Home » Aziende »Internazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » “Green site”: come disinquinare i fondali con acqua e anidride carbonica:

“Green site”: come disinquinare i fondali con acqua e anidride carbonica

Pulire i fanghi inquinati del petrolchimico di Porto Marghera, una delle più grandi aree industriali d’Europa ormai in declino, con acqua e anidride carbonica. Semplificando è questo il concetto che sta alla base di “Green site”, progetto finanziato per il 50% con i contributi europei del programma Life+ e portato avanti da una filiera di sette partner istituzionali e  privati, tra cui Alles Spa, il Parco Scientifico-Tecnologico VEGA di Venezia, l’Autorità Portuale, eAmbiente, il Consorzio Venezia Ricerche. Nei mesi scorsi l’avvio del progetto di ricerca, che ha dato vita a un prototipo d’impianto presentato venerdì scorso a Marghera.

Si tratta di un reattore di cinque metri per tre che permette, attraverso un fluido supercritico a base di H2O e CO2 (due sostanze di per sé “verdi”),  l’estrazione prima e l’ossidazione poi di idrocarburi (IPA), composti organici inquinanti (Pcp, pesticidi, antiparassitari) e metalli pesanti presenti nei sedimenti e nei fanghi di dragaggio dei fondali del porto e del petrolchimico e di renderli inerti. In altre parole di disinquinarli con acqua e anidride carbonica, senza l’uso di solventi ad alto impatto ambientale, in maniera veloce (circa 30-60 minuti, molto meno rispetto ai tradizionali metodi di soil washing e bioremediation). I due cicli di idratazione provocano la fiamma idrotermale, una specie di “combustione in acqua” con precipitazione di sali inerti, non più dannosi per la salute umana e gli ecosistemi.

In funzione da maggio con le cosiddette “prove in bianco”, ossia a vuoto per settare il funzionamento dei pezzi, l’impianto assemblato in un capannone del capofila del progetto, la Alles Spa, da questa settimana entrerà a pieno regime trattando i sedimenti. «Il progetto di ricerca è a buon punto, dovremo ora passare alla fase di LCA dell’impianto, lo studio del ciclo di vita del prototipo in cui si monitorano i parametri di funzionamento e la sua carbon footprint», ha spiegato Federico Balzan di eAmbiente introducendo la visita al cantiere. In pratica si metterà a confronto il risanamento ambientale del modello “Green site” con le usuali tecniche di decontaminazione.

I primi risultati dovrebbero essere disponibili da ottobre, in tempo per la chiusura del progetto pilota a fine anno. Le applicazioni della nuova tecnologica, qualora la ricerca desse risultati positivi, potrebbero essere in futuro l’abbinamento del dragaggio di manutenzione dei canali, fondamentale per l’ottimale scorrimento delle imbarcazioni di città sull’acqua come Venezia o Rotterdam, al trattamento dei sedimenti inquinati con impianti compatti, facilmente trasportabili nei siti inquinati e molto più veloci nel trattamento. I fanghi ripuliti potrebbero essere riutilizzati per la modellazione morfologica, ad esempio ricostituendo barene.

Dalla fase sperimentale al vero e proprio trasferimento tecnologico per l’industrializzazione il passo non è sempre facile, ma c’è già chi si dimostra interessato, come la Alles Spa, non a caso a capo del progetto di ricerca, che dal 1998 opera nella Laguna di Venezia nel settore del trattamento di quei rifiuti quali terre e fanghi che necessitano di smaltimento. «Il nostro interesse per la conversione industriale di questa tecnologia green è indubbio – commenta Katiuscia Checchin, coordinatore di “Green site” per Alles – Sulla base dei risultati attesi, speriamo di poter improntare un business plan per un progetto su larga scala. Il partneriato stesso è pensato come “ciclo completo”». Fuor di metafora, ogni partner, un obiettivo e un ambito d’azione. L’autorità portuale ad esempio si occupa degli scavi dei canali, il VEGA ha progettato il prototipo, la STA (Servizi Tecnologici Ambientali) lo ha assemblato, il Consorzio Venezia Ricerche delle valutazione tecnologica e dell’efficacia del trattamento. «Per noi, che ci occupiamo da anni di bonifiche ambientali, è il primo progetto sostenibile sotto il profilo ambientale – prosegue la coordinatrice – Il punto focale è però capire anche il consumo di energia dell’impianto e i costi reali, ossia capire la sostenibilità di un impianto simile anche dal punto di vista economico, visto che i costi dell’energia in Italia sono molto alti».

La diffusione di tecnologie di green chemistry e la bonifica ambientale di Porto Marghera è la mission del VEGA Park. «Riqualificare quest’area è nel nostro Statuto – ricorda Graziano Tassinato, referente ricerca e sviluppo del VEGA – Abbiamo messo a punto negli anni una serie di attività progettuali mirate per lo sviluppo di tecnologie avanzate per il disinquinamento di acque e terreni. In questo caso abbiamo sviluppato l’impianto ecosostenibile di “Green site” e coordinato il team di progettazione. Essendo un progetto di ricerca bisognerà vedere i risultati finali. Se saranno positivi, potremo avere un ruolo per il trasferimento tecnologico all’indotto, ruolo istituzionale che peraltro è nostro. Non nascondo che il momento è critico per chi si occupa di progettazione, aspettiamo Horizon 2020 (il nuovo programma dell’Unione per il finanziamento della ricerca e dell’innovazione, Ndr). Per fare innovazione e riconversione, per collegare mondo dell’università e dell’impresa, servono tecnologie nuove e ricerca».

Alessandra Sgarbossa

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende