Home » Aziende »Pratiche » Greenbrand: un tavolo di confronto per le buone pratiche delle aziende piemontesi:

Greenbrand: un tavolo di confronto per le buone pratiche delle aziende piemontesi

marzo 13, 2011 Aziende, Pratiche

Roberto Ravello, Assessore all'Ambiente della Regione Piemonte, Courtesy of TargatoCN.itGreenbrand è stato concepito come un momento di analisi, ma soprattutto di confronto. È nato dalla volontà e dall’esigenza di un ente di formazione, dei ragazzi che seguono i corsi e che vengono preparati al mondo (verde) del lavoro ed è stato abbracciato e sostenuto da grandi aziende e dalle istituzioni piemontesi.

La sostenibilità promossa dalle istituzioni non può prescindere dal privato”, ha dichiarato giovedì 10 marzo, all’ apertura dei lavori, Roberto Ravello, Assessore all’Ambiente della Regione Piemonte.

L’attenzione ambientale, l’educazione e il rispetto verso l’ambiente che viviamo devono essere cultura diffusa e solo avendo chiara questa finalità possiamo lavorare e devono interagire le realtà di ogni livello. Bisogna parlare all’uomo comune, bisogna sensibilizzare all’attenzione costante e totale”, ha aggiunto Carlo Degiacomi, del Museo A come Ambiente, “un’attenzione trasversale di tutte le professioni, di tutti gli ambiti e settori”.

Questo concetto è chiaro a Engim, che dal settembre 2010 aderisce al programma Eco Schools, un progetto internazionale dedicato alle scuole per la gestione e certificazione ambientale e per l’educazione allo sviluppo sostenibile. L’approccio del programma e la combinazione di teoria e pratica rendono questo strumento ideale per accrescere la consapevolezza degli studenti sulle questioni relative alla sostenibilità, di cui sono chiamati a divenire parte attiva.

Dal concetto di attenzione all’ambiente propria di ogni professionalità e disciplina è nato, del resto, il programma del convegno di Torino, che ha visto l’intervento di aziende impegnate su diversi fronti produttivi. La mobilità, ad esempio, è un punto chiave del sistema sostenibile, su cui il capoluogo piemontese sta investendo molto, come ribadito attraverso la candidatura di Torino a Smart City.

Simone Cencetti, di FIAT, ha quindi ricordato come le politiche ambientali facciano parte integrante delle strategie di sostenibilità dell’azienda. “L’impegno della FIAT si rivolge all’attenzione sul prodotto – che vuole man mano essere meno inquinante (riduzione delle emissioni di CO2 e dell’inquinamento acustico, utilizzo di materiale di riciclo quando possibile) – e sui consumi e gli sprechi delle fabbriche e della rete di concessionarie”.Per ottenere ciò, spiega Cencetti, “oltre allo studio e alla ricerca costante di grandi professionisti”, è necessario orientarsi “all’educazione e alla sensibilizzazione degli addetti, attraverso un monitoraggio costante di tutto il processo”. Misurare per ridurre è la metodologia, molto razionale e pragmatica, del colosso torinese.

E’ possibile però anche prevenire il problema a monte. Car City Club si pone infatti l’obiettivo di proporre una reale alternativa ai 36 milioni di automobili che circolano in Italia, di cui tanti, troppi proprietari fanno un pessimo utilizzo. “Il 30% dei tragitti in auto dei torinesi è fatto per percorrere meno di 3 km”, ha sottolineato Tiziano Schiavon. Il Car Sharing è una proposta “diversa” di mobilità individuale, che ben completa i servizi offerti dal trasporto pubblico, dal Bike Sharing e dai Piedibus. “L’auto in condivisione è una prassi diffusa nel mondo. Nasce in Svizzera negli anni ’80 e oggi conta 1 milione di utilizzatori complessivi, 900 città e 21 paesi”. “Con l’obiettivo di ridurre l’inquinamento, di essere un’alternativa comoda e valida per gli utenti, di combattere traffico e soste incontrollate, ma anche di portare a un grande risparmio economico”, ha aggiunto Schiavon, il Car Sharing in Italia sta dando ottimi risultati al nord e sta iniziando a convincere anche il sud della penisola. Torino vanta un’esperienza molto importante, si sta allargando alla provincia e  ha lanciato il Van Sharing che mette a disposizione furgoncini per le aziende”. Il risultato? 2.590 utenti in Piemonte che corrispondono a un risparmio di 1.250 automobili, 5 milioni di km e 268 tonnellate di CO2.

Altro tallone d’Achille è invece la grande distribuzione. Per questo la Coop, ha spiegato Carla Bezzegato di Nova Coop, “si muove su quattro filoni: l’educazione dei giovani e la formazione dei consumatori, che vedono la Coop impegnata in diverse campagne di sensibilizzazione e percorsi con le scuole. Poi c’è la gestione dei punti vendita che vendono prodotti a km. 0, controllano i consumi e gli sprechi; ma soprattutto c’è il prodotto, per cui è stato pensato un marchio di garanzia che lo vuole sicuro, ecologico, di qualità e a basso impatto”. Ma il packaging è il nodo principale e merita l’attenzione maggiore. Per questo l’imballaggio di Coop è spesso riciclato. Ma via anche le confezioni doppie o di esclusivo senso estetico (opinabile tra l’altro e inutilmente ingombrante), per lasciare spazio alle ricariche e ai prodotti sfusi. Così la maionese perde la scatola di cartone che richiudeva il tubetto e i pacchi di caffè vengono assemblati con un solo nastro al posto del pacchetto di pellicola. Cosa vuol dire questo piccolo dettaglio? Che comprare il solo tubetto di salsa fa risparmiare 14 gr. di materiale e 91 gr. di CO2, e i pacchi di caffè non imballati graziano l’ambiente di 3 gr. di materiale e 74 gr. di CO2.

Poi il turismo. C’è chi pensa che il turismo sostenibile sia solo quello fatto di viaggi solidali in villaggi di indigeni del sud del mondo. “No”, chiarisce Cosimo Biasi, del Centro Studi Ambientali, associazione culturale nata nel 2007. “Il progetto Ecolabel Piemonte ha visto il calcolo dei consumi e la classificazione delle strutture ricettive aderenti all’iniziativa. Per ristrutturazioni, impianti e attenzione all’ambiente, è stato riconosciuto, per esempio, il marchio Ecolabel (marchio europeo di qualità ecologica che premia i prodotti e i servizi migliori dal punto di vista ambientale, nato nel 1992) alla dimora storico-romantica Il sole e la luna, oggi struttura turistica nel cuore delle Langhe; alla residenza universitaria di Lungo Dora e all’Hotel Relais Bella Rosina, importante struttura alberghiera situata all’interno del Parco La Mandria”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende