Home » Aziende »Pratiche » Ho.Re.Ca, a scuola di sostenibilità con la METRO Academy:

Ho.Re.Ca, a scuola di sostenibilità con la METRO Academy

gennaio 19, 2015 Aziende, Pratiche

Il mondo della ristorazione e della ricettività è pronto per l’appuntamento Expo sotto il profilo della sostenibilità ambientale? E’la domanda che si è posto METRO Italia, il gigante degli acquisti professionali, insieme all’istituto di ricerca per l’energia e l’ambiente IEFE Bocconi, dando vita, a fine 2014, alla prima edizione di Metronomo, l’Osservatorio sulla Sostenibilità del mondo Horeca, che intende scattare una fotografia dello stato dell’arte tra le piccole e micro imprese italiane del settore e aiutarle a mettere in atto azioni concrete, a basso investimento, che possano migliorarne la competitività sul mercato.

La situazione, secondo i dati presentati dal direttore di ricerca Fabio Iraldo, dell’ateneo milanese, è incoraggiante, nonostante la crisi (o forse anche grazie a questo stimolo, che aiuta ad “aguzzare l’ingegno”). Su 317 imprese intervistate, il 78% ritiene che la sostenibilità ambientale e sociale sia fondamentale per uno sviluppo sul medio termine e il 68% che costituisca un’opportunità per ridurre i consumi e ottimizzare le risorse. Solo il 29% del totale, però, fa ricorso a certificazioni volontarie, il che significa che le azioni di sostenibilità vengono messe in atto prevalentemente in maniera autonoma, senza far ricorso a linee guida che consentano di delineare un percorso chiaro e definito.

La “top 5″ delle azioni più praticate dai ristoratori e albergatori italiani vede in prima posizione la raccolta differenziata (88% degli intervistati), seguita dall’utilizzo dei dosatori per evitare gli sprechi (73%), la riduzione degli sprechi anche a monte della filiera per il 70% delle imprese, l’uso di bottiglie riutilizzabili o a rendere per il 63% e i prodotti a “km.0” per il 62%. Il ricorso ad apparecchiature a basso consumo energetico vede impegnato il 56,5% del campione, ma quelli che si sono sottoposti ad un vero e proprio audit energetico sono solo il 7,7%. Dato importante è che il 71% delle imprese intervistate ritiene che le azioni intraprese abbiano avuto un impatto reale (o almeno percepito) sugli stakeholder, nonostante il 49,2% pensi (pessimisticamente) che la propria attività sia troppo piccola per produrre “impatti significativi sull’ambiente”. Il 61% crede che quelle azioni abbiano comunque contribuito ad un miglioramento dell’immagine aziendale e il 50% che abbiano aiutato a generare nuove opportunità commerciali (50%).

METRO e IEFE Bocconi hanno cercato di sintetizzare il rapporto tra il costo degli investimenti per ridurre l’impatto ambientale e i benefici che ne conseguono nel Decalogo Metronomo, che identifica 10 azioni a budget contenuto – accessibili anche alle microimprese – ma molto efficaci.

Del resto la sostenibilità è “contagiosa”, “una volta che uno da l’esempio, gli altri seguono”, ricorda Claude Serrailh, il nuovo e intraprendente amministratore delegato che ha assunto la guida di METRO Italia dal 1 ottobre 2014. Ed è per questo che METRO ha anche creato, in tempo da record, la METRO Academy, un’innovativa struttura di formazione (all’interno del punto vendita di San Donato Milanese), aperta sia ai clienti che agli operatori esterni, a livello nazionale. “L’obiettivo della METRO Academy – spiega il responsabile Paolo Iannetti – è quello di diventare un punto di riferimento culturale nel settore Horeca, che spazia dal piccolo bar al ristorante stellato: insomma, tutte le molteplici realtà sempre più importanti per lo sviluppo economico del Paese”.

La METRO Academy vede la collaborazione con CAST Alimenti (il Centro Arte, Scienza e Tecnologia dell’Alimento fondato da Vittorio Santoro) per i corsi di cucina, con Planet ONE per le discipline legate alla caffetteria e alla miscelazione e con AIS Lombardia (Associazione Italiana Sommelier) per trasmettere le conoscenze legate al mondo del vino. La direzione scientifica è stata invece affidata allo chef stellato (due stelle Michelin) Claudio Sadler, che ha voluto imprimere ai corsi un’impronta di rigore degna delle migliori scuole internazionali: “questa è una professione – dice lo chef – in cui è fondamentale iniziare con umiltà e applicazione, avendo ben presente che quello scelto è un lavoro di grande sacrificio, volontà, coraggio e un pizzico di spregiudicatezza ma, al contempo, bellissimo e pieno di soddisfazioni”.

Nelle pagine del sito METRO Italia Cash & Carry dedicate alla METRO Academy è possibile trovare maggiori informazioni sui corsi, gli eventi dedicati ai professionisti Horeca e le modalità di iscrizione.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende