Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » Heike Platter e il potere dei fiori: “Ecco come i giardini possono portare ricchezza e turismo”:

Heike Platter e il potere dei fiori: “Ecco come i giardini possono portare ricchezza e turismo”

Negli anni Ottanta, Merano era una cittadina deliziosa, ma un po’ addormentata: le persone arrivavano soprattutto per le cure termali, ma non c’erano vere e proprie attrazioni turistiche e nessuno aveva mai pensato di risollevare l’area dal suo sonno costruendo un giardino botanico. Oggi i Giardini di Castel Trauttmansdorff, ideati nel 1988 dall’ingegnere meranese Manfred Ebner e aperti nel 2001 grazie anche all’assessore provinciale all’Agricoltura e poi presidente della Provincia Luis Durnwalder e al direttore del Podere provinciale Laimburg Klaus Platter, contano 400.000 visitatori nei sette mesi e mezzo di apertura, con importanti ricadute economiche: 285 nuovi posti di lavoro (di cui 130 diretti) e un indotto turistico di 40 milioni di euro. Realizzati sui 12 ettari di terreni che circondano Castel Trauttmansdorff, dove la principessa Sissi veniva a passare le vacanze, i Giardini hanno ricevuto in questi anni diversi premi: nel 2005 sono stati eletti “Parco più Bello d’Italia” e, l’anno successivo, sono arrivati al sesto posto nel concorso Briggs & Stratton’s Best Parks, che ogni anno valuta i parchi più belli e amati d’Europa, fino a ottenere nel 2013 il riconoscimento come Giardino Internazionale dell’Anno alla International Garden Tourism Conference a Toronto. “I nostri risultati  dimostrano che è possibile dare impulso turistico a un luogo attraverso un giardino, un parco, un garden festival, una mostra di fiori: l’importante è offrire un’esperienza unica che renda la botanica fruibile, interessante, divertente”, spiega Heike Platter, dal 2005 direttrice Marketing and Corporate strategy dei Giardini di castel Trauttmansdorff.

D) Dottoressa Platter, in meno di quindici anni di attività i Giardini Trauttmansdorff hanno raggiunto numeri importanti, riuscendo a competere con attrazioni turistiche dello stesso tipo nel Nord Italia e in altri Paesi europei vicini all’Alto Adige. Su quali strategie avete puntato per riuscirci?

R) Per prima cosa, abbiamo puntato sull’autenticità e l’unicità dei Giardini, che sono stati creati  in un anfiteatro naturale, su un dislivello di 100 metri, ai piedi delle cime innevate del gruppo Tessa. Un altro elemento importante è l’idea di mediare la botanica in maniera innovativa e con servizi di altissima qualità. Lo facciamo in molti modi, dai “Padiglioni artistici” alle “Stazioni sensoriali“, fino ai diversi eventi gastronomici e musicali che organizziamo sempre: aperitivi, serate di world music, i brunch delle “Colazioni con Sissi“, cene con visita guidata e garden workshop, in cui le persone possono vedere da vicino come avviene la cura delle piante e sperimentare loro stesse. Proponiamo sempre cose nuove: abbiamo per esempio un percorso sotterraneo di 200 metri che permette di osservare come crescono le piante, mentre nella serra abbiamo realizzato un terrario per osservare gli insetti. L’obiettivo è offrire ai visitatori un’esperienza unica. Per accedere ai giardini c’è un ponticello, che è anche il simbolo dell’ingresso in un altro mondo, in cui si entra liberi dalla routine e dai pensieri negativi. Inoltre, dal 2005 ci siamo impegnati per rendere i Giardini Trauttmansdorf attrattivi anche per le persone locali: oggi i meranesi frequentano molto i giardini e dalle altri valli le persone arrivano da noi per festeggiare l’arrivo della primavera.

D) Il progetto si sostiene anche economicamente?

R) Sì, dal secondo anno di apertura in poi le entrate coprono le spese correnti: un risultato di cui siamo molto fieri, e che ci rende unici in Italia, considerando che i Giardini sono pubblici. Questo è stato possibile grazie a un ottimo team e a una gestione imprenditoriale della struttura. In quest’ottica, abbiamo aggiunto ai Giardini altre strutture che offrissero ai visitatori un’esperienza unica e non noiosa, rendendoli così più attrattivi di un normale giardino. Il centro visitatori, per esempio, è stato realizzato in stile anglosassone: insieme al servizio informazioni, c’è anche uno shop. Ci sono poi un ristorante e un café, dati in gestione, mentre Castel Trauttmansdorf ospita il Turiseum, ossia il Museo del Turismo sulle Alpi. Far parlare tutte queste strutture con una voce sola è stata una sfida importante. I nostri risultati però dimostrano che è possibile dare impulso turistico a un luogo attraverso un giardino, un parco, un garden festival, una mostra di fiori: l’importante è offrire un’esperienza unica che renda la botanica fruibile, interessante, divertente. Proprio per questo penso che l’espressione “turismo del verde”, usata da tutti in Italia, non sia corretta.

D) Come potremmo chiamarlo?

R) Userei l’espressione “garden tourism”. Il turismo del verde è infatti solo un pezzettino di un fenomeno più ampio, che non comprende solo la mera osservazione delle piante, ma molto di più: come dimostra il caso dei nostri Giardini, il garden tourism è fatto anche di tutte quelle iniziative che mediano la botanica in molti modi diversi. Di solito in Italia e in altri Paesi europei si ha la percezione del giardino come luogo da visitare insieme a un castello. In Gran Bretagna, invece, il giardino è visto come un luogo dove trascorrere il tempo libero: per permettere alle persone di farlo, però, è necessario offrire servizi, attività ed esperienze. Oggi le persone vanno a visitare questi luoghi per conoscere un territorio attraverso il giardino…

Veronica Ulivieri

Leggi la seconda parte dell’intervista nella sezione Tuttogreen di LaStampa.it

Di turismo nella natura e garden tourism parlerà anche il 5° Workshop Nazionale IMAGE (Incontri sul Management della Green Economy) organizzato da Greenews.info e Associazione Greencommerce a Torino a maggio 2015, con il titolo “Ecoturismo: natura, sport, enogastronomia


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende