Home » Aziende »Idee »Pratiche » Il mercante che racconta i prodotti. Intervista a Oscar Farinetti:

Il mercante che racconta i prodotti. Intervista a Oscar Farinetti

ottobre 25, 2010 Aziende, Idee, Pratiche

Oscar Farinetti, Courtesy of altraeconomia.itChilometri zero? Sono contrario, così come al federalismo a tutti i costi. O, almeno, al concetto di chilometri zero così come è andato definendosi negli ultimi tempi. Nato da un’idea di Coldiretti, legata a concetti e giuste rivendicazioni del mondo dei produttori agricoli, trovo che il concetto di chilometri zero sia stato forzato e snaturato.”

“Perché mai dovrei privarmi delle eccellenze, ad esempio della Toscana, se vivo in Piemonte, o viceversa ? Ci sono, al contrario, delle eccellenze che devono circolare anche a chilometri di distanza ed essere universalmente riconosciute ed apprezzate. Bisogna far circolare ciò che di meglio abbiamo, le nostre competenze. Ciò non esclude che si debbano usare il più possibile i prodotti locali e, soprattutto, che si debbano consumare i prodotti di stagione, più buoni e disponibili a costo minore” .

Queste le prime risposte tranchant di Oscar Farinetti, intervenuto nel giorno di inaugurazione del Salone del Gusto, alla Scuola Holden di Alessandro Baricco. Prima di raggiungere il Lingotto il “patron” di Eataly ha incontrato gli studenti della scuola: aspiranti scrittori, sceneggiatori, giornalisti; in una parola: narratori. E a loro Farinetti ha raccontato la sua storia e, soprattutto, quella di Eataly e dell’analisi progettuale che ne è alla base, fondata su idee ben precise, come la concezione dei “contrasti apparenti”, leit –motiv dell’agire di Farinetti.

“In America, ad esempio”- ha proseguito Farinetti-“abbiamo aperto il 1° settembre, a New York, un nuovo negozio. Usiamo prodotti locali (ortaggi, farina, latte etc.) di qualità, ma abbiamo importato le nostre eccellenze, il nostro sapere, con il nostro sostrato culturale e le nostre suggestioni. Nel Montana abbiamo ricreato un ambiente ideale per l’allevamento della razza piemontese, riproducendo le condizioni e gli accordi che pratichiamo con i produttori nostrani. Ma abbiamo anche importato in loco la razza piemontese grazie all’inseminazione artificiale, visto che in America è vietato importare carne dall’estero. La razza piemontese, però, è la migliore per essere mangiata cruda, perché, dunque, privarsene per forza ?”.

Ecco un esempio concreto di cosa intende per “contrasto apparente“. L’accostamento di due pregi, che di solito non stanno insieme perché incompatibili, antitetici, o sentiti come tali dalla maggior parte delle persone che, forse per questo – fa intuire Farinetti – raramente producono idee nuove, non solo nell’imprenditoria. Come descrivere Eataly, del resto, se non facendo ricorso ai contrasti apparenti?

Non si tratta, infatti, né di un negozio di alimentari di vicinato, né di un supermercato della grande distribuzione, ma di un luogo che cerca di conciliare le positività di entrambi, facendo convivere informalità e ricchezza dell’offerta. Dei supermercati Eataly cerca di evitare lo spiacevole effetto di non luogo, dove la regola padrona è unicamente il miglior posizionamento sugli scaffali, senza poesia. Farinetti non è però un poeta, ma si ritiene prima di tutto un mercante. Pensa però che i veri mercanti non debbano vivere solo di luce riflessa e di posizionamento della merce, ma debbano, invece, raccontarne “la storia” e le suggestioni. In altre parole contribuire a creare quell’autorevolezza che nasce dalla qualità (anche percepita).

Invece, lamenta Farinetti, ”la maggior parte delle persone conosce le caratteristiche di diversi modelli di cellulare, che ci vengono sempre descritte con dovizia di particolari dalla pubblicità, ma non sa dire quali sono i prodotti di stagione. Troviamo semplicemente la descrizione generica, ad esempio Pere, con accanto il prezzo. Questo è profondamente sbagliato, sono i prodotti che mangiamo, che ci mettiamo dentro, quelli più importanti. E i prodotti vanno raccontati: che tipo di pere sono, dove sono state prodotte, da chi e da quanto tempo. Noto però, purtroppo, che ci sono leggi che non favoriscono questo tipo di approccio, perché troppo complicate. Ad esempio per l’etichettatura dei vini ci sono ben 11 diversi enti che hanno competenze in materia. Bisognerebbe semplificare le regole sulla tracciabilità e sull’etichettatura, sul Made In o sulla tipicità, sia a livello nazionale che internazionale. Ci vorrebbe un testo unico, oppure un unico grande codice, per dare maggiori certezze, ma anche maggiori tutele, sia ai produttori che ai consumatori.” Ipse dixit.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende