Home » Aziende »Pratiche » Greenbrand: un tavolo di confronto per le buone pratiche delle aziende piemontesi:

Greenbrand: un tavolo di confronto per le buone pratiche delle aziende piemontesi

marzo 13, 2011 Aziende, Pratiche

Roberto Ravello, Assessore all'Ambiente della Regione Piemonte, Courtesy of TargatoCN.itGreenbrand è stato concepito come un momento di analisi, ma soprattutto di confronto. È nato dalla volontà e dall’esigenza di un ente di formazione, dei ragazzi che seguono i corsi e che vengono preparati al mondo (verde) del lavoro ed è stato abbracciato e sostenuto da grandi aziende e dalle istituzioni piemontesi.

La sostenibilità promossa dalle istituzioni non può prescindere dal privato”, ha dichiarato giovedì 10 marzo, all’ apertura dei lavori, Roberto Ravello, Assessore all’Ambiente della Regione Piemonte.

L’attenzione ambientale, l’educazione e il rispetto verso l’ambiente che viviamo devono essere cultura diffusa e solo avendo chiara questa finalità possiamo lavorare e devono interagire le realtà di ogni livello. Bisogna parlare all’uomo comune, bisogna sensibilizzare all’attenzione costante e totale”, ha aggiunto Carlo Degiacomi, del Museo A come Ambiente, “un’attenzione trasversale di tutte le professioni, di tutti gli ambiti e settori”.

Questo concetto è chiaro a Engim, che dal settembre 2010 aderisce al programma Eco Schools, un progetto internazionale dedicato alle scuole per la gestione e certificazione ambientale e per l’educazione allo sviluppo sostenibile. L’approccio del programma e la combinazione di teoria e pratica rendono questo strumento ideale per accrescere la consapevolezza degli studenti sulle questioni relative alla sostenibilità, di cui sono chiamati a divenire parte attiva.

Dal concetto di attenzione all’ambiente propria di ogni professionalità e disciplina è nato, del resto, il programma del convegno di Torino, che ha visto l’intervento di aziende impegnate su diversi fronti produttivi. La mobilità, ad esempio, è un punto chiave del sistema sostenibile, su cui il capoluogo piemontese sta investendo molto, come ribadito attraverso la candidatura di Torino a Smart City.

Simone Cencetti, di FIAT, ha quindi ricordato come le politiche ambientali facciano parte integrante delle strategie di sostenibilità dell’azienda. “L’impegno della FIAT si rivolge all’attenzione sul prodotto – che vuole man mano essere meno inquinante (riduzione delle emissioni di CO2 e dell’inquinamento acustico, utilizzo di materiale di riciclo quando possibile) – e sui consumi e gli sprechi delle fabbriche e della rete di concessionarie”.Per ottenere ciò, spiega Cencetti, “oltre allo studio e alla ricerca costante di grandi professionisti”, è necessario orientarsi “all’educazione e alla sensibilizzazione degli addetti, attraverso un monitoraggio costante di tutto il processo”. Misurare per ridurre è la metodologia, molto razionale e pragmatica, del colosso torinese.

E’ possibile però anche prevenire il problema a monte. Car City Club si pone infatti l’obiettivo di proporre una reale alternativa ai 36 milioni di automobili che circolano in Italia, di cui tanti, troppi proprietari fanno un pessimo utilizzo. “Il 30% dei tragitti in auto dei torinesi è fatto per percorrere meno di 3 km”, ha sottolineato Tiziano Schiavon. Il Car Sharing è una proposta “diversa” di mobilità individuale, che ben completa i servizi offerti dal trasporto pubblico, dal Bike Sharing e dai Piedibus. “L’auto in condivisione è una prassi diffusa nel mondo. Nasce in Svizzera negli anni ’80 e oggi conta 1 milione di utilizzatori complessivi, 900 città e 21 paesi”. “Con l’obiettivo di ridurre l’inquinamento, di essere un’alternativa comoda e valida per gli utenti, di combattere traffico e soste incontrollate, ma anche di portare a un grande risparmio economico”, ha aggiunto Schiavon, il Car Sharing in Italia sta dando ottimi risultati al nord e sta iniziando a convincere anche il sud della penisola. Torino vanta un’esperienza molto importante, si sta allargando alla provincia e  ha lanciato il Van Sharing che mette a disposizione furgoncini per le aziende”. Il risultato? 2.590 utenti in Piemonte che corrispondono a un risparmio di 1.250 automobili, 5 milioni di km e 268 tonnellate di CO2.

Altro tallone d’Achille è invece la grande distribuzione. Per questo la Coop, ha spiegato Carla Bezzegato di Nova Coop, “si muove su quattro filoni: l’educazione dei giovani e la formazione dei consumatori, che vedono la Coop impegnata in diverse campagne di sensibilizzazione e percorsi con le scuole. Poi c’è la gestione dei punti vendita che vendono prodotti a km. 0, controllano i consumi e gli sprechi; ma soprattutto c’è il prodotto, per cui è stato pensato un marchio di garanzia che lo vuole sicuro, ecologico, di qualità e a basso impatto”. Ma il packaging è il nodo principale e merita l’attenzione maggiore. Per questo l’imballaggio di Coop è spesso riciclato. Ma via anche le confezioni doppie o di esclusivo senso estetico (opinabile tra l’altro e inutilmente ingombrante), per lasciare spazio alle ricariche e ai prodotti sfusi. Così la maionese perde la scatola di cartone che richiudeva il tubetto e i pacchi di caffè vengono assemblati con un solo nastro al posto del pacchetto di pellicola. Cosa vuol dire questo piccolo dettaglio? Che comprare il solo tubetto di salsa fa risparmiare 14 gr. di materiale e 91 gr. di CO2, e i pacchi di caffè non imballati graziano l’ambiente di 3 gr. di materiale e 74 gr. di CO2.

Poi il turismo. C’è chi pensa che il turismo sostenibile sia solo quello fatto di viaggi solidali in villaggi di indigeni del sud del mondo. “No”, chiarisce Cosimo Biasi, del Centro Studi Ambientali, associazione culturale nata nel 2007. “Il progetto Ecolabel Piemonte ha visto il calcolo dei consumi e la classificazione delle strutture ricettive aderenti all’iniziativa. Per ristrutturazioni, impianti e attenzione all’ambiente, è stato riconosciuto, per esempio, il marchio Ecolabel (marchio europeo di qualità ecologica che premia i prodotti e i servizi migliori dal punto di vista ambientale, nato nel 1992) alla dimora storico-romantica Il sole e la luna, oggi struttura turistica nel cuore delle Langhe; alla residenza universitaria di Lungo Dora e all’Hotel Relais Bella Rosina, importante struttura alberghiera situata all’interno del Parco La Mandria”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende