheggiare gratis nelle strisce blu in tutta Italia. A questi vantaggi, si sommano quelli legati alla formula del noleggio a lungo termine, che permette di risparmiare il 26% rispetto al leasing e il 21% rispetto alla vendita.

D) Quanto costa in media il canone mensile di noleggio per una delle vostre auto?

R) Dai 300 ai 500 euro. Il noleggio di una Smart per 48 mesi costa 399 euro al mese, compresi bollo, copertura assicurativa Rca, polizza incendio, furto, casco, manutenzione ordinaria, cambio gomme, controlli periodici ogni 10-15.000 chilometri. Se si rompe un’auto di proprietà, per l’azienda è un costo, mentre in questo caso è tutto incluso nel canone.

D) Ci sono agevolazioni per chi decide di dire addio all’auto termica?

R) Solleviamo il cliente dal problema di vendere la vecchia macchina: ce ne occupiamo noi attraverso convenzioni con una serie di concessionari di auto di seconda mano.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende