Home » Aziende »Internazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » “Green site”: come disinquinare i fondali con acqua e anidride carbonica:

“Green site”: come disinquinare i fondali con acqua e anidride carbonica

Pulire i fanghi inquinati del petrolchimico di Porto Marghera, una delle più grandi aree industriali d’Europa ormai in declino, con acqua e anidride carbonica. Semplificando è questo il concetto che sta alla base di “Green site”, progetto finanziato per il 50% con i contributi europei del programma Life+ e portato avanti da una filiera di sette partner istituzionali e  privati, tra cui Alles Spa, il Parco Scientifico-Tecnologico VEGA di Venezia, l’Autorità Portuale, eAmbiente, il Consorzio Venezia Ricerche. Nei mesi scorsi l’avvio del progetto di ricerca, che ha dato vita a un prototipo d’impianto presentato venerdì scorso a Marghera.

Si tratta di un reattore di cinque metri per tre che permette, attraverso un fluido supercritico a base di H2O e CO2 (due sostanze di per sé “verdi”),  l’estrazione prima e l’ossidazione poi di idrocarburi (IPA), composti organici inquinanti (Pcp, pesticidi, antiparassitari) e metalli pesanti presenti nei sedimenti e nei fanghi di dragaggio dei fondali del porto e del petrolchimico e di renderli inerti. In altre parole di disinquinarli con acqua e anidride carbonica, senza l’uso di solventi ad alto impatto ambientale, in maniera veloce (circa 30-60 minuti, molto meno rispetto ai tradizionali metodi di soil washing e bioremediation). I due cicli di idratazione provocano la fiamma idrotermale, una specie di “combustione in acqua” con precipitazione di sali inerti, non più dannosi per la salute umana e gli ecosistemi.

In funzione da maggio con le cosiddette “prove in bianco”, ossia a vuoto per settare il funzionamento dei pezzi, l’impianto assemblato in un capannone del capofila del progetto, la Alles Spa, da questa settimana entrerà a pieno regime trattando i sedimenti. «Il progetto di ricerca è a buon punto, dovremo ora passare alla fase di LCA dell’impianto, lo studio del ciclo di vita del prototipo in cui si monitorano i parametri di funzionamento e la sua carbon footprint», ha spiegato Federico Balzan di eAmbiente introducendo la visita al cantiere. In pratica si metterà a confronto il risanamento ambientale del modello “Green site” con le usuali tecniche di decontaminazione.

I primi risultati dovrebbero essere disponibili da ottobre, in tempo per la chiusura del progetto pilota a fine anno. Le applicazioni della nuova tecnologica, qualora la ricerca desse risultati positivi, potrebbero essere in futuro l’abbinamento del dragaggio di manutenzione dei canali, fondamentale per l’ottimale scorrimento delle imbarcazioni di città sull’acqua come Venezia o Rotterdam, al trattamento dei sedimenti inquinati con impianti compatti, facilmente trasportabili nei siti inquinati e molto più veloci nel trattamento. I fanghi ripuliti potrebbero essere riutilizzati per la modellazione morfologica, ad esempio ricostituendo barene.

Dalla fase sperimentale al vero e proprio trasferimento tecnologico per l’industrializzazione il passo non è sempre facile, ma c’è già chi si dimostra interessato, come la Alles Spa, non a caso a capo del progetto di ricerca, che dal 1998 opera nella Laguna di Venezia nel settore del trattamento di quei rifiuti quali terre e fanghi che necessitano di smaltimento. «Il nostro interesse per la conversione industriale di questa tecnologia green è indubbio – commenta Katiuscia Checchin, coordinatore di “Green site” per Alles – Sulla base dei risultati attesi, speriamo di poter improntare un business plan per un progetto su larga scala. Il partneriato stesso è pensato come “ciclo completo”». Fuor di metafora, ogni partner, un obiettivo e un ambito d’azione. L’autorità portuale ad esempio si occupa degli scavi dei canali, il VEGA ha progettato il prototipo, la STA (Servizi Tecnologici Ambientali) lo ha assemblato, il Consorzio Venezia Ricerche delle valutazione tecnologica e dell’efficacia del trattamento. «Per noi, che ci occupiamo da anni di bonifiche ambientali, è il primo progetto sostenibile sotto il profilo ambientale – prosegue la coordinatrice – Il punto focale è però capire anche il consumo di energia dell’impianto e i costi reali, ossia capire la sostenibilità di un impianto simile anche dal punto di vista economico, visto che i costi dell’energia in Italia sono molto alti».

La diffusione di tecnologie di green chemistry e la bonifica ambientale di Porto Marghera è la mission del VEGA Park. «Riqualificare quest’area è nel nostro Statuto – ricorda Graziano Tassinato, referente ricerca e sviluppo del VEGA – Abbiamo messo a punto negli anni una serie di attività progettuali mirate per lo sviluppo di tecnologie avanzate per il disinquinamento di acque e terreni. In questo caso abbiamo sviluppato l’impianto ecosostenibile di “Green site” e coordinato il team di progettazione. Essendo un progetto di ricerca bisognerà vedere i risultati finali. Se saranno positivi, potremo avere un ruolo per il trasferimento tecnologico all’indotto, ruolo istituzionale che peraltro è nostro. Non nascondo che il momento è critico per chi si occupa di progettazione, aspettiamo Horizon 2020 (il nuovo programma dell’Unione per il finanziamento della ricerca e dell’innovazione, Ndr). Per fare innovazione e riconversione, per collegare mondo dell’università e dell’impresa, servono tecnologie nuove e ricerca».

Alessandra Sgarbossa

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende