Home » Aziende »Idee »Pratiche » Il mercante che racconta i prodotti. Intervista a Oscar Farinetti:

Il mercante che racconta i prodotti. Intervista a Oscar Farinetti

ottobre 25, 2010 Aziende, Idee, Pratiche

Oscar Farinetti, Courtesy of altraeconomia.itChilometri zero? Sono contrario, così come al federalismo a tutti i costi. O, almeno, al concetto di chilometri zero così come è andato definendosi negli ultimi tempi. Nato da un’idea di Coldiretti, legata a concetti e giuste rivendicazioni del mondo dei produttori agricoli, trovo che il concetto di chilometri zero sia stato forzato e snaturato.”

“Perché mai dovrei privarmi delle eccellenze, ad esempio della Toscana, se vivo in Piemonte, o viceversa ? Ci sono, al contrario, delle eccellenze che devono circolare anche a chilometri di distanza ed essere universalmente riconosciute ed apprezzate. Bisogna far circolare ciò che di meglio abbiamo, le nostre competenze. Ciò non esclude che si debbano usare il più possibile i prodotti locali e, soprattutto, che si debbano consumare i prodotti di stagione, più buoni e disponibili a costo minore” .

Queste le prime risposte tranchant di Oscar Farinetti, intervenuto nel giorno di inaugurazione del Salone del Gusto, alla Scuola Holden di Alessandro Baricco. Prima di raggiungere il Lingotto il “patron” di Eataly ha incontrato gli studenti della scuola: aspiranti scrittori, sceneggiatori, giornalisti; in una parola: narratori. E a loro Farinetti ha raccontato la sua storia e, soprattutto, quella di Eataly e dell’analisi progettuale che ne è alla base, fondata su idee ben precise, come la concezione dei “contrasti apparenti”, leit –motiv dell’agire di Farinetti.

“In America, ad esempio”- ha proseguito Farinetti-“abbiamo aperto il 1° settembre, a New York, un nuovo negozio. Usiamo prodotti locali (ortaggi, farina, latte etc.) di qualità, ma abbiamo importato le nostre eccellenze, il nostro sapere, con il nostro sostrato culturale e le nostre suggestioni. Nel Montana abbiamo ricreato un ambiente ideale per l’allevamento della razza piemontese, riproducendo le condizioni e gli accordi che pratichiamo con i produttori nostrani. Ma abbiamo anche importato in loco la razza piemontese grazie all’inseminazione artificiale, visto che in America è vietato importare carne dall’estero. La razza piemontese, però, è la migliore per essere mangiata cruda, perché, dunque, privarsene per forza ?”.

Ecco un esempio concreto di cosa intende per “contrasto apparente“. L’accostamento di due pregi, che di solito non stanno insieme perché incompatibili, antitetici, o sentiti come tali dalla maggior parte delle persone che, forse per questo – fa intuire Farinetti – raramente producono idee nuove, non solo nell’imprenditoria. Come descrivere Eataly, del resto, se non facendo ricorso ai contrasti apparenti?

Non si tratta, infatti, né di un negozio di alimentari di vicinato, né di un supermercato della grande distribuzione, ma di un luogo che cerca di conciliare le positività di entrambi, facendo convivere informalità e ricchezza dell’offerta. Dei supermercati Eataly cerca di evitare lo spiacevole effetto di non luogo, dove la regola padrona è unicamente il miglior posizionamento sugli scaffali, senza poesia. Farinetti non è però un poeta, ma si ritiene prima di tutto un mercante. Pensa però che i veri mercanti non debbano vivere solo di luce riflessa e di posizionamento della merce, ma debbano, invece, raccontarne “la storia” e le suggestioni. In altre parole contribuire a creare quell’autorevolezza che nasce dalla qualità (anche percepita).

Invece, lamenta Farinetti, ”la maggior parte delle persone conosce le caratteristiche di diversi modelli di cellulare, che ci vengono sempre descritte con dovizia di particolari dalla pubblicità, ma non sa dire quali sono i prodotti di stagione. Troviamo semplicemente la descrizione generica, ad esempio Pere, con accanto il prezzo. Questo è profondamente sbagliato, sono i prodotti che mangiamo, che ci mettiamo dentro, quelli più importanti. E i prodotti vanno raccontati: che tipo di pere sono, dove sono state prodotte, da chi e da quanto tempo. Noto però, purtroppo, che ci sono leggi che non favoriscono questo tipo di approccio, perché troppo complicate. Ad esempio per l’etichettatura dei vini ci sono ben 11 diversi enti che hanno competenze in materia. Bisognerebbe semplificare le regole sulla tracciabilità e sull’etichettatura, sul Made In o sulla tipicità, sia a livello nazionale che internazionale. Ci vorrebbe un testo unico, oppure un unico grande codice, per dare maggiori certezze, ma anche maggiori tutele, sia ai produttori che ai consumatori.” Ipse dixit.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende