Home » Aziende »Campioni d'Italia »Pratiche »Rubriche » Gruppo Rampini: dall’Umbria i bus elettrici alla conquista dell’Europa:

Gruppo Rampini: dall’Umbria i bus elettrici alla conquista dell’Europa

Gli autobus elettrici di ultima generazione, unici in Europa per autonomia e capacità di trasporto, arrivano dalla provincia di Perugia. A Passignano, sulle rive del lago Trasimeno, il Gruppo Rampini produce, da 65 anni, mezzi speciali: bus, gatti delle nevi, veicoli per regia mobile e per trasmissioni satellitari.

Nel 2007 è arrivato il primo bus elettrico, giunto poi sul mercato nel 2010: “Lo abbiamo sperimentato per tre anni: in giro c’erano forti perplessità, e prima di vederlo circolare nei centri urbani volevamo essere sicuri delle sue performance”, spiega il direttore marketing Giuseppe Lepore. Un mezzo non molto diverso da quelli oggi in uso a Piacenza, Gorizia, Siena e Nizza, fino a Schladming, sede a febbraio scorso degli ultimi campionati mondiali di sci alpino. Nella cittadina austriaca i bus Rampini sono stati usati per effettuare il servizio navetta nei giorni delle gare. Da lì, il passo per approdare nella capitale Vienna è stato breve: l’azienda municipale di trasporto pubblico Wiener Linien ha acquistato 12 mezzi. “Si tratta di un accordo di grande rilevanza: il valore globale della maxi-commessa è di circa sei milioni di euro”, sottolineano dall’azienda, che conta un centinaio di dipendenti e quasi 14 milioni di fatturato nel 2012.

A rendere particolari i bus del Gruppo umbro sono le capacità di trasporto e di autonomia, unite a dimensioni medie (non si tratta di minibus): “Un mezzo che marcia in piano con due terzi del carico può percorrere fino a 120-150 chilometri: più di un turno di lavoro, se si considera che almeno in Italia la velocità media a cui viaggiano i mezzi pubblici nelle città italiane è 15 chilometri orari…”, continua Lepore.

I nuovi autobus elettrici Alè in forza a Vienna sulle linee urbane 2A e 3A garantiscono un servizio ottimale nelle strade del centro storico della città, grazie alle loro dimensioni ridotte (lunghezza di circa 8 metri e larghezza inferiore a 2,20 metri) e alla loro capacità di trasporto (fino a 40 passeggeri: 13 seduti, 26 in piedi e un posto-carrozzina per disabili). Per Vienna, oltre alla normale tecnologia di carica in deposito, Rampini ha realizzato in collaborazione con Siemens un pantografo che consente ai bus di ricaricarsi attraverso la linea tranviaria: “Durante le soste al capolinea, preleva per tempi estremamente brevi, circa 10 minuti, energia dalla linea di alimentazione aerea dei tram per ricaricare le batterie agli ioni di litio installate a bordo, assicurando sempre una completa autonomia rispetto al servizio richiesto”. Una soluzione che, commenta l’AD Stefano Rampini, permette di “disporre di un autobus totalmente elettrico, sia per quanto riguarda la trazione che l’impianto di riscaldamento e di condizionamento per autista e passeggeri, in grado di garantire la possibilità di un servizio prolungato e continuativo secondo le diverse necessità”.

Un risultato ottenuto grazie all’importanza attribuita dall’azienda al settore Ricerca & Sviluppo: “La ricerca è interna, ma per ogni progetto ci avvaliamo delle competenze delle università, in particolare di Pisa e di Perugia. Oltre il 10% dei dipendenti si occupa di progettazione e sviluppo di nuovi mezzi”. A Passignano è nato nel 2010 anche un bus a idrogeno, con trazione elettrica: “E’ in corso la sperimentazione di servizio, e lo stiamo presentando alle aziende di trasporto”.

Per adesso, però, osserva Lepore, “è impensabile coprire tutti i servizi di trasporto pubblico con mezzi elettrici e a idrogeno. I costi sono al momento troppo elevati”. E se all’estero le città hanno maggiori possibilità di investimento, nel nostro Paese l’acquisto si limita sempre a pochi bus: “In Italia c’è la sensibilità, ma mancano i soldi”. Eppure, a conti fatti, “il maggior costo, circa il doppio rispetto a un autobus diesel, si ammortizza durante la vita del mezzo: minori spese per l’alimentazione e per la manutenzione, a parità di autonomia e affidabilità”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende